Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Marcinelle! 8 AGOSTO 1956 - 8 AGOSTO 2014

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Agosto 2014 08:18 Scritto da Sandro Giovedì 07 Agosto 2014 08:11

8 AGOSTO 1956: STRAGE DI MINATORI A MARCINELLE (BELGIO)

PER NON DIMENTICARE…”la CATASTROFA”

8 AGOSTO 2014


COMITATO 5 APRILE DI ROMA nodo locale della RETE NAZIONALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E SUI TERRITORI.

e mail riferimento Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Sede operativa

presso Associazione Usicons

Largo Veratti 25 00146 Roma

e mail nazionale della RETE

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

8 AGOSTO 1956 - 8 AGOSTO 2014, sono passati 58 anni, dalla strage su lavoro nella miniera di MARCINELLE in Belgio. Ci furono 262 morti, di cui 136 di emigrati italiani, nel linguaggio locale, a metà tra francese e dialetto, fu detta "La catastròfa".

 

La storia: Un incendio scoppiato a quota 975 della miniera, nel distretto carbonifero di Charleroi, 262 morti a causa di un incidente banale, UCCISI SUL LAVORO soprattutto dalla "premeditata" imprevidenza, dalla mancanza di elementari misure di protezione, dalla disorganizzazione. Si è trattato della prima “strage sul lavoro” dell'immigrazione italiana all'estero, in base ad accordi tra i Governi belga e italiano, lo scambio di forza lavoro e braccia in cambio di quote di carbone per la "ripresa economica" dell’Italia, distrutta dalla guerra e dal regime fascista.

 

Per molti anni, nessuna carica istituzionale, a partire dal Presidente della Repubblica Italiana, nessun esponente di Governi si è recato sul luogo della strage di Marcinelle, nessuno si impegnò a sostenere i familiari delle vittime, nessun intervento istituzionale durante l'inchiesta successiva al disastro sul lavoro, con una giustizia inerte di fronte a questo "massacro annunciato".

 

Già il solo fatto di rievocare la strage di Marcinelle, non dovrebbe lasciare silenziosi o insensibili coloro che oggi, in Italia come nella "civile" Unione Europea con tante direttive sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, parla di "flussi programmati" e di "integrazione", o di "invasione", quando si riferisce al fenomeno dell'immigrazione. Come non si può dimenticare questa strage sul lavoro, non si può cancellare quello che subirono i nostri antenati, bisnonni, le condizioni di emigrati e immigrati nei Paesi "ricchi" per uscire dalla quotidiana miseria, alla ricerca della “fortuna”, di un destino e di un futuro migliore, spesso pagato a caro prezzo di vite umane, come a Marcinelle, o più semplicemente con anni di disprezzo, mancanza di rispetto per la dignità di emigrati, di sfruttamento e di intolleranza, se non di discriminazione razzista vera e propria.

 

In Italia, nonostante la crisi permanente, la recessione economica, con un uso anche spropositato di cassaintegrazione, mobilità, licenziamenti collettivi, precariato e tanto lavoro sommerso e "al nero", che quantifica in diminuzione la forza lavoro codificata e quindi riduce sensibilmente, con un gioco di prestigio anche il numero ACCERTATO DI MORTI SUL LAVORO e DA LAVORO, rispetto solo a qualche anno fa, l'Italia rimane pur sempre un PAESE DOVE LA SALUTE E' CONSIDERATA COME UNA MERCE E LA SICUREZZA, NON SOLO SUI LUOGHI DI LAVORO MA SUI TERRITORI, E' VISTA DA PADRONI E GOVERNANTI COME "UN COSTO" DA RIDURRE PER MANTENERE, IN REGIME DI "CRISI PERMANENTE", UN MARGINE PUR MINIMO DI PROFITTO E UNA BUONA OCCASIONE PER LUCROSE SPECULAZIONI FINANZIARIE...

 

Noi non dimentichiamo, non scordiamo Marcinelle e la Lezione che ci ha lasciato, come non scordiamo la Thyssenkrupp, l'Umbria Olii, Molfetta, Trani, Ravenna, Genova, L'Ilva di Taranto, Marghera, Monfalcone, Palermo...Viareggio, Roma e tante altre.

