Nibirumail Cookie banner

Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

Il paese delle stragi impunite!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Camera del lavoro autorganizzata Roma Sud Ovest (USI) con la collaborazione dell’ USICONS (Assoc. Tutela utenti e consumatori) dell’ XI Municipio

(aderiscono: CAT – Circolo antifascista del Trullo, Circolo Durruti)

in Piazza Gaetano Mosca 50

Venerdì 12 dicembre 2014 alle ore 18

organizza un Incontro pubblico con dibattito

“Il Paese delle stragi impunite”

Da Piazza Fontana al caso Eternit

NESSUN COLPEVOLE …

Punto ristoro a partire dalle ore 20,30

(a sottoscrizione)

bevande non alcoliche e cibo …..

a seguire proiezione del film

“Il muro di gomma”

(sulla strage di Ustica)

Sono invitati i cittadini, le associazioni anche ambientaliste, i comitati ...

Per raggiungerci: bus 719 – 785; ampio parcheggio nella Piazza

Per contatti: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

fax 06/77201444

Camera del Lavoro Autorganizzata Roma Sud Ovest

Punto info lavoro e diritti – giovedì 18,30 -20

a Piazza Mosca 50 -

(sede anche del C.A.T. e di Sentieri di Liberazione)

 

 

Il "CASO FARMACAP" !

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

CONFERENZA STAMPA, 20 NOVEMBRE 2014

DALLE ORE 13 ALLE ORE 14,00.

"CASO FARMACAP"

LA PAROLA A LAVORATORI E LAVORATRICI

C/o Sala Riunioni Gruppi Consiliari di Roma Capitale Via delle vergini 18 terzo piano, promossa da Rsa Usi e Rsa di Farmacap

Il 27 novembre pomeriggio, altra assemblea pubblica e iniziativa al CAMPIDOGLIO...

Troppe bugie sono state dette e scritte sulle Farmacie Comunali e sulla rete di servizi sociosanitari ad esse legata come l'asilo nido e la Teleassistenza.
Dal Sindaco Marino, che ha definito "ladri e fannulloni" i lavoratori, sino ai vertici aziendali che ne hanno “addomesticato” i conti per far emergere una negatività di bilancio funzionale alla privatizzazione dell'Azienda Speciale tramite la trasformazione della sua natura giuridica in SpA.

Contro questa trasformazione abbiamo raccolto quasi 10.000 firme nella città e saranno presentate in Conferenza Stampa, sarà consegnata alla stampa la relazione comparata sui bilanci elaborata dalla Rsa interna, il percorso di lotta che vedrà nuovamente in sciopero il 27 novembre con Manifestazione in Campidoglio (integrazione da Usi, il 27 pomeriggio al Campidoglio, oltre ai dipendenti della Farmacap, ci saranno in assemblea e mobilitazione anche i dipendenti comunali, delle aziende comunali e partecipate, con delegazioni di lavoratori e lavoratrici di cooperative sociali e onlus, promossa da strutture Usi e reti e coordinamenti autorganizzate, a partire dalle ore 17, come prosecuzione della giornata di iniziativa del 14 novembre 2014).

Sono invitati TUTTI i consiglieri e consigliere comunali interessati-e, la Presidente della commissione Politiche sociali Erica Battaglia.

Parteciperanno:

i Capigruppo al Consiglio Comunale di Sinistra Ecologia e Libertà, Gianluca Peciola;

Movimento 5 Stelle, Marcello De Vito;

Gemma Azuni, Vice Presidente della Commissione Bilancio e Simona Savini del Comitato Romano Per l’Acqua Pubblica.

Promuovono i delegati-delegate sindacali:

Claudia Baldi, RSA Usi Farmacap

Gianpaolo Rosato, RSA Farmacap

Vincenzo Salvitti, RSA Usi  Farmacap

Nando  Simeone, RSA Farmacap

Cristina Pulimanti Rsa Usi Farmacap

Unione Sindacale Italiana

USI

fondata nel 1912

 

NOI DELL'USI...COME CASSANDRA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

SCIOPERO 14 NOVEMBRE 2014 CONFERMATO,

APPUNTAMENTO IN PIAZZA, in lotta, DALLE 9.30

AL CAMPIDOGLIO – Assemblea popolare pubblica – conferenza - incontro

NOI DELL'USI...COME CASSANDRA...PERÒ...NON CI ARRENDIAMO!

