Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

Per la MEMORIA STORICA..

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 

Per la MEMORIA STORICA..

AVVISO E INVITO A PARTECIPARE A INIZIATIVA PUBBLICA IL 12 DICEMBRE 2010 PER NON DIMENTICARE...

DALLE 17 AL CIRCOLO - SPAZIO DI VIA PITIGLIANO 5 (TRULLO) INIZIATIVA ORGANIZZATA DA USICONS XV MUNICIPIO E FEDERAZIONE INTERCATEGORIALE USI AIT A 41 ANNI DALLA STRAGE DI PIAZZA FONTANA, CON MOSTRA, QUALCHE VIDEO O FILMATI, UNA CHIACCHIERATA E RICORDO DELLE STRAGI DI STATO PER MANO FASCISTA E DEI SERVIZI...

PER RICORDARE PINO PINELLI (ferroviere, anarchico, attivista sindacale per Usi nel 1968-69, stava mettendo in piedi il nostro sindacato a livello territoriale nel suo quartiere, l'allora popolare quartiere operaio della Bovisa a Milano)  (in funzione punto ristoro e mescita bevande...anche se NON è una festa perché NON ci sta nulla da festeggiare) Ciao e buona domenica a tutti-e  Promuove Federazione Intercategoriale di Roma della Unione Sindacale Italiana e Usicons (Associazione difesa e tutela utenti e consumatori) XV Municipio punti infolavoro e diritti per Unione Sindacale Italiana

Giovedì ore 18,30/20,00

Piazza Mosca n. 50

Punto INFOLAVORO e diritti e sportello

Per informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Sede operativa Largo Veratti 25 - 00146 Roma

Telefono 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

Per arrivare in via Pitigliano - BUS 719 da Staz Trastevere - 771 da Eur

 

Ancora morti per il lavoro.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Rimini 3 Dicembre 2010:

LA FIERA DI QUALE GIUSTIZIA LA FIERA DI QUALE SICUREZZA.

Da una pa rte la giustizia e la sicurezza dei “pre-potenti”, dei padroni dell’economia e della scuola pronti a sfruttare risorse umane e ambientali, a difendere i propri privilegi e le proprie proprietà, con le armi, le galere, la persecuzione e la psichiatria.

Dall’altra chi per sicurezza intende “il senso di sicurezza”, la sicurezza sul posto di lavoro (l’ultima settimana è morto un muratore albanese a Ravenna e un pescatore a Rimini), la sicurezza di una pensione dignitosa, la sicurezza di potersi curare e di avere un tetto sulla testa e soldi per mangiare e riscaldarsi. Il senso di sicurezza di stare insieme tra uguali che non ti vogliono sfruttare usare o  fregare.

Leggi tutto: Ancora morti per il lavoro.

 

Vile Aggressione al CS Banchi Nuovi. Solidarietà USI - AIT

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Vile attacco squadristico al Centro sociale Banchi Nuovi

Dopo vari episodi di piccoli saccheggi il Centro sociale Banchi Nuovi ha subito la notte scorsa un vero e proprio assalto squadristico che ha portato alla distruzione di suppellettili, accanendosi soprattutto contro manifesti, mostre e striscioni esposti lungo le mura dello stesso centro sociale.
Alcune aree della struttura occupata si sono salvate dagli atti di vandalismo solo perché gli ingressi erano chiusi con porte in ferro difficili da forzare.
Una aggressione di chiara matrice politica che anche negli obiettivi scelti mira a colpire simbolicamente la storia del movimento Banchi Nuovi e quello che esso ha rappresentato per la storia di questa città e non solo.
“Stranamente” infatti, sono stati danneggiati prevalentemente manifesti ed immagini che facevano riferimento alle vicende storiche della lunga esperienza dei disoccupati organizzati che si è espresso attraverso la sigla Banchi Nuovi.

