Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

VERSO LO SCIOPERO GENERALE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Novembre 2017 14:26 Scritto da Sandro Mercoledì 08 Novembre 2017 14:21

VERSO LO SCIOPERO GENERALE

DEL 10/11/2017

Care/i colleghe/i, recentemente mi è stato segnalato che da qualche tempo ed in alcuni settori, le autorizzazioni "HR" vengono inoltrate nella loro interezza, oltre che al lavoratore ed al suo responsabile Zètema per la busta paga, anche a referenti di Roma Capitale. Sono convinta che, essendo Roma Capitale la nostra committenza abbia necessità di avere un quadro chiaro delle assenze, sono altresì convinta che tale dato non debba, però, essere fornito violando la privacy dei dipendenti Zètema, lasciando in chiaro anche le spiegazioni che, come lavoratori, inseriamo nelle note, dettagliando anche singole indicazioni sanitarie. A tal riguardo ho promosso una richiesta di chiarimenti al dr. Tagliacozzo per la quale attendo fiduciosa riscontro.

Colgo l'occasione per ricordarvi che venerdì 10 novembre p.v. è stato proclamato (e resta confermato) uno sciopero generale per il quale ci sarà un appuntamento congiunto dell'USI con Cobas, Cib Unicobas, Usb, Orsa (ma scioperano anche  i ferrovieri aderenti alla Cub e altre situazioni che hanno individuato nella giornata del 10, a livello nazionale, l'occasione giusta per dare forza alle singole vertenze e lotte aziendali o locali, con MANIFESTAZIONE DALLE ORE 9 (NOVE) A VIALE TRASTEVERE 76, presso il MIUR (Ministero Istruzione, Università e  Ricerca), che è stato individuato come uno dei luoghi dove si fa più pressante l'attacco ai diritti di chi lavora (anche nei tanti servizi esternalizzati e privatizzati...) e alla componente studentesca...la forza - lavoro in formazione.

In allegato la locandina volantino con i punti salienti dell'articolata piattaforma di sciopero del 10 novembre, che vi invito a far girare e a diffondere.

Dato il carattere generale ma articolato della giornata di sciopero, l'importanza di dare una riposta collettiva e solidale, a questo attacco generalizzato alle condizioni di lavoro e di vita, vi invito anche se le condizioni meteorologiche non ci sono al momento favorevoli e quelle di lavoro ancora meno,  a scioperare, far scioperare e ad essere presenti e combattivi alla manifestazione. Serenetta Monti (RSU/USI)

Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

e mail:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://www.usiait.it

http://www.serenettamonti.it

 

NON CI RIDARA’ NICOLE!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Novembre 2017 09:43 Scritto da Sandro Mercoledì 08 Novembre 2017 09:35

SENTENZA DI CORTE D’ASSISE D’APPELLO DI ROMA, OGGI 7 NOVEMBRE 2017, SUL FEMMINICIDIO DI NICOLE LELLI:

L’ASSASSINO CONDANNATO A 20 ANNI DI RECLUSIONE (tolte le attenuanti generiche rispetto al primo grado).

LA GIUSTIZIA PROCESSUALE PENALE, IN AULA, E’ FATTA…

MA NON CI RIDARA’ NICOLE…IL 25 NOVEMBRE 2017

IN PIAZZA, MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA.

 

 

IL 7 novembre 2017, è una data da ricordare. Anche perché oggi, è stata emessa la sentenza di Corte d’Assise di Appello a Roma, in merito al FEMMINICIDIO di NICOLE LELLI, a 25 anni uccisa dal suo ex compagno, che è stato condannato a 20 anni di reclusione (aumentata la pena del primo grado, tolte e non concesse le “attenuanti generiche” fruite in precedenza).

Siamo vicini a Maria Grazia e a Gianni, i suoi genitori, ai familiari e a tutte-i coloro che si sono spesi per questa ennesima storia, per darne la dovuta informazione, per sostenere la ricerca della verità e per ottenere giustizia.

Alla fine, la giustizia processuale penale è arrivata, con 20 anni di reclusione al suo assassino.

La condanna pur meritata, NON CI RIDARA’ NICOLE…, il suo sorriso, la sua vitalità, la sua voglia di vivere le sue esperienze di giovane donna…un vuoto che come succede in casi simili (tanti, troppi…), non si colma con una sentenza di un tribunale.

IL 25 NOVEMBRE, ANCORA IN PIAZZA, ANCORA IN LOTTA, ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA, promossa dal coordinamento “Nonunadimeno” e da tante associazioni e gruppi, contro le violenze contro le donne.

Si lo diciamo al plurale, perché le violenze sul lavoro, le disparità di trattamento, le discriminazioni, i ricatti e le prepotenze, non sono minori delle violenze fisiche in strada o nei luoghi di lavoro, quelle in casa e in famiglia..

Perché per chi è autorganizzato sindacalmente e nei territori, non si può tenere separate la lotta contro chi ti sfrutta da lavoratrice o da lavoratore, con quella di chi ti vuole sottomessa o subalterno da persona.

Come si diceva una volta, la contraddizione tra capitale e lavoro non va svincolata dalla questione di genere, una grande lotta culturale e sociale, dalla quale non è possibile sottarsi, né è delegabile ad altre-i. Un percorso e un quotidiano impegno, che ci ha visto più volte scioperare il 25 novembre e l’8 marzo e che ci fa proseguire nelle lotte…anche a Nicole, come tante altre, noi questo, lo dobbiamo.

