Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Convocazione dell’Esecutivo nazionale.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Settembre 2014 14:23 Scritto da Sandro Lunedì 01 Settembre 2014 15:58

Udine, li 30 agosto 2014

Per l’Esecutivo Nazionale Unione Sindacale Italiana (USI).

E p.c. alle federazioni locali intercategoriali, sezioni locali, sindacati di categoria e comparto, strutture aziendali, dell’Unione Sindacale Italiana

OGGETTO: Convocazione dell’Esecutivo nazionale dell’Unione Sindacale Italiana (come definito al XIV° Congresso di ROMA – luglio 2014), aperto alla partecipazione di delegati e delegate sindacali Usi, per il giorno come di seguito.

RENATO GREGO, nella sua qualità di Segretario Generale eletto dall’ultimo Congresso di ROMA dell’USI, dopo avvenuta consultazione e aver avuto l’assenso delle Federazioni locali intercategoriali e di tutta la segreteria nazionale collegiale, convoca per i giorni:

SABATO 27 SETTEMBRE (dalle ore 16.00 alle 20.00)

DOMENICA 28 SETTEMBRE (dalle 09.00 alle 13.00).

A MILANO PRESSO LA NUOVA SEDE DI VIA RICCIARELLI 7 -

L’ESECUTIVO NAZIONALE DELL’UNIONE SINDACALE ITALIANA.

La partecipazione e l'invito è APERTO AI DELEGATI E ISCRITTI/E DELLE SEZIONI DELL'Unione Sindacale Italiana.

Come è prassi consolidata chiedo che si invii preavviso di partecipazione per e mail a:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

fax al numero 0254107095.

La comunicazione è dovuta, per permettere alla Federazione di Milano di organizzare l’ospitalità.

Ordine del giorno:

-      Vertenze locali e nazionali

-      Scioperi nazionali (scuola, pubblico impiego ..)

-      Partecipazione ad incontri a livello internazionale (Coordinazione Rosso Nera e Rete europea del sindacalismo alternativo e di base)

-      Adesione a campagne nazionali (vedi STOP TTIP, contro il TISA, ecc.)

-      Ratifica verbale del Congresso

-      Stampa e propaganda (giornale, nuovo sito, campagna nazionale di tesseramento)

-      Varie ed eventuali

Saluti a tutti-e

ORA E SEMPRE RESISTENZA!

Il segretario generale nazionale

p.t. Renato Grego

 

ALFON LIBERO!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 29 Agosto 2014 12:33 Scritto da Sandro Giovedì 28 Agosto 2014 08:41

ALFON LIBERO!

Nella piattaforma rivendicativa per la libertà di Alfon, facciamo un apello per unirvi alla campagna di lotta per una immediata liberazione.

Il prossimo 18 settembre avrà luogo il processo contro Alfon, nostro amico e compagno, l'imputazioni prevedono 5 anni e mezzo di carcere.

Alfon è un giovane di 22 anni, vicino del quartiere operaio di Vallecas, a Madrid. E’ stato arrestato quando usciva di casa per raggiungere il picchetto unitario del suo quartiere, giornata di sciopero generale europeo del 14 novembre 2012 per rivendicare:

Non più disoccupazione!

No alla riforma del lavoro!

No tagli ai servizi sociali!

No alla privatizzazione della sanità edel l’educazione.

Grazie alla solidarietà e alle manifestazioni del 28 dicembre 2012 siamo stati capaci di rompere il silenzion informativo che voleva tenere Alfon nell’oscurità, siamo quindi riusciti il 9 gennaio 2013 a farlo uscire dal carcere dopo 56 giorni.

La repressione in Spagna non ha fatto altro che crescere fino a limiti mai sospetatti prima. Siamo in tanti che abiamo ricevuto multe, più di mille le persone imputate e centinaia e si chiedono pene detentive a chi partecipa a lotte social, politiche e sindacali.

Per tutto ciò e per sostenre la libertà di ALFON, si è deciso di organizzare delle mobilitazioni nel quartiere, della sua città, e anche nel resto del paese. E’ stata deciso di indire una nuova giornata di solidarietà internazionale il próximo 16 settembre alle 19:00 ore.

Contiamo sulla solidarietà attiva come è già avvenuto in altre ocasioni.

Proponiamo:

- Diffondire la convocatoria (mails, comizi publici, etc.)

- Una concentrazione acompagnata da una dichiarazione pubblica (16 settembre alle 19:00 in un posto emblematico della vostra cità).

- Inviare foto alla nostra mail.

W la solidarietà.

Alfon Libero!

Libertà e revoca delle accuse per tutte le persone imputate o incarcerate per le lotte!

VIVA LA LOTTA DELLA CLASSE OPERAIA!

CONTO BANCARIO SOLIDARIO: ES33 0487 0542 86 2000051729 (a nome di Madres Contra la Represión).

