Sede Roma

00146 Roma.

Largo G. Veratti, 25.

Tel 06 70 45 19 81

Fax 06 77 20 14 44

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unionesindacaleitaliana.blogspot.com

www.usistoriaememoria.blogspot.com

Angelicamente Anarchici

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

dal 22 al 27 novembre
Angelicamente Anarchici

Don Andrea Gallo e Fabrizio De Andrè

con  Michele Riondino
drammaturgia di Marco Andreoli regia Michele Riondino
arrangiamenti  di Francesco Forni
musiche eseguite dal vivo da Francesco Forni, Ilaria Graziano, Remigio Furlanut
luci Luigi Biondi direzione tecnica Francesco Traverso costumi Eva Nestori
Il cuore è stato creato da Alessandro D’Anna
coproduzione Centro d’arte contemporanea Teatro Carcano  - Promo Music - Corvino Produzioni


Michele Riondino dà voce alle parole di Don Andrea Gallo, con le quali racconta il suo quinto Vangelo: quello secondo Fabrizio De Andrè. “ I miei vangeli sono cinque: Matteo, Marco, Luca, Giovanni e Fabrizio. (…) È la mia Buona Novella laica. Scandalizza i benpensati, ma è l’eco delle parole dell’uomo di Nazareth che, ne sono certo, affascinò il mio amico Fabrizio”.

Quella tra Don Gallo e De Andrè è stata un’amicizia intima e fortissima; ad unire profondamente il poeta e il sacerdote anarchico sono stati il desiderio di giustizia, la cultura libertaria e soprattutto la concezione della vita come cammino e incontro, prescindendo da qualsiasi pregiudizio. Per comporre il suo “vangelo laico”, Don Andrea Gallo ha scelto alcune delle più belle canzoni di Faber, nelle quali ha ritracciato il nucleo del messaggio evangelico, che è un messaggio penetrante e universale: c’è la coscienza civile, la comprensione umana, la guerra all’ipocrisia e il desiderio di riscatto della condizione umana emarginata perché “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”.


dal 22 al 27 novembre 2016 ore 21.00 ( domenica ore 17.30 , mercoledi 26 ore 17.00)

TEATRO VITTORIA / ATTORI & TECNICI
_ Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio)
Biglietti:  intero platea 28, intero galleria 22 (compresi 3 euro di prevendita)
ridotti in convenzione: platea 21 e galleria 18 (compresi i 3 euro di prevendita)
Promozione gruppi: 1 biglietto omaggio ogni 10 spettatori paganti  
Botteghino: 06 57 40 170 ; 06 57 40 598 _ lunedì (ore 16-19), martedì - sabato (ore 11- 20), domenica (ore 11-13.30 e 16-18)
Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it

 

Come arrivare: Metro: Piramide ; Bus: 170, 781, 83, 3
UFFICIO STAMPA E PROMOZIONE:

ARTINCONNESSIONE  

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. / www.artinconnessione.com
Chiara Crupi  t. +39. 3932969668 _ Ufficio Stampa ,
Valeria Ranieri  t. +39. 3930255428

dal lunedì al venerdì (ore 10-18) Ufficio Promozione

 

 

I fondi sono stati reperiti!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Unione Sindacale Italiana USI

fondata nel 1912 - novembre 2016

 

ROMA CAPITALE: 11 NOVEMBRE INCONTRO SINDACALE  OO.SS. - RSU E DELEGAZIONE PUBBLICA CON SINDACA RAGGI SI SBLOCCA IN QUESTO MESE DI NOVEMBRE 2016, QUOTA "B" SALARIO ACCESSORIO DIPENDENTI COMUNALI...ERA ORA...

Nell'incontro sindacale del giorno 11 novembre 2016, di ripresa della trattativa centrale decentrata a Roma Capitale, alla presenza della Sindaca Raggi,  ci ha comunicato che la quota B del salario accessorio 2015 sarà pagata con lo stipendio di novembre (cfr., qui di seguito, il suo comunicato per i malfidati), dopo aver superato gli ostacoli frapposti dal governo.

I fondi sono stati reperiti dai risparmi di gestione.

Potrebbe essere una buona notizia, insieme a quella della imminente riapertura della trattativa sul nuovo contratto decentrato, per cancellare l'iniquo e inefficiente "atto unilaterale" della Giunta Marino, in vigore da quasi due anni.

