Nibirumail Cookie banner

Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

Pochi, maledetti e subito!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Pochi, maledetti e subito!

Ecco il mio “welfare”.

Care/i colleghe/i,

il 21/6 u.s. durante il Tavolo RSU (il cui odg prevedeva i piani di formazione ed il Premio Produzione) ho scoperto di essere rimasta solo io, come RSU/USI, a non aver siglato l’accordo di aprile scorso relativo il Piano di Formazione. E’ emerso, infatti che anche l’UGL, nonostante avesse redatto una nota a verbale, ha deciso, in un secondo momento, di apporre la propria firma. Io resto convinta della mia scelta, visto che le obiezioni mosse durante la discussione, evidenziate nei precedenti tavoli, a voi riferite attraverso i precedenti comunicati, non hanno avuto alcun esito. Anzi, ho potuto verificare come l’intero settore della Manutenzione, per esempio, sia stato proprio tenuto fuori dai percorsi formativi. Quando l’ho evidenziato, la dr.ssa Del Bono, al tavolo per esporre i pacchetti della formazione prevista, ha affermato di non avere ricevuto nulla dai referenti della manutenzione, ma sicuramente non ci sarebbero stati problemi ad approfondire  anche successivamente eventuali ipotesi. Tale premessa era necessaria, perché quando si parla di “welfare” in azienda, bisognerebbe avere una visione ampia delle esigenze dei lavoratori e delle lavoratrici … Infatti …

La seconda parte del tavolo del 21/6 si è tradotta nella proiezione delle slides sulla "futura" piattaforma welfare (ancora non era stata assegnata la gara alla DAY WELFARE) esposte dalla dr.ssa Rubino.

Poichè ho già espresso le mie perplessità sull’investire il proprio premio produzione in una piattaforma informatica il cui costo neanche è stato reso noto da parte dell’Azienda, nonostante le mie esplicite richieste, vi dirò semplicemente che:

·         noi riceviamo un premio produzione ridicolo, a fronte di quello di altre municipalizzate;

·         che l’azienda ha preferito “investire” un tot. (prima o poi verrà reso pubblico) in una piattaforma informatica, piuttosto che avviare una seria discussione;

·         rispetto altre aziende che applicano Federculture o fanno parte della Holding di Roma Capitale, Zètema non ha predisposto un vero e proprio piano del welfare aziendale, nonostante i solleciti di tutte le OO.SS;

·         non è stato portato a compimento neanche il percorso per lo smart working che tanto benessere avrebbe già potuto produrre per quei colleghe e colleghi che lo aspettano con ansia.

In compenso … la rapidità con cui si è mossa tutta la nostra dirigenza, per questa “piattaforma welfare”, o per l'apertura rapida dei Fori, con l'operosità tipica di un esercito di formiche...pur di fare bella figura, sicuramente è onorevole.

Concludo dicendovi che sono stata personalmente sollecitata, direttamente dall’A.D.!, per promuovere un comunicato per “l’adesione al welfare”. Ecco... Soprattutto dopo questo sollecito individuale (MAI ACCADUTO NELLA MIA VITA DI RSU DI ESSERE INVITATA A SCRIVERE UN COMUNICATO PER SPONSORIZZARE UNA SCELTA AZIENDALE!) sono ancor più convinta di invitarvi a NON ADERIRE!

Non ora, non con queste premesse, non con questo Premio Produzione. Abbiamo tempo per scoprire le meraviglie della defiscalizzazione di un premio da 600 euro...da investire in “beni e servizi”...Il dado è tratto … sicuramente andremo in quella direzione...ma ci sarà un motivo se in altre partecipate, non regna tutto questo entusiasmo. Voi potete, però, rivolgervi al numero verde della DAY WELFARE per avere tutti i chiarimenti: 800 004 191 … Io resto in finestra a guardare.

Pochi, maledetti e subito!

Serenetta Monti (RSU/USI)



--

http://www.serenettamonti.it
http://www.usiait.it



 

 

ASSEMBLEA PRESIDIO. UNIVERSITA’ DI ROMA 3

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

RESOCONTO ASSEMBLEA PRESIDIO 11 LUGLIO 2019

C/O RETTORATO DELL’UNIVERSITA’ DI ROMA 3 –

APPALTO SERVIZI in gestione a Coopservice - Cns

 

Si è svolto l’11 luglio  2019, nonostante il caldo, il  presidio con assemblea sindacale retribuita, presso il Rettorato dell’Università di Roma 3, di personale dipendente dell’appalto di servizi nell’Ateneo, in gestione a Coopservice – Cns. Un risultato ottenuto nell'immediato, l’incontro con dirigenti dell’Università, quale stazione appaltante ed ente committente, che ha sentito separatamente, la  Uil e l’Usi.