 

NOI NON DIMENTICHIAMO, PERCHE' CHI NON HA MEMORIA NON HA UN FUTURO E NONOSTANTE TUTTO SIAMO ANCORA DISPOSTI A LOTTARE COLLETTIVAMENTE E AD ESSERE SOLIDALI

...PER UN ALTRO FUTURO

...POUR UN AUTRE FUTUR

 

Da Milano a Bologna a Ustica. Il 2 AGOSTO 1980 per non dimenticare.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Agosto 2014 09:02 Scritto da Sandro Lunedì 04 Agosto 2014 08:49

USI - Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

- fedele ai principi dell'Ait

confederazione sindacale nazionale.

segreteria generale

e mail: segretario generale confederale Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

e mail: segreteria nazionale Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .'; document.write( '' ); document.write( addy_text90982 ); document.write( '<\/a>' ); //--> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

sito nazionale www.usiait.it;

blog www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com,

archivio storico www.usistoriaememoria.blogspot.com

 

2 AGOSTO 1980. STRAGE ALLA STAZIONE DI BOLOGNA ORE 10.26...

L'ENNESIMA STRAGE "DI STATO", RIMASTA SENZA LA VERITA' E LA GIUSTIZIA, INDIVIDUATA LA MANOVALANZA FASCISTA MA I MANDANTI VERI SONO RIMASTI "IGNOTI".

L'USI UNIONE SINDACALE ITALIANA, NON DIMENTICA CHE LE BOMBE NELLE PIAZZE (PIAZZA FONTANA MILANO '69), NELLE STAZIONI, SUI VAGONI (e sugli aerei, sempre nel 1980 Ustica) SONO STATE MESSE ALL'INTERNO DELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE, LE BOMBE SONO STATE MESSO CONTRO GLI OPERAI, LE LAVORATRICI E I LAVORATORI, I MOVIMENTI SOCIALI DI LOTTA.

UNA MEMORIA STORICA CHE SERVE ANCHE PER LE NUOVE GENERAZIONI, CHE QUELLA STAGIONE NON L'HANNO VISSUTA DIRETTAMENTE, MA ANCHE PER LE GENERAZIONI CHE QUEGLI ANNI LI HANNO VISSUTI E SUBITI, SENZA RASSEGNARSI MAI.

2 agosto 2014.

   

CONTRO L'ACCORDO DELLA VERGOGNA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Luglio 2014 17:40 Scritto da Sandro Martedì 29 Luglio 2014 14:53

LA CAMPAGNA CONTRO L'ACCORDO DELLA VERGOGNA NON VA IN VACANZA!

Aumentano le adesioni all'appello contro la firma dell'accordo vergogna. Hanno aderito confederazioni sindacali nazionali (come la Confederazione sindacale USI), sindacati nazionali (come la Flmu Cub Telecom Italia), regionali (come la Cub Toscana, l'Usb industria Lombardia, l'opposizione Cgil della Puglia), rsu/rsa, strutture sindacali e di lotta locali.

Molte anche le adesioni individuali.

Firma anche tu e costruisci con noi le mobilitazioni dell'autunno per respingere l'accordo della vergogna!

Prime adesioni collettive all'appello:

Cub Toscana

Rsa Fiom Ferrari

Flmuniti Cub Ferrari

Rsu 47 Bordo Trenitalia Toscana

Licenziati politici Esselunga di Pioltello Si.Cobas

Coordinamento Migranti Verona

Resistenza Operaia - Fiat Irisbus

Usb Cremona

Rsu Cub Cobas Telecom Puglia

Si.Cobas Bergamo

Movimento Cassintegrati Telcom

Cub Sur Modena

Precari della scuola in lotta Modena

Cub Sanità Cremona

Rsa Fisac Cgil Equitalia Nord (CR)

Rsu Fiom La Protec San Giovanni in Croce

Cobas Monopoli

Comitato No licenziamenti Eco Leather (BA)

