Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Il Ferroviere Bruno Bellomonte "VITTIMA DI GIUSTIZIA”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Gennaio 2015 15:30 Scritto da Sandro Martedì 27 Gennaio 2015 15:27

Ricevo e pubblico da "No Austerity".

Un licenziamento e una battaglia legale interminabile per riconquistare libertà, lavoro e dignità

"VITTIMA DI GIUSTIZIA

INCONTRO COL FERROVIERE BRUNO BELLOMONTE

Ventinove mesi di carcere per un innocente. La storia di una micidiale tenaglia repressiva, tra crudeltà di Stato e dispotismo aziendale


Manifestazione per Bruno Bellomonte

Mercoledì 4 febbraio 2015, il nostro compagno di lavoro, Bruno Bellomonte sarà a Roma per presenziare all'udienza d'appello contro la sua seconda sospensione dal lavoro, disposta da Rete ferroviaria Italiana Spa, perché accusato di fatti di terrorismo.

Nello stesso pomeriggio del 4 febbraio, alle 16, Bruno parteciperà ad un incontro pubblico presso i locali del Consiglio Metropolitano Partecipato, in Via Giolitti 231, in cui saranno presenti anche i suoi avvocati, Simonetta Crisci e Pierluigi Panici.

Invitiamo lavoratori, cittadini, associazioni e quanti hanno a cuore i principi di uguaglianza e di garanzia, ad un significativa presenza sia in Tribunale che all'incontro pubblico per testimoniare la nostra vicinanza. Chiediamo, inoltre, di diffondere questo messaggio e la locandina allegata a quanti ritenete possano essere interessati.

APPUNTAMENTI:

Ore 11,00 - Corte d'Appello di Roma, Via Antonio Varisco

(L'ingresso è ai varchi del Tribunale in Piazzale Clodio)

Ore 16,00 – Sala del Consiglio Metropolitano Partecipato
Roma, Via Giolitti, 231

(Adiacente Stazione termini, sopra il ballatoio)

Egli è vittima di una terribile vicenda dai contorni kafkiani che indigna ogni cittadino democratico e ogni lavoratore per la crudeltà, l'ipocrisia e il cinismo con cui viene trattato sia dalle istituzioni che dall'azienda.

Bruno ha già scontato da innocente 29 mesi di galera per accuse di terrorismo rivelatesi del tutto infondate: è stato infatti prosciolto definitivamente e con formula piena in primo, secondo grado e in Cassazione da ogni addebito.

Sulla sua vicenda e sullo scandaloso accanimento giudiziario messo in campo dalle istituzioni contro un cittadino innocente e dalle ferrovie dello stato contro un lavoratore responsabile e attento a diritti e sicurezza, è innanzitutto necessario ristabilire una corretta informazione a tutela della sua immagine, della sua dignità e di tutti i lavoratori impegnati in attività politiche e sindacali.

Difendiamo anche il principio della presunzione di innocenza fino all'ultimo grado di giudizio per tutti - anche per un semplice ferroviere come noi - e non soltanto per i ricchi e i potenti.


Comitato di Solidaretà con Bruno Bellomonte, ferroviere 'Vittima di Giustizia'

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

CHI E' BRUNO BELLOMONTE - E' un ferroviere, capostazione a Sassari, attivista politico e militante tra i più stimati e conosciuti per antico impegno sociale e sindacale, è inoltre un dirigente dell'organizzazione comunista“A' Manca pro S'Indipendentzia”(a Sinistra per l'Indipendenza), conosciuto in Sardegna per le sue idee e le battaglie condotte da sempre in piena trasparenza a fianco dei compagni di lavoro e sul territorio, a difesa di identità, tradizioni e dignità del popolo sardo. Arrestato ingiustamente per ben due volte con accuse di terrorismo (ha scontato da innocente oltre 29 mesi di carcere) è stato conseguentemente sospeso, licenziato, reintegrato provvisoriamente ed oggi è di nuovo sospeso dal lavoro a tempo indeterminato, una condizione quasi peggiore del licenziamento perché lo priva anche del sussidio di disoccupazione, della liquidazione e della possibilità di svolgere un altro lavoro.

per saperne di più:
http://www.inmarcia.it
http://ilminatorerosso.blogspot.it/2015/01/una-breve-sintesi-con-i-fatti-piu.html
http://www.manca-indipendentzia.org/ita/attivita/contro-la-repressione/itemlist/tag/Bruno%20Bellomonte.html
http://www.manca-indipendentzia.org/ita/organizzazione/comunicati/item/571-bellomonte-assolto-la-lotta-continua.html

 

 

Alla memoria. Cofferati. Prima Fiom e poi Cgil.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Gennaio 2015 15:23 Scritto da Sandro Martedì 27 Gennaio 2015 15:15

Cofferati:

errare humanum est,

perseverare autem diabolicum

Fabrizio Marchi

Correva l’anno 2002 e la CGIL guidata da Sergio Cofferati aveva portato a Roma tre milioni di persone in difesa dell’articolo 18.

