Nibirumail Cookie banner

Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

Licenziamenti e Repressione. Treniitalia ci prova!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

COMUNICATO SINDACALE RADIO STAMPA

Alla fine ce l'hanno fatta, l'azienda gliel'aveva promesso con precedenti lettere, se avesse continuato a fare il consulente di parte nel processo sulla strage di Viareggio di due anni fa, sarebbe stato messo in crisi il rapporto fiduciario...

  • Hanno licenziato Riccardo Antonini.

Lo hanno licenziato perchè difendeva ed è rimasto coerente con la sua scelta, le famiglie dei 32 morti nella strage del treno merci a Viareggio alla fine di Giugno di due anni fa, che anche la rete nazionale per la salute e la sicurezza sui posti di lavoro segue da sempre.

  • La motivazione è quell’annunciata, licenziamento e senza preavviso perchè "definitivamente decaduto il rapporto fiduciario" con Trenitalia. Riccardo è di R.F.I., gli mancava un anno alla pensione...

Come tanti suoi colleghi e colleghe ferrovieri, è sempre stato per chi lo ha conosciuto un lavoratore cosciente che si è opposto all'intero processo di privatizzazione in F.S., cosi' come ha contribuito a tutte le lotte e iniziative contro le ingiustizie in ferrovia, contro i licenziamenti facili e contro i dirigenti "chiacchierati", che hanno attraversato questi ultimi 40 anni di gestione delle ferrovie in Italia.

  • La nostra solidarietà a Riccardo Antonini, alla sua famiglia e alle vittime della strage di Viareggio, di tuttI i morti nelle ferrovie e di un sistema di IN-SICUREZZA che produce, per chi si oppone a licenziamenti e repressione.
 

Informativa. Sezione di ROMA.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

S’informa che in questi giorni sono state istituite due nuove sezioni sindacali aziendali, da parte della Federazione di Roma dell'Unione Sindacale Italiana - fedele ai principi dell'Ait.

La prima nel settore educativo, in seguito a cambio di appalto, presso il nido aziendale presso il Ministero degli Affari Esteri, gestito dal complesso scolastico Seraphicum in ATI con la Coop Sociale "Area Sociale", la prima gestisce le educatrici la seconda ha assorbito il personale ausiliario (CCNL applicati Enti Locali per le educatrici, coop sociali per le ausiliarie).

Nella struttura che ha perso l'appalto, l'Opera Nazionale Montessori, è presente presso il nido aziendale presso la Banca d'Italia, una sezione sindacale USI, di recente costituzione, che dovrà poi designare la delegata sindacale aziendale.

La seconda nuova struttura è presso la Residenza Sanitaria Assistenziale (Sanità privata) Parco delle Rose, zona Bravetta - Pisana, nella parte nord ovest della città, con un primo gruppo di lavoratori che ha costituito la rappresentanza interna Usi e che, in assemblea del personale, ha eletto il componente interno RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), che ha aderito anche lui al nostro sindacato.

Rimane inoltre attiva la sezione e rappresentanza sindacale interna presso il nido aziendale AMA - Caterinettà al Laurentino, popolare quartiere di Roma, con appalto gestito dall'IPAB Santa Caterina delle Rose, dove il lavoro congiunto con la Flc Cgil, nei nidi in convenzione ha permesso la salvaguardia dei posti di lavoro e dignitose condizioni salariali, pur in un quadro dove l'organizzazione del lavoro e i ritmi imposti in generale alle educatrici e alle ausiliarie, situazione generale che si vive anche nei nidi pubblici comunali, pongono questioni che saranno sottoposte a confronto con la controparte a novembre.

Anche al nido gestito dalla Farmacap nel XIII Municipio, è attiva la sezione sindacale facente riferimento alla rappresentanza sindacale aziendale dell'Usi, che in questi giorni sta avvicendando per rotazione la delegata sindacale interna.

Leggi tutto: Informativa. Sezione di ROMA.

 

Venerdì 7 Ottobre 2011. Sciopero Nazionale.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

VENERDI’ 7 OTTOBRE 2011 SCIOPERO NAZIONALE DI SCUOLA – UNIVERSITA’ E SERVIZI ESTERNALIZZATI

Proclamato da USI AIT SCUOLA . USI AIT UNIVERSITA’ . USI AIT COMMERCIO TURISMO e SERVIZI COMUNICATO SINDACALE DA DIFFONDERE (art.25 SL, L. 83/2000) avviso di sciopero PER PERSONALE DOCENTE, NON DOCENTE, ED ATA (a tempo indeterminato e precari) OPERATORI-TRICI dei SERVIZI ESTERNALIZZATI DI SCUOLA statale ED UNIVERSITA’ E PER STUDENTESSE E STUDENTI