Facebook: Grupo Apoyo Alfon

Twitter: Alfon_libertad

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Web: www.alfonlibertad.wordpress.com

Video

http://alfonlibertad.wordpress.com/2014/08/27/video-solidaridad-con-alfon-2/

   

GRECIA. Con i 595 lavoratrici/trici c/o il ministero della finanza

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Settembre 2014 15:57 Scritto da Sandro Lunedì 25 Agosto 2014 16:27

Appello

Per una giornata internazionale di solidarietà con le 595 lavoratrici di pulizia del ministero della Finanza Greco

Noi, personale di pulizia del ministero della finanza, che abbiamo perso il nostro lavoro dopo il 17 settembre 2013, proponiamo di unire le nostre forze ed organizzare una giornata internzazionale di solidarietà sabato 20 settembre 2014.

Noi, personale di pulizia del ministero della finanza, che siamo state allontanate dal nostro lavoro il 17 settembre 2013 per far spazio ad appaltatori privati, siamo impegnate da 11 mesi in una lotta per la vita contro la politica di austerità e contro quelli che la applicano, il governo Samaras e la Troika.

Tutti i giorni rivendiachiamo per le strade il nostro lavoro ed i nostri diritti, resistendo alla violenza della polizia e alla propaganda del governo. La Giustizia Greca ci ha dato ragione però il governo si rifiuta di accettare ed applicare la decisione del giudice.

Vi chiediamo: associazioni di cittadini e moviemtni sociali, sindacati dei lavoratori e lavoratori, organizzazioni femministe, partiti politicie cittadini e cittadine del mondo intero, che non accettiate l'ingiustizia e condividiate la sofferenza delle vittime, che urliate a voce alta la vostra solidarità con la nostra lotta per la vita e per la dignità, una lotta che è anche una vostra lotta.

Proponiamo di unire le forze ed organizzare:

Una giornata internazionale di solidarietà

Proponiamo la settimana dal 15 al 22 di settembre, ossia, la settimana precedente alla sentenza definitiva sulle 595 lavoratrici di pulizia che sarà emessa il 23 Settembre 2014. Il movimento di mobilitazione internazionale potrà realizzarsi sabato 20 Settembre.

Si potranno realizzare azioni di solidarietà, come comizi e manifestazioni pubbliche, mobilitazioni davanti alle ambasciate e consolati Greci, davanti agli edifici del FMI a Washington e alla Banca Centrale Europea a Francoforte, o in qualunque altro posto vi sembri adeguato.

Si sta già preparando la partecipazione di una delegazione di queste lavoratrici in lotta alla manifestazione che avrà luogo davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo il 16 e 17 di Settembre.

Se volete partecipare a questa iniziativa vi preghiamo di farcelo sapere, al più tardi entro il 30 di Agosto, con il fine di sapere quali paesi e quali città parteciperanno.

Guardate anche:
http://595katharistries.wordpress.com https:/
Contatto: Sonia Mitralia,

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Tel: 0030 2109420681, 0030 6932295118 (Grecia)

Non sperate che vacilleremo!

Siamo 595 assistenti di pulizia del ministero della finanza che il giorno 17 di settembre 2013 abbiamo perso il nostro posto di lavoro. Lo stato ci ha abbandonato e il nostro lavoro è finito in mano a dei subaooaltatori, senza che questo abbia fatto risparmiare nulla allo stato. Il nostro salario ha sempre oscillato tra i 300 e i 600 euro al mese. Non siamo numeri o cifre, siamo esseri umani, non abbasseremo la testa. Dal 17 di Settembre siamo scesi in stada in difesa del nostro lavoro della nostra vita.

Il Governo prova in tutti i modi a farci abbandonare la nostra lotta. Le immagini di donne indifese di 50-60 anni colpite dalle forze speciali della polizia (MAT) han fatto il giro del mondo. Molte di noi son state portate all'ospedale dopo la brutale agressione subita dalla polizia.

Abbiamo scelto la dignità. Questi sono stati dieci mesi di lotta, di povertà e di problemi. Però continuiamo la nostra lotta. Vogliamo qualcosa di ovvio: il nostro diritto ad una vita dignitosa.

Un'ondata di solidarietà ha fatto il giro del paese. Lavoratori, disoccupati, studenti, pensionati e artisti han mostrato il loro sostegno in ogni modo possibile.

La giustizia Greca ci ha dato ragione, però il Governo si rifiuta di eseguire la sentenza dei tribunali. Al posto di questo, il governo vuole vendicarsi perchè abbiamo scelto la dignità.

La solidarietà è l'arma del popolo. Facciamo un appello affinchè manifestiate la vostra solidarietà con la nostra lotta per la vita e la dignità. Vi chiediamo di firmare la petizione e che ci aiutiate a raccogliere più firme possibili, affinchè il governo sia obbligato a rispettare la sentenza della Corte, qualcosa che al governo Greco non comporterà nessun costo aggiuntivo.

Insieme possiamo fermare questa politica brutale

   

Pagina 73 di 79