Il gruppo dirigente dei DS, D’Alema e Fassino in testa, al di là delle dichiarazioni ufficiali, era molto preoccupato perché temeva ciò che in effetti era nell’aria già da tempo, e cioè la decisone di rompere da parte della sinistra interna e la costituzione di un nuovo grande partito della sinistra guidato proprio dall’allora leader della CGIL.

Non quindi la separazione di una esigua minoranza, come fu ad esempio per il caso del gruppo del Manifesto in seguito trasformatosi in Pdup (che per la verità fu espulso) o il rassemblement stile “arcobaleno” di questa e quella nomenclatura di partito in cerca di ricollocazione (non che questi aspetti , comunque fisiologici, non fossero presenti anche allora, sia chiaro, però non erano preponderanti rispetto all’entità del processo in corso o a quello che sembrava essere tale…) ma la nascita di un nuovo grande partito rappresentativo della gran parte del mondo del lavoro dipendente, che avrebbe avuto nella CGIL il suo architrave.

Un’ipotesi verso la quale in molti stavano da tempo lavorando anche e soprattutto all’interno dei DS. La nascita di questa nuova formazione politica avrebbe infatti “trascinato” con se tutto quello che si muoveva a sinistra grazie alla sua spinta propulsiva (inclusi quei movimenti di massa che in quella fase storica erano molto ampi e diffusi e che sia pure da un punto di vista molto critico avrebbero comunque avuto un interlocutore politico che fino a quel momento non avevano), avrebbe goduto dell’appoggio della grande maggioranza degli elettori di sinistra, fra cui milioni di iscritti alla CGIL (i sondaggi erano in voga anche allora e già da molto tempo…), e di fatto liquidato politicamente i DS (e il suo gruppo dirigente).

All’interno di questi ultimi erano già in tanti con le valigie in mano, come si suol dire, non solo dirigenti e quadri, ma decine e decine di migliaia di iscritti e militanti. Mancava solo l’annuncio ufficiale da parte di Cofferati che tutti stavano aspettando da un momento all’altro, specialmente quel popolo della sinistra che lo aveva di fatto già “incoronato” segretario del nuovo partito, prima ancora che questo nascesse, il 23 marzo del 2002, cioè il giorno della grande, oceanica manifestazione di Roma contro l’abolizione dell’articolo 18.

Quell’annuncio non avvenne mai e Cofferati si ritirò in buon ordine. Ricordo bene i dubbi e lo sgomento di molti che si erano spesi politicamente e personalmente in quel progetto abortito (oltre il limite massimo…) e che non riuscivano a spiegarsi le ragioni del suo improvviso dietrofront. C’era addirittura chi sospettava che fosse stato pesantemente e personalmente ricattato,chi invece (e il sottoscritto era fra questi) riteneva che fossimo in presenza di un inetto, di un nano politico che alla prova del nove non aveva avuto la forza di dare seguito e corpo a quel progetto politico che si era spontaneamente messo in movimento e che non aveva la capacità e l’autorevolezza di guidare. In parole ancora più povere, l’uomo sbagliato (Cofferati è sempre stato un ultramoderato né è mai stato dotato di particolari doti intellettuali) al posto sbagliato. Un uomo che le circostanze e i paradossi della storia avevano collocato in un ruolo che non era il suo. E’ probabile che abbia anche tirato un sospiro di sollievo quando qualche plenipotenziario dei DS gli avrà proposto:”Lascia perdere tutto, fai un passo indietro, ci pensiamo noi a te, ti garantiamo una bella e soprattutto comoda carriera, fai il parlamentare o l’europarlamentare e così via, ti “sistemi” e non devi più preoccuparti di niente”.

Da parte sua, silenzio assoluto. Ricomparirà sulla scena politica un paio d’anni più tardi in occasione della sua candidatura da parte dei DS e del centrosinistra come sindaco di Bologna. In questa veste balzerà alle cronache per la sua campagna contro i lavavetri abusivi colpevoli di disturbare gli automobilisti, per quella contro i graffiti sui muri e per l’ordinanza con la quale vietava ai locali del centro storico di vendere alcoolici dopo le 22. Ogni commento è superfluo…

Dopo questa esperienza come amministratore pubblico, all’insegna di un rozzo quanto scontato perbenismo (anche venato di un certo razzismo…) tipico, diciamoci la verità, di un certo provincialismo piccolo borghese che in questo paese non è mai venuto meno e quando morirà (se mai morirà…) non sarà mai troppo tardi, il “nostro” viene candidato al Parlamento europeo dover resterà per un paio di legislature. Nel frattempo,naturalmente , sarà tra i fondatori nel 2007 del Partito Democratico, dal quale ora ha deciso di uscire perché – dice lui, in buona sostanza –“lo spirito che animava coloro che hanno deciso di dar vita a quel partito è stato tradito, in occasione delle primarie per la scelta del candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Liguria, da metodi e comportamenti che hanno caratterizzato quelle stesse primarie che nulla hanno a che vedere con quello spirito”.