Allca Cub Bolzano

Cub Vicenza

Flmu-Cub Telecom Italia (nazionale)

Usb Industria Lombardia

Il sindacato è un'altra cosa - opposizione Cgil Puglia

Cobas Comune di Firenze

Coordinamento 3 ottobre (precari scuola) Milano

Usb Lavoro Privato Lecco

Coordinamento Lavoratori Cub Pirelli Bollate

Il sindacato è un'altra cosa - opposizione Cgil Cremona

Cobas P.I. Catania

Cobas Privato Catania

Usb Salerno

Cub Barletta-Andria-Trani

Operai Liberi Fim Cisl Lecco

Il sindacato è un’altra cosa - opposizione in Cgil Vicenza

USI  fedele ai principi dell'AIT

Cub Caltanissetta

Flaica Uniti Cub Caltanissetta

Cub Poste Padova

Confederazione Sindacale Unione Sindacale Italiana USI

Adesioni individuali all'appello:

Antonio Rocco, segretario provinciale Flaica Cub Crotone

Alessandra Cigna, rsu Flc Torino

Mario Barbieri, Cub-Sur Vicenza, segreteria nazionale Cub-Sur

Luc Thibault, Usb, delegato rsu Greta Alto Vicentino, Schio

Alberto Madoglio, coordinamento regionale Fisac Cgil Lombardia

Virna Granelli, rsu Cobas Comune di Genova

Adalgisa Barassi, Slc Vodafone Bologna, Il sindacato è un'altra cosa - Opposizione Cgil

Alessandra Marchetti, Filcams Venezia

Matteo Moroni, Coordinamento Cub Pirelli Bollate

Angelo Frigoli, rsu Cub Sanità Cremona

Paolo Ventrella, Rsa Fiom Cgil Ferrari, Modena

Annalisa Minutillo, operaia Jabil-Nokia, Cassina De Pecchi (MI)

Lorenzo Annibali, rsu/rsl Fiom Pieve d'Alpago (Bl)

Sandro Pescopagano, rsu Cub Industrie Zignago Portogruaro (Ve)

Agosto Donato, rsu funzione pubblica Cgil comparto sanità pubblica

Enzo Albergoni, delegato rsu Bergamo

Claudio Ferro, ex rsu Cub Dtl Al, Alessandria

Mineni Giambattista, Spi Cgil

Muffato Maria Elena, Fisac Cgil

Marcello Roberti, pensionato ex rsa Fiom, Roma

Sergio Ruggieri, ex rsl, Filcams Cgil, Jesi (An)

Daniella Coria, Associazione Fior di Loto contro la violenza e il maltrattamento delle donne, Alzano Lombardo (Bg)

Laura Bottai, Associazione Simposio di Ipparchia Cavriglia (Ar)

Francesco De Bella, ex Direttivo Fisac Cgil Banco di Napoli, Reggio Calabria

Tiziano Cardosi, Comitato No tunnel Tav Firenze

Emanuele Pezzi, Cub Marcegaglia, Cremona

Matteo Frigerio, Si.Cobas Milano

Alfredo Ciano, Cgil Torre Annunziata (Na)

Conny Fasciana, responsabile Cub PI Caltanissetta

Sauro Niccolai, Cobas scuola Firenze

Giuseppe Mancarella, Confederazione Cobas Lecce

Massimiliano Dancelli, direttivo provinciale Fiom Cgil, Cremona

Stefano Bonomi, Si.Cobas Bergamo

Stefano Oteri, Cobas Ministero Economia e Finanze, Roma

Mario Cirella, Sindacato lavoratori in lotta, Cercola (Na)

Giuliana Cassano, Falcri Paola (Cs)

Mario Avossa, Cub sanità, Salerno

Giacomo Petrelli, Cobas Pt-Cub Usb, Bari

Domenico De Feo, Operaio Ferroviere, Cub, Roccapiemonte (Sa)

Beatrice Esposito, Cub Modena

Elisa Pepe, iscritta Cub Scuola, Salerno

Francesco Cecchini, iscritto Spi Cgil Montebelluna (Tv)