Il sindacato autorganizzato Usi, presente in delegazione con la Rsa (Rappresentanza sindacale aziendale), hanno sottoposto e spiegato, per l’ennesima volta, ai responsabili dell'Ateneo di Roma 3, le varie problematiche relative sia a Coopservice (buste paga ed errori già segnalati più volte) che alle competenze residue della stessa CNS  (rimanenze del mese di dicembre 2018 e altre pendenze non ancora liquidate dal precedente gestore Formula Sociale, sempre aderente a Cns).

La Rsa ha anche parlato, a proposito del rinnovo del contratto nazionale  di lavoro applicato nell’appalto (CCNL cooperative sociali), del fatto che l’Università degli studi  di Roma 3, per effetto delle nuove basi salariali e del “costo complessivo del lavoro”, anche in questo appalto, dovrà quindi adeguare il budget complessivo, per coprire gli adeguamenti delle retribuzioni lorde, secondo le tabelle ufficiali del “nuovo” Ccnl di settore. Richiesta  e indicazione, quella di chiedere l’adeguamento di tariffe e costi complessivi del “costo del lavoro”, uscita dalle riunioni svolte in diverse città, a Roma l’8 giugno scorso, delle strutture di coordinamento cittadino di operatori-trici sociali, dove l’Unione Sindacale Italiana è parte attiva.

All'incontro i dirigenti dell'Università di Roma 3, hanno fondamentalmente accolto le  richieste e questioni segnalate, prendendo l'impegno di attivarsi nei confronti sia di Coopservice che del CNS, quali soggetto gestore e aggiudicatario ufficiale di questo importante appalto dell’Ateneo,  per una soluzione pacifica delle questioni ancora irrisolte (ndr sempre in attesa che si sviluppino in modo regolare e costruttivo, le relazioni sindacali industriali interne). Si tratta ovviamente di un impegno verbale, ma si confida che mantengano la parola data fosse solo per evitare che a settembre si ritrovino con nuove mobilitazioni proprio all'inizio dell'anno accademico... e le responsabilità legali in solido specie per le parti economiche e delle retribuzioni, codificate da specifici articoli del “codice degli appalti e dei contratti pubblici”.

Nel frattempo, se al di là di accordi presi con la sola Cgil in questi giorni, per cercare di “coprirsi sindacalmente” dalle reiterate inadempienze, non saranno ripristinate le normali relazioni sindacali, previste dal CCNL Cooperative Sociali, che Coopservice e CNS hanno l’obbligo di applicare integralmente e senza scegliersi l’interlocutore sindacale che più gli fa comodo, si attiveranno a breve le forme di tutela e di autodifesa collettiva, fino al raggiungimento degli obiettivi minimi.

Un ringraziamento  a tutti-e che sfidando il caldo, hanno partecipato all’iniziativa.

La lotta paga...MA DEVONO PRIMA O POI…pagare gli arretrati e gli adeguamenti, anche la cooperativa che gestisce l’appalto e il gestore di riferimento, nel rispetto degli impegni presi.

A cura della Rsa Rappresentanza sindacale aziendale Usi dell’appalto di servizi e portierato dell’Università degli Studi di Roma 3 – Rsa Coopservice ScpA

Roma, 15 luglio 2019

Usi Unione Sindacale Italiana (settore commercio, turismo e servizi)

c/o federazione di Roma – Largo G. Veratti

25 00146 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 77201444

sito nazionale ufficiale

www.unionesindacaleitaliana.eu

www.usiait.it

Sede nazionale Usi C.T.&S MILANO

via Ricciarelli 37 tel. 02/54107087

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

CHE CALDO AI FORI!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

CHE CALDO AI FORI!

 

Care/i  colleghe/i, presi dall’ansia da prestazione, in questa fase di rinnovo del Contratto di Servizio, … si rischia di dimenticare le regole base di salute e sicurezza sul Lavoro…

Mi riferisco alla nuova  apertura dei Fori: sito archeologico di una certa importanza anche in termini di estensione della superficie e, ovviamente esposto ad ogni tipo di intemperia.

L’apertura ufficiale che, ormai risale a sabato scorso (29/6), era stata preceduta già da alcune missive inviate dalla sottoscritta in Azienda in merito le modalità di reperimento del personale e rispetto al fatto che, per l’ennesima volta (come nel  caso della recente apertura di Circo Massimo Experience ) l’Azienda non avesse preventivamente chiesto all’Amministrazione Capitolina NUOVE assunzioni in virtù di NUOVE aperture.