La quota B del salario accessorio, per chi lavora nell'ISBCC (Istituzione Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale) era stata pagata, a differenza di tutti gli altri dipendenti capitolini, per una svista del Commissario Tronca, che non aveva inviato il provvedimento che ne bloccava l'erogazione alla Direzione delle Biblioteche (che attualmente ha come direttore ad interim il direttore del Dipartimento Cultura).

Con diverse ordinanze sindacali la Raggi tra il 9 e il 10 novembre, ha disposto la rotazione di alcuni dirigenti apicali di Dipartimenti e di alcuni Municipi, riconfermandone altri.

Quella che è balzata agli onori delle cronache, ricoprdiamo come Usi intercategoriale, è il conferimento di incarico di responsabile della Direzione Turismo, da parte del direttore Marra, al proprio fratello, già proveniente dalla Polizia Locale...un chiaro caso di "incompatibilità" che però alla Giunta guidata dalla Raggi, a proposito di trasparenza, onestà e legalità....è sfuggita, così come lasciano perplessi alcune scelte di riconferma di responsabili apicali al segretariato generale comunale, un segnale di continuità con il modello precedente...

Ulteriori notizie, non appena le conosceremo.

Unione Sindacale Italiana Intercategoriale fondata nel 1912
e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 77201444

Largo G. Veratti 25

00146 Roma

sito nazionale ufficiale www.unionesindacaleitaliana.eu
(i componenti Usi alle Rsu di Roma Capitale sono  Giorgio Salerno, Francesco Sordi e Antonietta Principe)
Punti infolavoro/diritti presso camere del lavoro autorganizzate a Roma

LUNEDI' ORE 17.30 19.30 LARGO GIUSEPPE VERATTI 25 (nord ovest)
MARTEDI' E MERCOLEDI' ORE 18 - 20 VIA OSTUNI 9 piano rialzato (sud est)

GIOVEDI' ORE 18.30 - 20 PIAZZA GAETANO MOSCA 50 (sud ovest)

Il comunicato ufficiale della Sindaca (lo mettiamo solo per completezza di informazione)

 

#ROMALAVORA SBLOCCATO SALARIO ACCESSORIO PER OLTRE 23.000 DIPENDENTI CAPITOLINI

 

Sono qui oggi per dare un annuncio importante: questa amministrazione ha finalmente sbloccato l’annosa vicenda del salario accessorio che riguarda oltre 23mila dipendenti capitolini. Oggi in giunta siamo pronti finalmente ad andare in delibera e disporremo il pagamento a partire dal mese di novembre.

Siamo tra i primi in Italia ad aver affrontato questo problema e ad averlo risolto senza mettere le mani nelle tasche dei dipendenti. E anzi restituiremo loro i compensi legittimamente maturati.

Nella prossima busta paga, a fine novembre, i dipendenti del Campidoglio riceveranno infatti la ormai famigerata ‘quota B’ del salario accessorio relativa all’anno 2015. L’erogazione continuerà a essere garantita da Roma Capitale anche per il futuro. Inoltre apriremo nuovamente un tavolo di contrattazione con i sindacati per superare l’atto unilaterale e ricominciare una stagione di contrattazione collettiva che riconosca a pieno i diritti dei lavoratori.

Sia chiaro: la nuova contrattazione non dovrà portare ad un ritorno ai vecchi principi in base ai quali i salari venivano erogati a pioggia. Noi dobbiamo cambiare pagina, migliorare ed efficientare la macchina e riconoscere i premi in base ad un valore di produttività reale.

Mentre le precedenti amministrazioni si sono limitate a fare annunci e promesse noi da quattro mesi abbiamo lavorato in maniera serrata a questo tema e siamo qui oggi a rivendicare questo importante risultato. Abbiamo utilizzato gli strumenti giuridici che la legge ci mette a disposizione, dopo averne verificato l’applicabilità e confrontandoci, come sapete, anche con il Governo.

Il piano realizzato recupera le somme contestate dal Mef mediante le economie di gestione che sono state ricavate da Roma Capitale negli ultimi anni. In altre parole, i pagamenti considerati indebiti vengono recuperati con i risparmi di spesa strutturali già effettuati dal Campidoglio. Dunque non ci saranno decurtazioni agli stipendi dei dipendenti capitolini e non ci sarà alcun riflesso sul bilancio.