Michele Giacomo Savazzi, iscritto Fiom Stroncone (Tr)

Maria Damato, iscritta Fiom Modugno (Ba)

Maurizio Lupi, Cgil Cremona

Lucio Luciani, lavoratore Cosenza

Alessandro Mazzolini, operaio, Cremona

Adriano Lotito, studente Bologna

Sabrina Volta, insegnante, Parma

Francesco De Bella, Villa San Giovanni (Rc)

Stefano D'Ercole, studente, Andria

Daniele Cortinovis, operaio, Bergamo

Laura Sguazzabia, insegnante, Cremona

Leo Orsi, pensionato

Mauro Buccheri, insegnante precario, Pdac, Palermo

Andrea Calarese, Fillea Cgil, Pcl, Catania

Davide Primucci, studente e attivista No Austerity Vicenza

Simone Tornese, Studente Lecce

Stefano Di Crosta, Milano

Fabiana Stefanoni, Cub Sur, Modena.

Gianni Monti, Firenze

Federico Bonaccorsi, Livorno

Francesco Lazzerini, Pisa

Gabriele Attilio Turci, Cobas Forlì

Mauro Coltorti, Jesi (An)

Ruggero Mantovani, Latina

Vincenzo Mordini, Impruneta (Fi)

Silvano Baldini, Sant'Egidio

Valerio Torre, Salerno

Amedeo Bernardi, Barga (Lu)

Antronio Salvino, Rende (Cs)

Raffaello Giampiccolo, Vicenza

Giovanni Ivan Alberotanza, Gissi (Ch)

Alessio Leonelli, operaio Opocrin, Allca Cub, Modena

Giampiero Sala, coordinamento nazionale di No Austerity

Simone Panzeri, No Austerity, Civate (LC)

Emanuele Visciglia, rsu Fim Cisl FOMAS spa, Cernusco Lombardone (LC)

Michele Schifone, Filt Cgil, membro direttivo regionale e provinciale, Torino (Controcorrente)

Michele Giacomo, Fiom, Terni

Enrico Turci, Forlì

Filippo Sutera, coordinamento regionale Cub Sicilia

William Hoope, UCU - University and College Union, GB

Gabriele Attilio Turci, Cobas Scuola, Forlì

Celine Danti, Partito di Alternativa Comunista, Milano

Massimo Cappelli, rsu Cub, Torino

Simona Pirini, Cesenatico

Pierpaolo Riboli, Cgil pensionati, Bergamo

Associazione Papillon Rimini

Fabrizio Bencini, Vaglia (FI)

Ivan Maddaluni, Cub Trasporti, Firenze

Stefano Di Crosta, precario senza diritti, Milano

Antonio Rocco, Flaica, Crotone

Amedeo Bernardi, Cisl, Barga (Lucca)

Fiorenzo Maghini, Lentate sul Seveso, Cub, Anpi Pcl

Giorgio Riboldi, presidente di Su La Testa - L'altra Lombardia

Lorenzo Gheri, Sesto Fiorentino (FI)

Francesco De Lorenzo, Cobas, Roma

Nereo Turati, A.P.S. Orizzonti Comuni, Vicenza

Giuseppe Mancarella, Cobas Lecce

Mariangela Sacchiero, Montebello Vicentino (VI)

Stefano Orsi, Vicenza

Vivienne Gaboardi, rsu delegata Cgil, Drizzona (CR)

Silvano Grandi, Grosseto

Marco Cassamagnago, Cub, Pcl, Pesaro

Michele Adorni, Flmuniti Cub, Modena

Massimiliano Milazzo, Cgil, Quincinetto (TO)

Marco Consolandi, Aprilia, Latina

Eliano Cruciani, Pomezia (Roma)

Enrica Paccoi, Roma

Giuseppe Romeo, Milano

Luigi Busato, Usb, Rsu Ospedale Civile Valdagno (VI)

Giuditta Brattini, Usb, Rsu Provincia, Padova

Federico Martelletto, Responsabile Provinciale Pubblico Impiego, Usb Vicenza

Roberto Galvanin, Usb, operaio Stefani Scm, Thiene (VI)