L’ultima segnalazione fatta è di ieri (3/7 alle ore 15.54). Questa volta ho posto richieste ben precise. Non avendo ancora nessuna risposta ufficiale, esorto i colleghi direttamente coinvolti, a tutela della propria salute e della salute dei lavoratori e lavoratrici della società H501, messi a disposizione per le sostituzioni, a vigilare sulle proprie condizioni fisiche durante il turno di lavoro. Non mi risultano, infatti, ad oggi, indicazioni precise, messe nere su bianco dall’Azienda, sulle azioni da intraprendere durante il turno di lavoro in una situazione così critica. Sono stata messa a conoscenza del fatto che la biglietteria sia climatizzata e, pertanto, unico posto dove potersi riprendere, ma non essendo state chiarite le rotazioni, da una postazione all’altra, c’è comunque il rischio di superare la soglia di tolleranza del nostro corpo. L’ondata di calore di questo periodo non ci aiuta sicuramente. Il corpo va tenuto idratato e le postazioni dell’area archeologica non consentono un accesso diretto a fonti d’acqua. Se la comune avvertenza, data da tutti i  mezzi di informazione, è quella di bere tanto, per chi è esposto per ore alle temperature di questi giorni, bisogna ricordare di bere tantissimo.

Vi allego l’ultima mail e spero di avere presto risposte ufficiali con le relative indicazioni a tutela per i colleghi in situ, altrimenti sarò costretta a rivolgermi agli organismi competenti. Buon lavoro a tutte/i. Serenetta Monti (RSU USI Zètema)

TESTO MAIL 3/7 ore 15.54: “Gentile dr. Tagliacozzo, sono sconcertata dal fatto che nessuno dei destinatari (tolto il sig. Monaco, in qualità di RLS) abbia ravvisato l'urgenza delle mie richieste.  Le temperature si innalzano ogni giorno che passa e l'Azienda non mi sta mettendo al corrente delle misure di tutela e salvaguardia della salute e sicurezza dei lavoratori e lavoratrici coinvolti. Non sono a conoscenza delle eventuali prescrizioni individuate dal medico competente e se siano state debitamente riportate ai lavoratori, nostri dipendenti ed alle sostituzioni della società H501. Posso andare a naso, trattandosi di area archeologica e ben conosco, grazie alle mie pregresse esperienze lavorative. La cosa che mi preme sapere, per esempio, è dove e come possano accedere all'acqua da bere per re idratarsi i colleghi in turno. Chiedo se sia stata regolamentata una rotazione dei lavoratori da una postazione all'altra e in che modo. In caso di emergenza, il preposto è sempre uno dei coordinatori di Mercato Traiano? Spero, questa volta, di ricevere sollecito riscontro, chiarificatore.

Cordiali saluti.

Serenetta Monti (RSU/USI)

http://www.serenettamonti.it
http://www.usiait.it

 

   

Richiesta incontro. COOPSERVICES

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA – fondata nel 1912

Confederazione sindacale nazionale e federazioni intercategoriali

Segreteria prov. - Federazione di Roma e Rsa Usi Soc. Coop “CoopserviceScpa

ROMA Largo G. Veratti 25 00146 FAX 06/77201444 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

sito naz. ufficiale www.unionesindacaleitaliana.eu/www.usiait.it

Segreteria naz. USI C.T.&S. MILANO via Ricciarelli 37 tel. 02/54107087 fax 02/54107095 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Roma, 28 Giugno 2019

All’Ufficio del personale/R.U. e al responsabile servizio rel. Sindacali

Industriali p.t. presso sede legale, Direzione e Amministrazione

Società/Azienda Soc coop sociale COOPSERVICE S.coop.p.A.

aderente a Cns – sede legale REGGIO EMILIA (RE) VIA ROCHDALE 5, 42122

c.a. Responsabile Relazioni sindacali sig. Marco Cozzolino via fax 0522 940128

A Ufficio di coordinamento appalto e cantiere Università di Roma 3 06 57333048

e per e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Oggetto: RICHIESTA E PREDISPOSIZIONE INCONTRO DI CONFRONTO ED ESAME, AI SENSI ARTICOLO 9 LETT. C) PUNTI 1 E 2 DEL CCNL COOPERATIVE SOCIALI e di quanto inserito nell’accordo di cambio di gestione – appalto sottoscritto tra le parti del 28 dicembre 2018 presso ITL, PER APPALTO DI ROMA PRESSO UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI ROMA 3, CON USI e componenti Rsa interna (accreditati e in carica per Usi per funzioni di Rsa ex L. 300 1970, con nota Usi del 18 gennaio 2019, per anno 2019), con verifica di data e orario di incontro, possibilmente nel prossimo mese di luglio 2019 (anche presso NS. sede di Largo Giuseppe Veratti 25 Roma).

