Sede Milano

Via Ricciarelli, n° 37.

20148 Milano. (Zona Rebrandt/Aretusa/Osoppo)

Telefono - 02 54 10 70 87.

Tel./Fax  - 02 54 10 70 95.

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Come arrivare:

Filobus: 90; 91. Fermata Piazzale Brescia.

Autobus: 98. Fermata Aretusa/Rembrad.

BUS: 80. Fermata Rembradt/Aretusa.

Tram n° 16: Fermata P.zza Brescia/Ricciarelli

MM 2: Uscita Romolo Filobus 90. 1° fermata dopo p.zzale Brescia.

MM 1: Uscita Gambara (direzione Bisceglie).

MM 5: Uscita Lotto, Autobus 98, fermata Aretusa/Rembrad.


Verifica e controllo buste paga dei CCNL.

Calcolo TFR

CAAF

  • C/O l’Unione Sindacale Italiana di via Ricciarelli n.37.

Il servizio per gli associati USI è cosi disposto:

730.

congiunto.

pensionati.

Il servizio è disponibile per i non associati:

730.

congiunto.

pensionati.

Il servizio è sempre attivo.

Per informazioni chiamare i seguenti numeri:

Tel. 02.87.18.80.48

Tel. 02.87.18.40.49

Tel. 02 54 10 70 95 (operativo tutti i giorni)

Tel. 02.54.10.70.87 (operativo tutti i giorni)

Cel. 328.601.92.50 (operativo tutti i giorni)

Oppure potete scrivere a:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

AGOSTO DAL 1° AL 20 SOLO IL MATTINO. (09-13)


LA NUOVA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO COLLETTIVO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO COLLETTIVO

- Dopo la legge n. 92 del 2012

(Cassazione Sezione Lavoro n. 12095 del 13 giugno 2016, Pres. Venuti, Rel. Amendola).

 

In materia di licenziamento collettivo il comma 3 dell'art. 5 della L. n. 223 del 1991 è stato sostituito dall'art. 1, co. 46., L n. 92 del 2012, con il seguente testo:

"Qualora il licenziamento sia intimato senza l'osservanza della forma scritta, si applica il regime sanzionatorio di cui all'articolo 18, primo comma, della legge 20 maggio 1970, n. 300, e successive modificazioni. In caso di violazione delle procedure richiamate all'articolo 4, comma 12, si applica il regime di cui al terzo periodo del settimo comma del predetto articolo 18. In caso di violazione dei criteri di scelta previsti dal comma 1, si applica il regime di cui al quarto comma del medesimo articolo 18. Ai fini dell'impugnazione del licenziamento si applicano le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 15 luglio 1966, n. 604, e successive modificazioni".

Va distinto il "caso di violazione delle procedure richiamate all'articolo 4, comma 12" dal "caso di violazione dei criteri di scelta previsti dal comma 1".

Nel primo caso "si applica il regime di cui al terzo periodo del settimo comma del predetto articolo 18"; secondo il terzo periodo di tale settimo comma "nelle altre ipotesi in cui accerta che non ricorrono gli estremi del predetto giustificato motivo, il giudice applica la disciplina di cui al quinto comma"; il rinvio ulteriore a detto quinto comma fa sì che il giudice, in tali ipotesi, "dichiara risolto il rapporto di lavoro con effetto dalla data del licenziamento e condanna il datore di lavoro al pagamento di un'indennità risarcitoria onnicomprensiva determinata tra un minimo di dodici ed un massimo di ventiquattro mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto".

Nel secondo caso - "violazione di criteri di scelta" - "si applica il regime di cui al quarto comma del medesimo articolo 18"; quindi il giudice "annulla il licenziamento e condanna il datore di lavoro alla reintegrazione nel posto di lavoro di cui al primo comma e ai pagamento di una indennità risarcitoria commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione", in una misura non superiore alle dodici mensilità.

 

Modifica unilaterale del Part-Time.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Milano li, 06.07.2016

Spettabile

Pellegrini S.p.A.