 

“Inutile dirvi di quale gravità stiamo parlando visto anche gli atti di indirizzo della Giunta (per quanto riguarda questo bilancio in approvazione ), che, al tavolo di trattativa sembrava che solo io come RSU/USI ne fossi a conoscenza. Mi riferisco, per esempio, ai “piccoli” musei di cui è prevista la “chiusura”...ovvero l'affidamento a terzi (associazioni o altro) che gestiranno tali siti che avranno ingresso gratuito. Quali sono? A tutt'oggi il dr. Ruberti era reticente a comunicarli...E ci ho pensato io a declamarli ai presenti al tavolo...:Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco; Museo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese; Museo Napoleonico; Museo della Repubblica Romana e della memoria Garibaldina; Museo Canonica; Villa Massenzio; Museo delle Mura. Tale elenco, ovviamente, non è definitivo, poiché c'è l'iter di approvazione del bilancio da seguire...ma questi sono alcuni dei “desiderata” del sindaco. Tale passaggio fa si che i lavoratori Zètema verranno ricollocati. Stando al documento di presentazione del bilancio...ricollocati presso altre istituzioni culturali. E' evidente che l'USI non subirà passivamente questi progetti! Chiederemo un tavolo di confronto con l'Amministrazione e ci opporremo con tutti gli strumenti a disposizione.

Seguirà comunicato anche per la situazione delle Biblioteche e della Logistica. Io e il sindacato USI, sono e siamo a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.”...

Non crediate che abbia scritto questo, dopo aver letto l'indignato comunicato CGIL girare a seguito della pubblicazione del bando di reperimento dei volontari sul sito della Sovrintendenza...Queste erano parole contenute nel mio comunicato dell'11 giugno 2014...quando tutti dicevano...”NO...I nostri colleghi non li toccheranno...” ed io ero l'unica che faceva, per alcuni, “terrorismo psicologico”, per altri...raccontava le cose, così, come stavano.

La RSU USI, non ha mai avuto bisogno di girare intorno ai problemi. I tavoli ci sono stati e ci saranno ancora! Ho anche presenziato all'audizione del dr. Ruberti in Commissione Razionalizzazione della Spesa risalente ad agosto scorso e l'ho sollecitato a chiarire se vi sarebbero state o meno ricadute occupazionali proprio relativamente l'operazione collegata alla gratuità dei musei. E lui ha ribadito in quella sede che non ci sarebbero state ricadute occupazionali...ma le ricollocazioni non erano da escludere, come era ovvio sin dalla prima volta in cui se ne era parlato al tavolo (era il 9 maggio 2014 ed io il 6 maggio scrivevo questo: ”Gentile dr. Ruberti, recenti articoli di giornale hanno riportato una paventata chiusura di una decina di musei civici che hanno un numero limitato di accessi nell'arco dell'anno. Chiusura per quel che riguarda servizi di Zetema, ma assegnazioni previste ad associazioni di volontariato/ONLUS. Come Lei sa non è usanza della mia sigla sindacale attenersi a quanto riportato dagli organi di stampa. Tuttavia lo prendo come un segnale d'allarme. E' per questo che, pur non avendo notizie in merito l'approvazione del PSO aziendale da parte dell'assemblea dei soci, sollecito un nuovo incontro con il tavolo RSU  per poter avere dettagli su queste "chiusure" previste. Certa possa capire come certe informazioni frammentarie creino allarme, sconcerto e disappunto tra lavoratori e lavoratrici, auspico si possa fissare un incontro. Cordiali saluti. Serenetta Monti (RSU/USI)” ...Non è per fare la “Cassandra” della situazione, però...io...ve lo avevo detto... e l’Unione Sindacale Italiana non ha mai smesso di fare informazione e dire le cose come stavano…

Forse è ora di vedersi nuovamente e parlare di ciò che Governo. Comune, Sovrintendenza...fanno a “nostra insaputa”...ma che possiamo immaginare.

Appuntamento per tutti e tutte: lo sciopero generale del 14 novembre che vedrà assemblea pubblica e popolare in Piazza del Campidoglio, a partire dalle 9.30.

Spero e speriamo che LA LOTTA, CHE VA PROSEGUITA E FATTA ADESSO (non aspettiamo gennaio 2015), anche perché entro LA FINE DEL MESE DI NOVEMBRE, salvo proroghe, IL COMUNE DOVRA’ VOTARE L’ASSESTAMENTO DI BILANCIO E PREPARARSI A QUELLO DEL 2015,

QUINDI IL 14 NOVEMBRE E’ UNA DATA GIUSTA PER FARSI VEDERE E PRETENDERE ORIENTAMENTI CHIARI DAL COMUNE.

E' ora di unire le lotte…Serenetta Monti (RSU/USI)

Usi e mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

blog: www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com;

sito: www.usiait.it

 

   

FARMACAP BENE COMUNE!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

PER LAVORATORI E LAVORATRICI DI FARMACAP E PER LA CITTADINANZA

Sciopero 14 novembre confermato, LA LOTTA PROSEGUE

 

Facciamo chiarezza!