Roma continuerà quindi a perseguire una maggiore efficienza, riconoscendo con trasparenza il valore del lavoro dei suoi dipendenti. I cittadini romani meritano servizi degni di una Capitale e i lavoratori devono essere trattati altrettanto correttamente da questa amministrazione.

Virginia Raggi

 

 

Incontro FARMACAP

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Incontro FARMACAP

Assessora Pol. Sociali e Servizi

Direzione Dipartimento

e Usi - 7 novembre 2016

COMUNICATO SINDACALE – 10 novembre 2016

Il 7 novembre 2016, anche in seguito al presidio tenutosi al Dipartimento per le Politiche Sociali e Servizi Alla Persona di Roma Capitale, si è svolto un incontro tra la delegazione della Rsa USI dell’Azienda Speciale Comunale Farmacap, la segreteria intercategoriale del sindacato aut organizzato, con l’Assessora Pol. Sociali e Servizi alla Persona Laura Baldassarre, la Direzione del Dipartimento e altre figure tecniche dipartimentali e della segreteria dell’Assessorato.

L’incontro che è durato oltre un’ora, aveva per oggetto il chiarimento degli indirizzi e orientamenti politico amministrativi relativi alla Farmacap (ndr, Azienda Speciale Comunale, troppo spesso oggetto di mire “particolari” di alcuni organi di stampa e sottoposta ad attacco ingiustificato a chi ci lavora, con l’intento di legittimare la sua privatizzazione o smantellamento) e diverse situazioni relative a condizioni di servizio e di garanzia economica, in termini di finanziamento, regolarità gestione societaria e convenzioni. E’ stato per prima cosa chiesto all’Assessorato e al Dipartimento, di fornire notizie sulla situazione relativa ai pagamenti arretrati per la Convenzione attualmente in proroga (fermi a febbraio 2016);  di esplicitare con chiarezza e di porre una particolare attenzione ai contenuti della nuova convenzione per l’anno 2017, in considerazione dei processi di “riorganizzazione interna” del settore sociale; di esprimere  un orientamento di fondo rispetto all’azienda (ndr che per Usi va mantenuta con caratteristica di azienda pubblica, non soggetta a privatizzazioni o variazioni similari societarie, facendo svolgere e rafforzando la funzione di una farmacia pubblica come polo nei quartieri periferici e popolari, di presidio socio-sanitario-farmaceutico territoriale e in sinergia con altre strutture sanitarie o di servizi gestiti da altre pubbliche amministrazioni o da associazionismo-comitati di quartiere-centri anziani…), anche in merito ai servizi che dovrà svolgere; la durata e l’entità del finanziamento pubblico.

Rispetto ai pagamenti arretrati il Dipartimento ha risposto che, a volte,  ci sono stati dei problemi legati alla rendicontazione, alla mancata produzione di documenti integrativi alle fatture e relazioni di accompagnamento da parte aziendale, con conseguente mancata autorizzazione al pagamento da parte della Ragioneria generale del Comune e blocco dei pagamenti, problemi in via di parziale soluzione, con la prossima liquidazione delle fatture e delle quote relative a marzo ed aprile 2016. La convenzione attualmente in essere e in proroga, rimarrà tale fino al 31 Dicembre 2016.

E’ emerso il problema della copertura con personale sufficiente per i presidi, della necessità di un’equipe multidisciplinare e dell' adeguatezza di alcuni spazi, nelle farmacie comunali o adiacenti ad esse, dedicati agli sportelli del servizio sociale (all’interno della filiera delle attività alla terza età e alla cittadinanza con disagi).

La delegazione Usi, ha ribadito e chiesto, uscendo da una fase di “perenne sperimentazione” e della “cultura dell’emergenza” (ndr che troppi danni ha provocato a Roma, facendo da “brodo di coltura” del sistema di “mafia capitale”), ma avviando una fase di programmazione e di pianificazione degli interventi sia sociali che delle farmacie, il superamento della proroga bimestrale o semestrale, auspicando una durata della convenzione almeno biennale se non addirittura triennale. A tale scopo, si è richiesta la possibilità inserire dei correttivi anche in corso d’opera, ma è stato ribadito sempre dalla delegazione Usi, che fondamentale è il superamento di ogni ambiguità e zona “grigia”, rispetto ad eventuali richieste del Dipartimento e dell’Azienda, su quali siano i servizi, le attività da svolgere e le priorità. L’Assessora ha comunque fatto presente, di aver dato un’indicazione di proroga al 31 dicembre e di stare attualmente lavorando “sulla nuova convenzione”, anche tenendo conto dell’ampliamento dei servizi. La valutazione di questo periodo, ancora considerato di sperimentazione (dopo anni!), verrà svolta all’interno di un ragionamento più complessivo che riguarda la Farmacap e che verrà fatto congiuntamente con l’assessore alle partecipate Colomban, per tutte le aziende pubbliche e partecipate di Roma Capitale.