Nel caso specifico gli crediamo sulla parola. Non abbiamo dubbi sul fatto che le primarie liguri del Pd  siano state caratterizzate – come lui stesso ha denunciato – da brogli, compravendita di voti di extracomunitari (più squallida e sporca non potevano organizzarla…) e accordi con il centrodestra che ha portato i suoi a votare per farlo fuori e favorire la candidata renziana (cosa peraltro già accaduta nelle primarie che avevano visto trionfare Renzi su Cuperlo…).

Il problema vero non è questo, e tutto sommato non è neanche quello di sapere se in caso di vittoria, nonostante i brogli e la vergogna degli extracomunitari pagati per votare la sua concorrente, avesse mantenuto la decisione di uscire ugualmente dal PD. Verosimilmente mi sento di dire che sarebbe rimasto ma, come ripeto, non è questo il punto (del resto, credo che già percepisca una superpensione d’oro…).

Il punto vero è che questo mediocre e insignificante uomo d’apparato, già responsabile del fallimento di un progetto politico che con tutti i suoi limiti avrebbe potuto cambiare i rapporti di forza all’interno della sinistra e soprattutto avrebbe potuto rappresentare un minimo di argine all’offensiva neoliberista che sta letteralmente devastando il mondo del lavoro, viene tuttora individuato da molti (compreso il leader della Fiom, Landini) come il leader  di un possibile nuovo partito della sinistra.

Ora,  “errare humanum est, perseverare autem diabolicum”, come recita questo vecchio detto latino.

L’ “errore”, in questo caso, appare ancora più “diabolico” nel momento in cui coloro che dovrebbero dar vita a questo possibile nuovo soggetto

vengono individuati in personaggi considerati “nuovi” o relativamente tali come Pippo Civati e Stefano Fassina

(dietro ai quali continuerebbero peraltro a muovere le fila i vari D’Alema, Vendola ecc .).

Ci sarebbe da ridere se non fosse che in molti stanno prendendo la cosa seriamente.

Mi sento naturalmente di scongiurare questa ipotesi, non certo perché sia pregiudizialmente contrario alla possibilità della costruzione di un soggetto politico che rappresenti le ragioni e gli interessi dei ceti sociali popolari e subalterni (cioè potenzialmente e in linea teorica la maggioranza delle persone),  ma perché penso che un soggetto politico di questo genere debba avere tutt’altra genesi, debba nascere da una dialettica e da una conflittualità sociale reale e non debba avere nulla a che fare con le dinamiche interne di questa o quella nomenclatura in cerca di riposizionamento e di spazio politico (e di conseguenza debba dotarsi di un gruppo dirigente che sia l’espressione di quella dialettica) .

Leggendo qua e là, anche sulla rete, vedo molti (fra cui anche amici e persone degne di stima) guardare con simpatia e con favore all’ipotesi di cui sopra. Li invito, con l’umiltà dovuta, ad una profonda riflessione nel merito e ad una rivisitazione delle loro posizioni.

Ben altro, ben più complesso e decisamente in salita, è il percorso da intraprendere.

   

Stop TTIP Italia: verso il 18 aprile.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Gennaio 2015 14:48 Scritto da Sandro Lunedì 26 Gennaio 2015 14:45

Stop TTIP Italia: verso il 18 aprile.

Le nuove iniziative

Con il 2015 e la fine del semestre italiano, scatta la fase due della Campagna Stop TTIP Italia.

Dopo il primo lavoro di consolidamento (che continua), con decine di comitati e contatti locali creati nei vari territori e centinaia di iniziative, l’obiettivo è il prossimo 18 aprile 2015, giornata di azione globale contro #TTIP e #CETA.

In vista di quell’appuntamento, e a meno di due settimane dal prossimo Round negoziale TTIP a Bruxelles, la campagna italiana ridefinisce le proprie priorità per aumentare le pressioni su Governi e negoziatori:

viene lanciata anche in Italia, in collaborazione con le reti internazionali, la raccolta di firme contro il TTIP e il CETA, un link permanente sul sito Stop TTIP permetterà a tutti di aderire e di diffonderla;

contemporanemente si aumenta la pressione su parlamentari nazionali ed europei perchè prendano posizione sul TTIP a cominciare dalle ragioni della Campagna.

Il 2015 può essere l’anno cruciale per affossare definitivamente il #TTIP. E per farlo c’è bisogno della collaborazioni di tutti.

Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Stop TTIP" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a stop-ttip+ Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Per postare in questo gruppo, invia un'email a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.

Per postare in questo gruppo, invia un'email a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.

 

   

Pagina 66 di 86