Luigi Malvone, sindacato CAT, Castelfranco Emilia (MO)

Gaetano Ventimiglia, coordinatore Cub Catania

Nadia Pettirossi, Usb, rappresentante rsu Izs Lt, Roma

Alberto Airoldi, Comitato iscritti FLC-CGIL Università Statale di Milano

Roberta Tortorelli, USB, delegata rsu AOU Salerno

Giuseppe Zicaro, Usb Cub, Alessandria

Salvatore Crisafulli, Piraini (ME)

Roberto Samadello, rsu Cgil ogr Vicenza, Filt Vicenza

Folco Pensotti, Usb Pubblico Impiego, Riscossa proletaria, Torino

Carla Tesoriero, Pianura, Napoli

Maurizio Mazzoncini, C.A.T. Lazio, Rieti

Luca Nanfria, delegato USB P.I., Genova

Pietro Maselli, USB, Napoli

Giusy Carnemolla, Cub Ragusa

Sara Carrapa, rsu Flc Cgil Università Statale, Milano

Gabriele Vesco, Spi Cgil direttivo metropolitano, Anpi, Venezia

Massimiliano Finardi, operaio Same, Fiom, Treviglio (Bg)

Francesco Ricci, Esecutivo nazionale Pdac

Julia Miron, Cig - Galizia, Spagna

Elio Mugnaini, Firenze

Maurizio Puma, Cub Parma

Roberto Giuliani, Rsu Cobas Provincia di Roma

Leonardo Favaro, RSU Direttivo Prov.le Filcams Cgil, Treviso

Youness Rhouma, Cub Immigrazione, Milano

Anna Cammarata, Vicenza

Filippo Tranchina, Palermo

Michele Paradiso, Rifondazione comunista, Bari

Linda Signorile, Cgil Scuola, Bari

Alessandra Marchettia, Rsa Rls Filcams Cgil, Mestre (VE)

Gianluca Cornelli, Fiom, Piacenza, Partito pirata

Valentina Roberto, Unione Inquilini, Messina

Gaetano Ventimiglia, coordinamento provinciale Cub Catania

Elena Gonzo, Cub Vicenza

La Sinistra e i beni comuni per Brogliano (VI) e i consiglieri Mario Barbieri e Christian Farina

Andrea Sanna, Capoterra, Cagliari

Pinuccia Selis, Cobas Scuola, Verona

Tiziano Valenti, USI/AIT coop. sociali, Bologna

Marina Casiraghi, Alternativa comunista, Caponago (Monza Brianza)

Edoardo Todaro, Rsu Rls Poste Confederazione Cobas, Firenze

Roberto Giardelli, Opposizione Cgil, Arci, Genova

Aldo Cafaro, C.A.T. Lazio, Ardea

Alfredo Comito, Rsu Cub Transcom W.W., Milano

Giorgio Viganò, Alternativa Comunista, Milano

Paola Mercurio, Cub Vicenza, Pdac

Anna Pierpaola Gallo, Guardiagrele (Chieti)

Mario Amiranda, Si.Cobas A.S.F. Autolinee Como

Giovanni Dall'Osto, Fiom, Cogollo del Cengio (VI)

Mauro Covili, delegato USB Sanità Emilia Romagna

Gianni Picardi, Napoli

Piergiuseppe Orsi, ex iscritto Cgil Pensionati

Davide Milanesi, Unione Sindacale Italiana - IWA/AIT, Segretario settore Cooperative sociali


Manda la tua adesione a questo appello scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

indicando nome, cognome, città, eventuale sindacato o incarico sindacale o organizzazione di appartenenza.

E' particolarmente importante mandare adesioni di sindacati, rsu/rsa, comitati di lotta.

PUOI ADERIRE ANCHE CLICCANDO QUI:

http://www.coordinamentonoausterity.org/firmaappellonoaccordorappresentanza/

I DIRITTI SINDACALI NON SI SVENDONO!

Segui lo sviluppo della campagna: www.coordinamentonoausterity.org

   

Pagina 76 di 81