La scrivente Unione Sindacale Italiana in sigla USI, legalmente costituita e con propria Rsa interna ai sensi dell’art. 19 SL, con l’approssimarsi della fine del primo semestre dell’anno 2019, RICHIEDE FORMALMENTE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO E GARANTITO DAL CCNL COOPERATIVE SOCIALI, PER IL CONFRONTO, ESAME E TRATTATIVA DI LIVELLO AZIENDALE di cui all’ARTICOLO 9 LETTERA C) PUNTI 1 E 2 DEL CCNL COOPERATIVE SOCIALI, nonché di quanto sottoscritto tra le parti nel verbale di accordo in sede ITL del 28 dicembre 2018, LA VS. DISPONIBILITA’ A INCONTRARCI, a Roma, nel prossimo mese di LUGLIO 2019, Per le questioni relative all’Appalto di servizi presso L’Università degli Studi di Roma 3, con Usi e componenti Rsa interna(accreditati e in carica per Usi per funzioni di Rsa ex L. 300 1970, con nota inoltrata da Usi del 18 gennaio 2019, per anno 2019, vis fax e con Racc. R7R, unitamente alle deleghe di iscrizione dei primi associati appalto di Roma 3).

Non vi sono da parte di Usi, preclusioni alla partecipazione all’incontro che si chiede di effettuare e che vi invitiamo a predisporre, per ottemperanza al CCNL di categoria da Voi applicato, anche di altre OO.SS. presenti (Cgil, Uil), pur nella loro libertà di svolgere le attività e relazioni sindacali industriali in forma autonoma rispetto a convocazione congiunte con Usi.

In particolare, si richiede di avere informazioni precise e di confrontarci per esaminare le situazioni relative all’appalto citato, su: STATO ANDAMENTO APPALTI E SITUAZIONE LAVORATIVA-OCCUPAZIONALE APPALTO A ROMA, presso Università di Roma 3; AGGIORNAMENTO ORGANIZZAZIONE INTERNA DEL LAVORO, DISTRIBUZIONE, TURNAZIONE E DISTRIBUZIONE ORARI E MONTE ORE AL PERSONALE IN FORZA, SPECIE PART TIME E PROCESSO DI EVENTUALE RIORGANIZZAZIONE INTERNA, confronto sui problematiche o criticità; SALUTE E SICUREZZA E ADEMPIMENTI OBBLIGATORI EX D. LGS. 81/2008, con integrazioni e verifica su ambienti di lavoro, anche con monitoraggio e valutazione dello stress da lavoro correlato; programmazione corsi di FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO nell’anno 2019; verifica condizioni su regolarità buste paga e segnalazioni fatte da dipendenti, su errori riscontrati e segnalati; situazione procedure, in solido con CNS, per soluzione spettanze economiche pregresse, precedente gestore, anche in surroga; varie ed eventuali.

Si resta in attesa di riscontro, a mezzo e mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , a mezzo fax al numero 06 77201444, su data e orario e sede di svolgimento dell’incontro da predisporre con Usi (per contatti per le vie brevi cell. 339 5001537 Giuseppe Martelli responsabile organizzativo o anche i componenti della Rsa interna dell’appalto), sia con i responsabili addetti-e alle relazioni sindacali industriali, che con i responsabili di gestione dell’appalto in questione, possibilmente con calendarizzazione incontro nel prossimo mese di Luglio 2019. Usi dà la sua disponibilità per lo svolgimento dell’incontro, presso propria sede territoriale in Largo Giuseppe Veratti 25 00146 Roma. Distinti Saluti e buon lavoro.

Per la segreteria intercategoriale locale della Unione Sindacale Italiana e a nome e per conto della RSA interna USI (G. Venturi e G. Perozzi) trasmette Roberto Martelli e Giuseppe Martelli

 

 

INTANTO ... Nel mondo dell'Assistenza

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

INTANTO ...

NEL MONDO DELL’ASSISTENZA DI SALA …

(per l’azienda ancora “custodia”) ...