 

Unione Sindacale Italiana USI fondata nel 1912

Segreteria nazionale collegiale confederale Udine/Milano/Roma/Caserta

E mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

sito nazionale www.unionesindacaleitaliana.eu/www.usiait.it

giornale “Lotta di Classe” per contatti Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

 

   

Catalogna. Comunicato CNT, CGT e Solidaridad Obrera

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Novembre 2017 13:14 Scritto da Sandro Giovedì 02 Novembre 2017 12:53

Comunicato congiunto

CNT, CGT e Solidaridad Obrera

sulla situazione in Catalogna (ca, en, fr, pt)

 

 

IL comunicato congiunto di CNT, CGT e Solidaridad Obrera sulla situazione in Catalogna, denuncia la repressione che lo Stato ha scatenato, con riduzione dei diritti e delle libertà che presuppone e paventa l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.

Le organizzazioni a livello nazionale, condividono la stessa preoccupazione per la situazione in Catalogna, per la repressione che lo Stato ha scatenato, per la riduzione dei diritti e delle libertà che questo presuppone e paventa l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.

Noi difendiamo l'emancipazione di tutti i lavoratori della Catalogna e nel resto del mondo. Forse, in questo contesto, è necessario ricordare che noi non intendiamo il diritto all'autodeterminazione in modo statalista, come proclamano i partiti e le associazioni nazionalisti, bensì come diritto all'autogestione della nostra classe in un determinato territorio. In questo senso, l'autodeterminazione si realizza più attraverso il controllo della produzione e del consumo da parte dei lavoratori e di una democrazia diretta dal basso verso l'alto, organizzata secondo principi federalisti, piuttosto che con l'istituzione di una nuova frontiera o con la creazione di un nuovo Stato.

Come internazionalisti, sappiamo che la solidarietà tra i lavoratori non deve limitarsi ai confini nazionali, per cui ci importa poco dove questi vengono tracciati. Ciò che ci sembra molto preoccupante è la reazione che si sta vivendo in molte parti del resto dello Stato, con l'esaltazione di uno spagnolismo rancido, che ricorda per lo più epoche passate, coccolato da parte dei media e in sintonia con la deriva autoritaria del governo, viatico per l'imprigionamento di persone accusate di aver convocato atti di disobbedienza o per l'applicazione dell'articolo 155 della Costituzione. Siamo consapevoli che questa epidemia nazionalista pone le basi per ulteriori tagli dei diritti e delle libertà, contro cui dobbiamo agire in modo preventivo.

L'asfissiante unità delle cosiddette "forze democratiche" per giustificare la repressione, fa presagire un quadro desolante per tutte le dissidenze future. Sembra che il regime post-franchista che ci governa da 40 anni, serrerà i ranghi per garantire la sua continuità.

Questo regime, che è esistito ed esiste in Catalogna e nel resto della Spagna, ritiene che sia in gioco la sua sopravvivenza. Ampiamente messo in discussione e immerso in una profonda crisi di legittimità, questo regime è allarmato all'accumularsi di fronti aperti.

La minaccia per l'integrità territoriale dello Stato si aggiunge agli scandali di corruzione, al discredito della monarchia, alla questione dei salvataggi finanziari e dei tagli che sono stati imposti alla popolazione, al malcontento per la schiavitù nei luoghi di lavoro derivata dalle recenti riforme del lavoro, allungando l'età pensionabile e tagliando gli assegni pensionistici, ecc ... Gli appelli continui per difendere la Costituzione devono essere intesi come rintocchi di campane per affrontare questa vera e propria crisi esistenziale in cui versa il regime. Il pericolo è che in questo processo si legittimo e diventino normalità i comportamenti repressivi come quelli recentemente osservati in molte città catalane. O peggio.

Non sappiamo in quale senso evolveranno gli eventi. Rimarremo attenti a ciò che succede, pronti a difendere gli interessi dei lavoratori in tutto lo Stato. Ci opporremo con forza alla repressione  già in atto, alle manifestazioni della destra radicale. Non ci metteremo al servizio delle strategie dei partiti politici i cui obiettivi ci sono estranei. Ma, non smetteremo di incoraggiare le mobilitazioni della classe lavoratrice quando è essa stessa a decidere. Crediamo che sia giunto il momento di scrollarsi di dosso la dittatura di élite politiche ed economiche che da troppo tempo gestiscono il controllo del territorio per servire esclusivamente i propri interessi.

Come sindacati di classe combattivi e libertari saremo nelle strade, nelle mobilitazioni, come abbiamo dimostrato in molte occasioni, contro la repressione, per i diritti e per le libertà, contro i tagli e contro la corruzione.

La crisi catalana può essere il punto di volta di un modello di stato morente. Se questo cambiamento andrà in una certa direzione o in un'altra dipenderà dalla nostra capacità, come classe, di portare il processo in atto nella direzione opposta alla repressione e alla crescita dei nazionalismi. Speriamo che il risultato finale sia più libertà e più diritti e non viceversa. La posta in gioco è alta.

 

PER I DIRITTI E PER LE LIBERTA'! NO ALLA REPRESSIONE CONTRO LE CLASSI LAVORATRICI!

2 Nov 2017

CGT - Solidaridad Obrera - CNT

 

   

Pagina 4 di 83