Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

3 GENNAIO 2017 DALLE 10 ALLE 14 .

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

MOBILITAZIONE

3 GENNAIO 2017 DALLE 10 ALLE 14

PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO (già “autorizzato” e preavvisato)

PRESIDIO DI LOTTA

Ce lo aspettavamo, l’Assessore Colomban di Roma Capitale (con delega a riorganizzazione…leggasi distruzione della aziende partecipate) sta costruendo, come si legge nelle interviste che rilascia in questi giorni, una ROMA CAPITALE, dove torna un vecchio ritornello che di NUOVO NON HA NULLA: “privato è più bello”

Infatti, la sua ricetta che di innovativo non ha nulla rispetto alle Giunte precedenti (DA RUTELLI IN POI, PASSANDO PER VELTRONI, ALEMANNO, MARINO…), vuole dismettere le società di secondo livello (tra le quali ci sta la ROMA MULTISERVIZI SPA, ma non solo quella…), far entrare il privato in AMA e ATAC (come se non ci fossero già da anni, servizi esternalizzati di AMA e ATAC)

Non c’era bisogno di un assessore “Movimento 5 stelle” per fare tutto questo, ci aveva già pensato  il GOVERNO RENZILONI …RICORDATE IL DECRETO MADIA COLPITO DALLA BOCCIATURA DELLA CORTE COSTITUZIONALE?

Senza contare I PESSIMI SEGNALI CHE PROVENGONO DAL SETTORE EDUCATIVO-SCOLASTICO, DAI TANTI SERVIZI E ATTIVITA’ SOCIO ASSISTENZIALE E SOCIO EDUCATIVO affidati alle cooperative, sempre a rischio di chiusura, ristrutturazione, tagli di finanziamenti, rischi occupazionali, SU SERVIZI IMPORTANTI PER LA CITTADINANZA…

L’USI non può accettare che aziende partecipate, servizi pubblici siano smantellati o privatizzati, né che i lavoratori e le lavoratrici facciano la fine di quelli di ALMAVIVA (dallo 060606): LICENZIATI E SENZA PROSPETTIVE FUTURE (se NON LA LOTTA A OLTRANZA).E ANCHE AZIENDE DI PRIMO LIVELLO COME FARMACAP SONO NELL’OCCHIO DEL CICLONE…O LA VICENDA DEI CANILI COMUNALI (con un cambio di gestione e di appalto in corso).

Per questo, a partire dai lavoratori e dalle lavoratrici della ROMA MULTISERVIZI,

CON IL NUOVO ANNO 2017 L’UNIONE SINDACALE ITALIANA e I COORDINAMENTI E COMITATI DI LOTTA, CHIAMANO ALLA LOTTA, ALLA MOBILITAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE COMBATTIVA E DIRETTA.

IL 3 GENNAIO 2017, DALLE 10 ALLE 14, PRESIDIO A PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO (autorizzato già dalla Questura e preavvisato ritualmente).

Come segnale di disponibilità nostra (non abbiamo governi amici, sindaci amici o assessori amici, ma come aut organizzati-e proviamo a ragionarci…), chiederemo l’incontro con COLOMBAN, che allo stato attuale, snobba la questione di fare un serio confronto sulla situazione della MULTISERVIZI e delle altre partecipate, con la GIUNTA LA QUESTIONE CHE SI INTRECCIA TRA LAVORO-OCCUPAZIONA-SERVIZI PUBBLICI-RICOSTRUZIONE DI UN TESSUTO ECONOMICO DECENTE E SERI PIANI DI “RILANCIO INDUSTRIALE” DELLE AZIENDE COMUNALI E DEI SERVIZI DI COMPETENZA DI ROMA CAPITALE (anche quelli già esternalizzati). Non lasciamoci frenare o “abbindolare” dalle false promesse, o dai falsi obiettivi dei soliti sindacati concertativi o di sindacati autonomi.

Riprendiamo il futuro lavorativo nelle nostre MANI, DIAMO DIMOSTRAZIONE che possiamo “resistere un minuto in più dei padroni” e delle istituzioni.

Dopo i festeggiamenti del nuovo anno (anche se non ci sta molto da…festeggiare), LA LOTTA DEVE RIPRENDERE IN MANIERA CONGIUNTA, SOLIDALE E COLLEGIALE, insieme possiamo cambiare questo modello sociale che ci vogliono imporre, a partire dalla nostra città.