Per una Istruzione pubblica per tutti e tutte Contro le riforme Gelmini ed i tagli finanziari Per aumneti salariali pari a 250 €uro Per un salario minimo minimo itercategoriale di 1300 €uro netti Contro esternalizzazioni e precarietà Per la dinunuzione del numero degli studenti per classe Per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e di studio Contro la riduzione del personale Per le libertà sindacali e contro l'accordo del 28 giugno Contro gli effetti della nuova manovra finanziaria A ROMA – PRESIDIO ORE 10 AL MIUR DI VIALE TRASTEVERE (sciopero proclamato in data 6 agosto 2011 dai sindacati Usi e da Cib - Unicobas, Sisa) UNIONE SINDACALE ITALIANA CONFEDERAZIONE DI SINDACATI AUTOGESTITI LARGO VERATTI 25 – 00146 ROMA Tel. 06/70451981 – fax 06/77201444

www.usiait.it

www.lottadiclasse.info

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

fotinprop.LargoVeratti25Romasett.2011

   

L'UNIONE SINDACALE ITALIANA. Iniziative a difesa .....

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

L'UNIONE SINDACALE ITALIANA dà indicazione a tutte le strutture, sociali, sindacali, politiche, associative di partecipare alle iniziative che si svolgeranno il 12 settembre, a Roma davanti a Montecitorio nelle altre città ai presidi alle Prefettura o nelle piazze, per dare maggiore voce alla protesta e per iniziare, a prescindere dalla propria organizzazione di riferimento, ad una opposizione popolare e di classe alla manovra tesa a difendere gli interessi di banche, finanza e padronato contrapposti agli interessi delle classi lavoratrici e dei settori sfruttati.

Di seguito il documento conclusivo dell'assemblea nazionale del 10 settembre svoltasi a Roma, dove tra i 65 interventi ci sono stati quelli della segreteria dell'Usi nazionale e di delegati Rsu di posti di lavoro.

Unione Sindacale Italiana e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. sito www.usiait.it 10/09 Dall'assemblea nazionale di Roma Bene Comune, il documento finale il documento conclusivo dell'assemblea.

L'assemblea nazionale realizzata a partire dall'appello proposto da Roma Bene Comune, che si è tenuta oggi 10 settembre 2011, ha raccolto nella struttura dell'ex deposito Atac di San Paolo a Roma una partecipazione che non si vedeva da tempo di collettivi, associazioni, movimenti, realtà del sindacalismo conflittuale e di base; una partecipazione ampia ed attiva soprattutto di moltissimi attivisti e persone che hanno deciso di prendere parte ad un momento di confronto realmente orizzontale e partecipativo, offrendo la propria disponibilità a mettersi in gioco dentro una nuova stagione di conflitto e trasformazione dal basso

Innanzitutto le tante soggettività intervenute hanno condiviso la necessità di alimentare e costruire un processo indipendente, che rifiutando deleghe e scelte di rappresentanza istituzionale, respinge qualunque ipotesi di alternanza di Governance della crisi del capitalismo e affermi la necessità di costruire l'alternativa dentro il conflitto. Un processo indipendente che valorizzi ed amplifichi il peso delle tante lotte che crescono nel nostro paese e che faccia di esse processo costituente e trasformativo.

Leggi tutto: L'UNIONE SINDACALE ITALIANA. Iniziative a difesa .....

 

L’assemblea nazionale. Da Roma Bene Comune.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Si è conclusa una partecipatissima assemblea nazionale. Verso il 15 ottobre per un autunno di rivolta contro le politiche economiche europee.

Noi il debito non lo paghiamo!
Di seguito il documento conclusivo dell'assemblea.

L’assemblea nazionale realizzata a partire dall’appello proposto da Roma Bene Comune, che si è tenuta oggi 10 settembre 2011, ha raccolto nella struttura dell’ex deposito Atac di San Paolo a Roma una partecipazione che non si vedeva da tempo di collettivi, associazioni, movimenti, realtà del sindacalismo conflittuale e di base; una partecipazione ampia ed attiva soprattutto di moltissimi attivisti e persone che hanno deciso di prendere parte ad un momento di confronto realmente orizzontale e partecipativo, offrendo la propria disponibilità a mettersi in gioco dentro una nuova stagione di conflitto e trasformazione dal basso.

Innanzitutto le tante soggettività intervenute hanno condiviso la necessità di alimentare e costruire un processo indipendente, che rifiutando deleghe e scelte di rappresentanza istituzionale, respinge qualunque ipotesi di alternanza di Governance della crisi del capitalismo e affermi la necessità di costruire l’alternativa dentro il conflitto. Un processo indipendente che valorizzi ed amplifichi il peso delle tante lotte che crescono nel nostro paese e che faccia di esse processo costituente e trasformativo.

Leggi tutto: L’assemblea nazionale. Da Roma Bene Comune.

   

Pagina 41 di 49