 

Oggi l'azienda ha fatto pervenire alla RSU una comunicazione a firma della dr.ssa Di Cicco in base alla quale, non essendoci state adesioni di colleghi di assistenza di sala a 36 ore per il reperimento utile alle postazioni della NUOVA area archeologica dei Fori Imperiali, si sarebbe passati allo scorrimento della graduatoria vigente. Mi sono immediatamente attivata presso L'A.D. dr. Tagliacozzo e, mentre, vi scrivo, nessun riscontro mi è pervenuto, mentre l'azienda ha, ovviamente, cominciato a telefonare ai colleghi in graduatoria, spiegando amabilmente una clausola mai codificata in nessun accordo, in base alla quale chi rifiuta l'aumento orario, finisce alla fine della graduatoria medesima.

  • Personalmente come RSU, mi sono opposta non appena ho saputo di questa prassi, mai formalizzata, con un acceso alterco ad uno degli ultimi tavoli RSU dello scorso anno, cui partecipò anche il dr. Tagliacozzo.
  • Ad oggi, non è stato formalizzato alcun nuovo accordo... E l'Azienda cambia le regole in corsa: non propone più il passaggio a Jolly, ora "offre" delle NUOVE postazioni, di cui non è stata fatta alcuna relazione ai rappresentanti dei lavoratori né il tavolo RSU è stato messo a conoscenza di eventuali pareri degli RLS, vista l'ampia area esposta a diversi fattori naturali. Tanto vi dovevo per opportuna conoscenza, non appena avrò riscontri li condividerò con voi.

"Inoltro vostra "modalità organizzative area archeologica Fori Imperiali" richieste a tutela dei lavoratori e lavoratrici in graduatoria soggetta a scorrimento.

Gentile dr. Tagliacozzo, inoltro comunicazione da poco pervenuta in merito il reperimento delle unità di personale per la NUOVA apertura dell'Area archeologica dei Fori Imperiali. Per l'ennesima volta, l'Azienda, cambia le regole in corsa. In merito la graduatoria vigente, cui è intenzione dell'Azienda accedere per gli aumenti orari, oggetto dell'odierna missiva, come ricorderà, ci fu un'accesa discussione in uno dei primi tavoli, cui Lei presenziò, relativo la sgradevole prassi (mai codificata formalmente, come emerse nei tavoli successivi la discussione) che prevede, in caso di impossibilità da parte del lavoratore di accettare l'aumento orario, nel momento in cui gli venga proposto, lo slittamento dello stesso, in fondo alla graduatoria.

Definìì "barbara" questa prassi, poichè non prendeva in considerazione oggettive situazioni di salute, legate anche a patologie gravi.

Fu dichiarato l'intento di codificare, una volta per tutte, nuove modalità.

Ad oggi, nessuna convocazione è andata in tal senso.

Ed oggi, i lavoratori in graduatoria da anni, verranno nuovamente esposti al ricatto da parte aziendale di accettare questa "minestra" (una postazione oggettivamente difficile, per quanto concerne le misure di salute e sicurezza sul lavoro, per cui chiedo di verificare anche il pronunciamento degli RLS in tal senso) o vedersi alla fine della graduatoria, o, comunque, saltare il giro di giostra che li avrebbe resi "jolly".

Ed a proposito di Jolly, sempre relativamente il cambio regole in corsa, mi risulta persino che l'Azienda abbia proposto ad attuali jolly di mantenere lo status o accettare la postazione fissa della NUOVA area archeologica e che siano scarseggiate le loro adesioni.

Quella graduatoria era nata con il criterio base di andare a supporto delle postazioni regolate dal vecchio contratto di servizio, ancora vigente, andate sempre più depauperandosi a causa di licenziamenti, pensionamenti e, ahimè, decessi che non hanno visto un regolare turn over. Come già fatto per la NUOVA apertura del Circo Massimo Experience, chiedo se l'Azienda si sia già attivata nei confronti dell'Amministrazione comunale per promuovere nuove assunzioni.

  • Chiedo, inoltre, non vengano penalizzati quei lavoratori o lavoratrici che non dovessero accettare ora l'aumento orario legato alla postazione fissa dell'Area Archeologica.
  • Chiedo che venga loro chiesto se vogliono, invece, entrare nel circuito dei jolly, come è stato fatto fino ad ora, post accordo 2018.
  • Chiedo, inoltre, l'esito delle valutazioni del medico competente in merito queste NUOVE postazioni. Attendo fiduciosa celere riscontro, onde poter rasserenare i colleghi della graduatoria in oggetto.

RSU - USI

Serenetta Monti

http://www.serenettamonti.it
http://www.usiait.it

   

Pagina 1 di 41