IL VECCHIO SLOGAN “Privato è bello”, CHE RILANCIA COLOMBAN (e chi ce l’ha messo), HA GIA’ AVUTO, NEGLI ANNI PASSATI, COME EFFETTO A ROMA… “IL SISTEMA DI MAFIA CAPITALE” (erano servizi privatizzati ed esternalizzati, infatti quelli che erano fonte di lucrosi e criminali profitti e introiti), LA PROGRESSIVA DEQUALIFICAZIONE DI TANTI SERVIZI PUBBLICI, UN AUMENTO DI FATTO DEI COSTI A CARICO DELLA CITTADINANZA E DEI BENEFICIARI DEI SERVIZI, SULLA PELLE DI LAVORATRICI E LAVORATORI.

 

Segreteria intercategoriale USI

-  RSA Usi Roma MULTISERVIZI

– RETE MUNICIPALIZZATE DI ROMA

COMITATI E COORDINAMENTI DI LOTTA

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

IL SECONDO PACCO DI NATALE…!!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

IL SECONDO PACCO DI NATALE…!!

Con una Determinazione Dirigenziale, del 22 dicembre 2016, n.2899, il “Dipartimento servizi educativi e scolastici, politiche della famiglia e dell’infanzia”, ha annullato in autotutela la Convenzione con la Farmacap, per il nido di via Bossi, 16. Dopo il “primo regalo natalizio” della assenza di fondi ordinari, nel bilancio previsionale del Comune per il 2017/18, a copertura di costi della Convenzione per i servizi sociali di prossimità, compreso il servizio di telecompagnia, arriva un altra scelta vergognosa. Le motivazioni addotte (mancanza del requisito della presenza di figli di dipendenti), se effetivamente valide, non giustificano comunque nè la chiusura del nido dopo l’apertura dell’anno scolastico, nè il trasferimento dei bambini in altre sedi, addirittura in altri municipi, ma anzi tale scelta rappresenta una lesione, come giustamente rilevato da alcuni genitori, dell’interesse allo sviluppo pedagogico dei bambini, con perdita dei riferimenti educativi.

CHIEDIAMO L’IMMEDIATA REVOCA DI TALE ATTO E LA RIAPERTURA DEL NIDO AL FINE DI PROSEGUIRE L’ATTIVITA’ DIDATTICO-EDUCATIVA FINO ALLA FINE DEL CORRENTE ANNO SCOLASTICO.

Non crediamo nè al caso nè ad atti isolati!! Quello che sta avvenendo sembra un disegno preciso, finalizzato a distruggere le caratteristiche attuali della Farmacap, e prepararla, dimagrita dei servizi sociali ed educativi, alla privatizzazione.

Per questa ragione confermiamo la

 

MOBILITAZIONE SOTTO L’ASSESSORATO, viale Manzoni, 16

IL 12 GENNAIO 2017, dalle ore 8.30 alle 13,

A CUI INVITIAMO A PARTECIPARE MASSICCIAMENTE

 

 

INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA fondata nel 1912

Confederazione sindacale nazionale e di federazioni locali intercategoriali

Segreteria provinciale intercategoriale e coordinamento lav. Coop sociali e terzo settore

Rsa Usi appalto centro diurno Alzheimer Tre Fontane

ROMA LARGO VERATTI 25 00146

FAX 06/77201444

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Associazione difesa e tutela utenti e consumatori Usicons

E mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. cell. 339 5001537

 

Roma, 27 Dicembre 2016

URGENTISSIMO

Al Presidente del Municipio VIII (Paolo Pace) e all’Assessore con delega

A politiche sociali, servizi alla persona e pari opportunità (Antonio Pelagatti)

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Loro sedi fax 06 5432035/5431549 e per e mail Via Benedetto Croce 50 Roma

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Al Direttore del Municipio Roma VIII Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

E Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 5432035 5941527

Alla Dirigente UOSECS Mun. VIII Dott.ssa Lucietta Iorio fax 06 5432035

Al R.U.P. del procedimento amministrativo Dott.ssa Di Loreto fax 06 5432035

Al Sindaco di Roma Capitale Avv. Virginia Raggi e Uff. Gabinetto del Sindaco fax loro sedi

c/o Palazzo Senatorio Piazza del Campidoglio 1 00186 Roma

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 67103590/6784239

Al Vice Sindaco di Roma Capitale Dott. Bergamo c/o Palazzo Senatorio fax 066795538

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

p.c. All’Assessora Laura Baldassarre e alla Direzione p.t. del Dipartimento

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Politiche Sociali, Servizi alla Persona - Viale Manzoni 16 fax ed