Abbiamo letto il comunicato delle altre Organizzazioni sindacali dopo l’incontro del 3 novembre e vogliamo fare chiarezza su l’ambiguità contenuta nella formula “azienda pubblica”. Nelle intenzioni, finora non realizzate, di alcune forze politiche significa trasformare la Farmacap in Società per azioni (Spa), seppure con una proprietà pubblica al 100%. Per l’Usi invece,  significa difendere l’Azienda speciale. D’altra parte, finora, questa posizione è stata condivisa anche dalle altre organizzazioni sindacali e non abbiamo motivo di ritenere che abbiano cambiato posizione o almeno lo speriamo. Nel caso contrario, ci troveremmo in netto disaccordo e riterremo inspiegabile un tale cambiamento d’opinione, soprattutto in un momento in cui altre forze politiche sostengono l’Azienda speciale.

Facciamo chiarezza: la trasformazione in Spa, in tutti i casi significa passare da un “ente di diritto pubblico” ad un  “ente di diritto privato”, quindi tutta una serie di operazioni sulla “pelle” dei lavoratori possono essere fatte con maggiore facilità (cessioni di ramo d’azienda, tagli occupazionali, ecc…); in secondo luogo perché se non si trovano risorse economiche per l’azienda speciale si possono trovare per la S.p.a. pubblica? Inoltre una volta trasformata in S.p.a. l’Ente locale può decidere tranquillamente, ne avrebbe facoltà, di modificare l azionariato entro due anni (quindi anche nei primi 6 mesi), facendo entrare soggetti privati,  secondo quanto previsto dal Testo unico sugli Enti locali.

Quindi essendo che ci giungono notizie “poco confortanti” dall’incontro del 3 novembre, riteniamo che si debba  continuare il percorso di mobilitazione, a partire dallo sciopero nazionale del 14 novembre che ci vedrà impegnati a manifestare insieme ai lavoratori del Comune di Roma e delle altre aziende comunali  per impedire che vengano privatizzate le aziende, decurtati i salari e “licenziati” i lavoratori, per poi continuare con tutte le iniziative, anche sotto il profilo giuridico-amministrativo, necessarie.

FARMACAP BENE COMUNE!

14 novembre dalle 9.30 al Campidoglio

IN PIAZZA, IN LOTTA, ASSEMBLEA POPOLARE E CONFERENZA/INCONTRO

USI FARMACAP e Rsa – Rls interna e mail per contatti Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Fax 06 77201444 blog www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

Sito nazionale ufficiale www.usiait.it

Archivio storico www.usistoriaememoria.blogspot.com,

Roma, 5nov2014

 

Con la resistenza di Kobanê!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Con la resistenza di Kobanê!

Il 1° novembre sarà la giornata globale di sostegno alla resistenza di Kobanê.

Da mesi, nella città di Kobanê, i combattenti e le combattenti curde delle YPG e YPJ, resistono valorosamente alla barbarie dell'ISIS, difendendo insieme alla popolazione kurda valori universali e la stessa umanità.

Questa battaglia ha squarciato il velo di silenzio che avvolgeva l’esperienza di autogoverno nata nel 2012 nel Rojava (Kurdistan occidentale siriano).

Mentre in Europa e nel mondo emergono nuove forme di nazionalismo, mentre i mercati finanziari pretendono di governare le vite di ognuno di noi, nel Rojava dal 2012 si pratica uno straordinario esperimento di democrazia diretta e partecipata, con un programma di liberazione dall’autoritarismo, dal militarismo, dal patriarcato e dall’intervento delle autorità religiose nella vita pubblica.

Questa esperienza, che può costituire una via d'uscita dai conflitti etnico-religiosi alimentati dagli interessi delle grandi potenze internazionali e regionali in Medio Oriente – fra cui in primis la Turchia - è ora in pericolo e ha bisogno della solidarietà di tutti.

Un appello è stato lanciato dai rappresentanti curdi in Europa, al quale hanno aderito i premi Nobel Dario Fo, Perez Esquivel, Desmond Tutu e migliaia di intellettuali, politici, artisti, sindacalisti, associazioni, partiti, gruppi e singoli in tutto il mondo, tra cui Noam Chomsky, Ken Loach, Moni Ovadia (vedi il lungo elenco su www.uikionlus.com).

1° novembre a Roma per sostenere l'autonomia del Rojava-Kurdistan

A Roma, molteplici realtà insieme alla comunità curda hanno deciso di lanciare un corteo che partirà da piazza dell’Esquilino alle 15.30 per raggiungere piazza SS. Apostoli.

Facciamo appello alle realtà sociali, ambientali, sindacali, politiche, all'intera cittadinanza, perchè partecipino e sostengano attivamente la resistenza di Kobane e la sopravvivenza del suo popolo, anche attraverso la raccolta di fondi e medicine, l'invio di volontari sanitari e di osservatori umanitari a Suruç, città kurda in territorio turco ove sono accampati i profughi di Kobane.

Roma con Kobanê ! Kobanê non è sola!

1° novembre, corteo da piazza dell'Esquilino ore 15.30

arrivo a piazza SS. Apostoli

 

   

Pagina 42 di 44