A.R.A.N. - R. S. U. Circolare 26.11.10 n. 10700

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

A.R.A.N. (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni)

Circ. 26-11-2010 n. 10700
Rappresentanze sindacali unitarie.
Emanata dall'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, Direzione di contrattazione I, U.O. Relazioni sindacali.

Epigrafe
Destinatari
Testo della circolare
Circ. 26 novembre 2010, n. 10700 (1).
Rappresentanze sindacali unitarie.

(1) Emanata dall'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, Direzione di contrattazione I, U.O. Relazioni sindacali.

A tutte le amministrazioni Loro sedi

Sono pervenute a questa Agenzia, da parte di amministrazioni ed enti pubblici, numerose richieste di chiarimenti in merito al prossimo rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie.

In proposito, si richiama quanto previsto dall'art. 65, comma 3, del D.Lgs. n. 150 del 2009 e, precisamente, che le RSU sono prorogate, anche se le relative elezioni siano già state indette. Con riferimento alla data del 30 novembre 2010, citata nella suindicata disposizione, occorre invece precisare che la stessa non sembra assumere carattere perentorio, in quanto condizionata alla definizione dell'Accordo quadro sui nuovi comparti ed aree.

Tale argomento è stato anche affrontato nel corso di alcune riunioni con le Confederazioni sindacali, dalle quali è stato confermato che il CCNQ per i comparti e le aree rappresenta uno strumento essenziale per l’individuazione dei nuovi ambiti di riferimento per la prossima competizione elettorale come, del resto, anche riportato nel verbale della riunione sindacale del 30 agosto u.s. Pertanto, poiché il suindicato Accordo è ancora in fase di negoziazione, si ritiene che le RSU vigenti, quale soggetto sindacale necessario, non decadano alla data del 30 novembre 2010, ma proseguano nello svolgimento delle loro funzioni fino al prossimo rinnovo elettorale, mantenendo, altresì, invariate tutte le prerogative alle stesse riconosciute dalle disposizioni legislative e contrattuali vigenti.
Il Commissario straordinario
Cons. Antonio Naddeo
D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, art. 65