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Oggetto: DIFFIDA PER INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO dal 1° Gennaio 2016 per CENTRO DIURNO ANZIANI CON PATOLOGIE DI ALZHEIMER DEL MUNICIPO ROMA VIII, A SEGUITO DI ATTUALE OMISSIONE E RITARDO IN ATTI DI UFFICIO (mancata predisposizione, con disparità di trattamento rispetto a servizi analoghi, di atto di proroga TECNICA, NELLE MORE DELLA FASE DI AGGIUDICAZIONE DEL SERVIZIO A SEGUITO BANDO DI GARA DI APPALTO, NECESSARIA PER LA CONTINUAZIONE DEL SERVIZIO A UTENTI E CONTINUITA’ LAVORATIVA, DI PROGRAMMAZIONE INTERVENTO COLLEGIALE DELL’EQUIPE IN SERVIZIO, PER LE FINALITA’ PROPRIE DEL CENTRO DIURNO ALZHEIMER) per servizio socio assistenziale ad anziani utenti già fruitori del Centro Diurno Alzheimer TRE FONTANE (12 utenti municipio VIII e cittadini di Roma Capitale), con responsabilità penale, contabile, civile e amministrativa in concorso, tra i vari soggetti a vario titolo competenti e responsabili dell’Amministrazione Capitolina.

INVITO AD ADEMPIERE ENTRO IL TERMINE MASSIMO DEL 31 DICEMBRE 2016. IPOTESI DI INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO, OMISSIONE E RITARDO IN ATTI DI UFFICIO, VIOLAZIONE TUTELA E DIRITTO ALLA SALUTE UTENTI (ex art. 32 Cost.), DIRITTO AL LAVORO E CONTINUITA’ LAVORATIVA E DI INTERVENTO SOCIALE A DANNO DEI 6 LAVORATORI E LAVORATRICI, DISTRAZIONE DI FONDI PUBBLICI, INTERESSE PRIVATO IN ATTI DI UFFICIO E RELATIVE E CONNESSE RESPONSABILITA’ CONTABILI, PENALI E CIVILI, NONCHE’ PER IL REATO DI CUI ALL’ART. 353 C.P.

L’Associazione difesa e tutela utenti e consumatori dei servizi pubblici Usicons, nonchè la Unione Sindacale Italiana in sigla Usi, legalmente costituita e operante con Rsa interna e nell’appalto del centro diurno Alzheimer TRE FONTANE (in via Laurentina 289, territorio del Mun. VIII), tutela di interessi collettivi diffusi, della tutela di principi, criteri di fonte costituzionale (artt. 2,3 e 32 e 36 Cost) e del buon andamento e funzionamento dei servizi pubblici DIFFIDA ROMA CAPITALE E I DESTINATARI DELLA PRESENTE, CON INVITO AD ADEMPIERE ENTRO IL TERMINE MASSIMO DEL 31 DICEMBRE 2016, PER LA SITUAZIONE DESCRITTA NELL’OGGETTO DELLA PRESENTE. La situazione, attualmente perdurante, con comportamento e condotta dei dirigenti responsabili e con acquiescenza dei responsabili di parte politica a vario titolo competenti, sta creando forte disagio a anziani utenti, alle loro famiglie e ovviamente a chi lavora ed eroga il servizio con competenza e professionalità, e della distruzione del percorso fatto a favore degli anziani e delle loro famiglie in 12 anni di attività.

Perdurando tale condizione di inazione e di immobilismo, si stanno per configurare a carico dei Dirigenti, a seguito della chiusura del centro alla fine del corrente mese di luglio 2016, al di là di ipotesi e soluzioni transitorie (di cui non è dato al momento sapere la durata effettiva) che si sono valutate come assolutamente insufficienti e inadeguate (oltre che non legittime da tutti i punti di vista, come provare a sostituire con assistenza domiciliare e con diversi operatori rispetto a quelli gà impiegati, le attività e la programmazione di intervento collegiale di un CENTRO DIURNO PER ANZIANI CON PATOLOGIE DI ALZHEIMER, per la tipologia del servizio essenziale da erogare dai lavoratori e lavoratrici (che hanno una legittima aspettativa alla continuità di intervento, oltre al diritto costituzionale al lavoro e alle tutele previste da leggi e dal CCNL) e nel rigoroso rispetto delle procedure, criteri e principi di cui alle D.C.C. 135/2000 e 259/2005, che vanno citate e applicate in ogni bando di gara, convenzione e affidamento di qualsiasi natura e servizio da parte dei Roma Capitale, come già al Comune di Roma, alcune ipotesi e fattispecie di reato penale, con le inevitabili conseguenze ed effetti di natura contabile, civile e amministrativa, in fase di ulteriore accertamento, in concorso tra i vari soggetti destinatari o di quelli che saranno successivamente accertati in sede di indagine istruttoria.