Leggi tutto: Vile Aggressione al CS Banchi Nuovi. Solidarietà USI - AIT

   

Iniziativa A Roma su Collegato Lavoro.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Un attacco devastante ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici

Approvata il 19 Ottobre la Proposta di Legge “Collegato Lavoro” ora DDL 1441-quater

A cura del Servizio controversie di lavoro p. Impiego e Privato e assistenza legale della

UNIONE SINDACALE ITALIANA USI AIT info Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Il Disegno di Legge “Collegato Lavoro garantisce nuove tutele per le aziende ai danni dei lavoratori e delle lavoratrici, sia per i pubblici dipendenti sia per chi lavora nel privato: più difficile vincere cause di lavoro, impugnare licenziamenti ingiusti, ottenere giusti risarcimenti. Particolarmente garantite le aziende che fanno ricorso massiccio allo sfruttamento del lavoro precario.

Diventerebbe legge la possibilità di derogare ai CCNL, “certificando”, tramite commissioni provinciali, i contratti individuali contenenti clausole peggiorative. E’ limitata la possibilità del giudice di intervento nel merito delle controversie, con una giurisdizione del giudice limitata alla legittimità e si incentiva il ricorso all’arbitrato.

Queste le novità salienti, con il primo commento degli effetti, in attesa di elaborare una versione più completa.

Certificazione dei contratti e arbitrato (art. 30 e seguenti) MODIFICA dell’art. 75 e seguenti del D. L.vo 276/2003 (decreto attuativo legge 30/2003) CLAUSOLE GENERALI DI CERTIFICAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO. E’ introdotta la possibilità, che diventerà la pratica ordinaria, di assumere il personale, quindi lavoratori  e lavoratrici, con la previa sottoscrizione, di un contratto individuale “certificato”, dove si certifica la “libera volontà” del lavoratore di accettare deroghe peggiorative a norme di legge e di contratto collettivo. In pratica, è un atto con il quale il lavoratore rinuncia preventivamente, in caso di controversia o licenziamento, ad andare davanti al magistrato (rinunciando alla piena tutela delle leggi): in questo caso, il giudice viene sostituito da un collegio arbitrale che può decidere a prescindere dalle leggi e dai contratti collettivi; massima discrezionalità, da parte del collegio arbitrale, nei casi di vertenza per i lavoratori o le lavoratrici assunti con contratti precari e atipici (determinati, co.co.pro.…).

Leggi tutto: Iniziativa A Roma su Collegato Lavoro.

 

USI-Scuola. Proclamazione Sciopero. 17 novembre 2010

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA – USI AIT SCUOLA -

Sindacato Nazionale Autorganizzato dei Lavoratori della Scuola - Segreteria Nazionale
ROMA LARGO VERATTI 25 00146 – FAX 06/77201444 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
MILANO VIA ISONZO 10 20135 – TEL. 02/54107087 – FAX 02/54107095 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
UDINE VIA VAL D’AUPA 2 -33100 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. tel/fax 0432 050060

Al M.I.U.R. – Uff. Gabinetto e Relaz sindacali fax 0658492110 - 2716
Al Presidente della Comm. di Garanzia Ex L. 146/90 e s.m.i. Fax 0667796408 - 10
Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Coord. amm.vo fax 0667796623
Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dip. Funz. Pubblica
(c.a. Dirigente responsabile servizio) fax 0668997205 - 7064
Al Ministero del Lavoro – fax 0646834023
Loro sedi

Roma, 22 ottobre 2010

Oggetto: Proclamazione SCIOPERO di una intera giornata per il 17 novembre (dato l'esito negativo del tentativo di conciliazione il 22 settembre e la proclamazione di un primo sciopero l’8 ottobre per la stessa vertenza e con la stessa piattaforma) per tutto il personale a tempo indeterminato e determinato o con contratti atipici, anche di co.co.co, DOCENTE o ATA impiegati presso il MIUR, nelle scuole e Istituti o nei servizi esternalizzati ai sensi della L. 146/90 e del D.Lgs. 83/2000.

Questa O.S. proclama lo sciopero di una intera giornata per il 17 novembre nel comparto scuola, come indicato in oggetto, visto l'esito negativo del tentativo di conciliazione, sulla seguente Piattaforma:

Leggi tutto: USI-Scuola. Proclamazione Sciopero. 17 novembre 2010

   

Pagina 42 di 44