Via Lago di Nemi, n° 25    

20142 MILANO

 

Oggetto: modifica unilaterale del Part-Time.

Si comunica che c/o l’appalto del San Raffaele i responsabili d’appalto hanno deciso un modo unilaterale la modifica  del part-time.

Le lavoratrici e i lavoratori sono da oggi sottoposti a una turnistica lavorativa che oltre a prevedere la modifica dell’orario di lavoro è ora anche un orario spezzato, cioè un part-time su più turni per lo stesso giorno e per le stesse ore.

Vi ricordiamo che:

Il contratto a tempo parziale come prevede il D.L. oltre al patto scritto, cioè azienda e lavoratore devono essere indicato:

1.      Mansione;

2.      La distribuzione dell’orario di lavoro;

3.      Il giorno della settimana di riferimento;

4.      La settimana;

5.      Il mese;

6.      L’anno.

Nessun lavoratore ha avuto il piacere di ricevere una proposta di sottoscrizione nel patto per aderire a un nuovo part-time, ma solo una comunicazione di fatto di ciò che ha deciso la società per mezzo delle Vostre responsabili di cantiere.

Tutto ciò, in netta contrapposizione di quanto è previsto dal D.L. convertito in L. 19 dicembre 1984 n. 863.

Ci riserviamo a nome e per conto delle nostre associate di garantire tutto ciò di quanto previsto dalla normativa tutt’ora vigente.

Nell’attesa distinti saluti.

P. il sindacato

Bruzzese Sandro

 

Licenziamenti in IVRI

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Comunicato ai lavoratori IVRI.

Il giorno 24.02.2017, c/o la sede sindacale dell''Unione sindacale Italiana, si è chiusa la procedura di licenziqamento collettivo avviato dall'IVRI.

Tutti i licenziamenti erano stati impugnati finita la procedura al mionistero del lavoro.

Accordo.

Tra sindacato e società si è raggiunto l'accordo per il reintrego dei lavoratori licenziati e rappresentati dall'USI-C.T. & S.

Dal 1° marzo 2017, tutti/e sono rientrati nelle proprie postazioni lavorativi alle stesse condizioni economiche, con la stesssa retribuzionione e la stessa anzianità di servizio.

Il job act non è alla circostanza applicabile.

P. la segreteria

USI - C. T. & S.

Bruzzese sandro

 

 

Comunicazione ai dipendenti

Il giorno 18 luglio 2016 - ore 13.30 a Roma

sono stati convocati c/o il Ministero del Lavoro

così come chiesto della Società IVRI Servizi Integrati e Fiduciari

tutte  le strutture sindacali, per l'avvio della procedura d'obbligo

sui licenziamenti collettivi di cui all'art. 4 della Legge 223/91.



Milano li, 05.07.2016

Spett. le

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Direzione generale della tutela delle condiziioni

di lavoro e delle relazioni industriali

Via Fornovo, n° 8 Palazzo B

00192 Roma

PEC:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Spett.le

IVRI Servizi Integrati S.p.A. in liquidazione

Via Sapri, n° 26

20156 Milano
PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    

Spett.le

Unione Sindacale Italiana

Segreteria Nazionale(collegiale)

Largo G. Veratti 25

00146 Roma

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Oggetto: in 1. ma comunicazione ex artt. 4 commi 2 e 3 e 24 comma 1, Legge n. 223/1191 e in  2. Comunicazione art. 4, comma 6, Legge 223/91.

La scrivente  O. Sindacale in relazione alla comunicazione in oggetto datata 1.7.2016 e pervenuta con A/R in data 5.7.2016 si rende disponibile all’incontro da Voi proposto per l’esame congiunto relativamente agli esuberi da Voi indicati per un totale di 62 lavoratori sul territorio nazionale, di cui 26 con CCNL Fiduciari e 36 con CCNL Multiservizi.

Rendendoci disponibili fin d’ora, rimaniamo in attesa di Vostra convocazione c/o Ministero del Lavoro.

Distinti saluti.

P. la segreteria
USI – C,T, & S.
Bruzzese Sandro

   

Pagina 8 di 41