La presente vale come formalizzazione di diffida ad adempiere, entro il termine massimo del 31/12/2016.

In assenza di atti concreti e verificabili, di atti amministrativi come la predisposizione in primis di atto di “proroga tecnica”, nelle more della conclusione corretta, efficace, trasparente, lecita e legale della procedura di gara di appalto in corso, al solo fine di garantire la continuità di intervento, l’esercizio concreto a favore dei beneficiari del servizio DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI CON PATOLOGIE DI DEMENZA SENILE E ALZHEIMER di un diritto di fonte costituzionale ex art. 32 Cost., alle loro famiglie, con la conseguente continuità di intervento collegiale, di programmazione con personale competente, professionale e formato per la realizzazione di tale concreto esercizio (compreso il loro diritto al lavoro ex art. 1 Cost), diritti che non possono essere compressi o affievoliti, nel loro concreto esercizio ed effettività, a causa di inaccettabili, inopportuni, omissivi, illeciti comportamenti dei dirigenti responsabili per il territorio del Municipio VIII o di altri da accertarsi in sede apicale come condotta legittimante o “acquiescente”, per il danno a utenti, familiari e personale utilizzato e in servizio.

In assenza di tali doverosi e opportuni atti, diventerà nostro impegno inoltrare tutti gli atti, alla Magistratura competente per materia e territorio, con tutte le conseguenze del caso.

Distinti saluti

Si ringrazia per attenzione e si inviano i ns. distinti saluti.

Per Unione Sindacale Italiana e inoltra per Associazione Usicons e Usi

(e a nome e per conto degli interessi collettivi diffusi e di quelli dei familiari degli utenti del servizio)

Roberto Martelli

   

Alla Farmacap. IL PACCO DI NATALE…!!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

IL PACCO DI NATALE…!!

Oggi 21/12/16 si è tenuto un incontro con la Direzione Aziendale sulla mancata assegnazione da parte dell’Assessorato alla Persona e alle Politiche Sociali dei fondi destinati al servizio sociale della Farmacap e al rinnovo della convenzione attualmente prorogata solo fino al 31/12/2016.

La Direzione aziendale ha affermato di non aver ricevuto comunicazioni di sorta da parte assessorile né di conferma della Convenzione.

Questa scelta scellerata avviene dopo che nell’incontro del 7/11/2016 l’Assessora Baldassarre aveva garantito la prosecuzione e il rinnovo della convenzione almeno per l’anno 2017.

Mesi di legittimi ma discutibili verifiche e controlli da parte del Dipartimento sui servizi erogati, anziché ad interventi migliorativi su tutti i presidi e in particolare su quelli in sofferenza, rischiano di portare ad una probabile e pericolosa interruzione dei servizi, che potrebbe avere gravi conseguenze sul piano occupazionale.

Si tratta di una scelta che, se confermata, porterà non solo alla chiusura dei servizi sociali ma soprattutto alla trasformazione della ragione sociale originaria (azienda speciale socio-sanitaria) della Farmacap, per renderla più appetibile per un’eventuale privatizzazione. Non sappiamo con certezza, infatti, né i propositi dell’assessore Colomban (alle partecipate) né quanto previsto dal Piano Industriale aziendale.

Il 23 dicembre 2016 come RSA ci recheremo presso l’Assessorato alla Persona e alle politiche sociali, per chiedere un incontro immediato all’Assessora e pretendere spiegazioni in merito, e data anche la bocciatura del bilancio previsionale del Comune di Roma abbiamo un po’ più di tempo per intervenire (oltre il 31/12/2016) predisponendo sin da subito una MOBILITAZIONE SOTTO L’ASSESSORATO, viale Manzoni, 16 IL 12 GENNAIO 2017, dalle ore 8.30 alle 13.00.

INVITIAMO TUTTI A PARTECIPARE MASSICCIAMENTE

USI RSA FARMACAP

USI LARGO G. VERATTI 25

00146 ROMA

Fax 06/7720144

e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

sito nazionale www.unionesindacaleitaliana.eu

Roma 21 ottobre 2016

 

 

Centro diurno Alzheimer Tre Fontane

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA – fondata nel 1912

Confederazione di sindacati nazionali e di federazioni locali intercategoriali

Segreteria provinciale e RSA USI c/o Soc. Coop. Sociale “Domus Caritatis”

Consorzio di cooperative di Solidarietà Sociale

ROMA LARGO VERATTI 25 00146 TEL. 06/70451981 FAX 06/77201444

E mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Sito nazionale ufficiale www.unionesindacaleitaliana.eu,

archivio storico www.usistoriaememoria.blogspot.com,

 

Comunicato sindacale/per avviso ai lavoratori-trici

Del centro diurno Alzheimer Tre Fontane, di SPRAR e di Cas, Centri Diurni, Assistenza Domiciliare e servizi alla persona di Domus Caritatis, Tre Fontane e Consorzio Casa della Solidarietà e per area immigrazione, accoglienza

 

Roma, 18 Dicembre 2016

c.a. Responsabile Ufficio del Personale/Risorse Umane

Soc. Coop. Sociale Domus Caritatis anticipato

e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 72996201-6333

Per Ufficio del Personale Consorzio Coop. Solidarietà Sociale

(Domus Caritatis, Tre Fontane, Casa della Solidarietà) fax 06 72996333

Per i lavoratori e lavoratrici in servizio presso sedi lavoro – e mail

 

Oggetto: COMUNICAZIONE DI INDIZIONE DI ASSEMBLEA SINDACALE AI SENSI ARTT. 20 e 27 L. 300/70 PER IL GIORNO 21 DICEMBRE 2016, DALLE ORE 8 (otto) alle ore 14 (quattordici), PER IL PERSONALE IMPIEGATO NELLA SOC. COOP. SOCIALE DOMUS CARITATIS (vari servizi alla persona e area accoglienza, immigrazione), Consorzio Casa della Solidarietà e cooperative consorziate (Tre Fontane).

LUOGO DI SVOLGIMENTO PRESSO PIAZZA SS. APOSTOLI, IN CONCOMITANZA CON PRESIDIO E RICHIESTA INCONTRO CON PREFETTURA – UFFICIO TERRITORIALE DI GOVERNO (con manifestazione già preavvisata e autorizzata dalla Questura di Roma)

La Unione Sindacale Italiana USI e la Rsa interna, ai sensi degli articoli 20 e 27 della Legge 300/70, comunicano che il GIORNO 21 Dicembre 2016, nella fascia oraria dalle ore 8 (otto) alle ore 14 (quattordici), si svolgerà una ASSEMBLEA SINDACALE, ai sensi della Legge citata (artt. 14, 20 e 27). L’Assemblea sindacale, è convocata per permettere la partecipazione a delegazioni di lavoratori e lavoratrici dalle sedi di lavoro delle cooperative consorziate di CASA DELLA SOLIDARIETA’ (Domus Caritatis, Tre Fontane, Casa della Solidarietà) al concomitante presidio con assemblea (già preavvisato e “autorizzato” in data 16 dicembre dalla Questura di Roma) presso la Prefettura- Ufficio Territoriale di Governo in PIAZZA SS. APOSTOLI A ROMA, con incontro nella mattinata di delegazione sindacale

Ordine del giorno dell’assemblea: SITUAZIONE LAVORATIVA PER APPALTI E AFFIDAMENTI IN CORSO GESTITI DA “DOMUS CARITATIS” a seguito procedura di trasferimento di ramo d’azienda in corso, SITUAIZONE CHIUSURA AL 31/12/2016 DI 4 CENTRI SPRAR SUL TERRITORIO EX PROVINCIA E DEI SERVIZI SPRAR E CAS, DI CENTRI DIURNI E SERVIZI ALLA PERSONA, AREA IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA,  RITARDATI PAGAMENTI DI RETRIBUZIONI E SALARI, SALUTE E SICUREZZA, VARIE ED EVENTUALI.

Si assicura l’ordinato svolgimento dell’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici e, come previsto dalle disposizioni contrattuali, si richiede al personale di equilibrare l'esercizio del diritto di assemblea,  con  la garanzia dei servizi essenziali. All’assemblea parteciperanno i dirigenti sindacali USI (Roberto Martelli, Giuseppe Martelli).

SI INVITA L’UFFICIO DEL PERSONALE E I SERVIZI DI COORDINAMENTO DELLE SEDI DECENTRATE DI LAVORO a PRENDERE NOTA DELLA CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA SINDACALE,  PER LE COMUNICAZIONI e ad avvisare famiglie utenti.

Si ringrazia per l’attenzione. Distinti saluti.

 

Segr .prov. USI e RSA USI  c/o Soc. Coop. Sociale “Domus Caritatis”

E COOP. SOC. ADERENTI AL CONSORZIO DI SOLIDARIETA’ SOCIALE

 

   

Pagina 6 di 41