L'Assessora ha espresso la sua difficoltà attuale, nel poter elaborare una valutazione sulla “sperimentazione”, perché mancano ancora dei criteri che lo permettano ed è per questo che sono stati richiesti altri dati per valutare la situazione, tra cui una dichiarazione che dovrebbe essere fornita dalla Direzione Generale della Farmacap, nell’ambito della interlocuzione in corso tra la Direzione Generale e il Dipartimento (ndr, che è la stazione appaltante dell’ente proprietario della Farmacap).

L’Assessora ha concluso, sostenendo che è necessario che sia elaborata una programmazione che garantisca la continuità dei servizi, per inserirla nel prossimo piano sociale cittadino in fase di elaborazione, con la collaborazione degli assessorati alle politiche sociali dei 15 Municipi di Roma Capitale. L’orientamento di base espresso dall'Assessora sull'Azienda Farmacap, è quello per cui la farmacia comunale dovrà necessariamente differenziarsi dalle  farmacie private, per la sua dimensione sociale al fine di mantenersi pubblica.

E’ evidente, dal colloquio del 7 novembre con l’Amministrazione capitolina e il “proprietario” pubblico, che l’unico futuro per il mantenimento dell’Azienda speciale comunale Farmacap nel suo complesso, evitando “spacchettamenti” o logiche privatizzatrici, che Usi ha ribadito non aver dato in altre situazioni risultati soddisfacenti, sia rappresentato dalla “farmacia sociale”. Si valuta criticamente da parte di Usi, che nonostante questa condivisione di idee e percorsi che Usi sostiene da circa 15 anni, il Dipartimento continui a ragionare e muoversi su una logica di proroghe, senza garantire la necessaria serenità e sicurezza ai lavoratori e alle lavoratrici per i prossimi anni. Si ritiene grave, che non sia stata presa ancora alcuna decisione, da parte di Roma Capitale, in merito alla nomina di un nuovo C.d.A., alla ripresa di un funzionamento regolare che rimettendo a norma gli assetti societari, permetta anche una fase di avanzamento sul piano delle relazioni sindacali industriali a tutela di chi lavora alla Farmacap, nonché per una seria programmazione delle attività alla cittadinanza romana.

Resoconto a cura di USI UNIONE SINDACALE ITALIANA fondata nel 1912 e Rsa Rls interna Farmacap

Largo Giuseppe Veratti 25 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. fax 06 77201444

Punto infolavoro e sportelli per consulenze (gratuite) e informazioni

LUNEDI ore 17.30 1930 Largo Veratti 25

MARTEDI’ E MERCOLEDI’ ore 18 – 20 Via Ostuni 9 (piano rialzato),

GIOVEDI’ ore 18.30 – 20 Piazza Gaetano Mosca 50

 

   

IO NON HO PIU' TEMPO…E TU?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

IO NON HO PIU' TEMPO…E TU?

IL 3 NOVEMBRE 2016 DALLE 15 AL CAMPIDOGLIO

 

Il 4 ottobre l'assessore all'Ambiente Paola Muraro ha dichiarato nella Commissione Consiliare Ambiente, presieduta da Daniele Diaco, che è intenzione della Sindaca Raggi trasformare la Roma Multiservizi in società di “primo livello”.

Una società il cui capitale azionario diventerebbe al 100% di Roma Capitale.

Per ottenere questo primo obiettivo, è necessario che il Comune, sospenda il bando del “Global service”, per evitare eventuali contenziosi

Attualmente, al di là delle dichiarazioni istituzionali, nessun passo è stato ancora mosso in tal senso. Mentre si dovrebbe predisporre la delibera di Giunta Comunale per la sospensione di questo bando in “autotutela”. Nel frattempo è stato nominato Colomban, per le funzioni di Assessore alle Partecipate, il quale ha tenuto a precisare che il suo lavoro di verifica di TUTTE le partecipate vedrà la luce… ai primi di dicembre, anche se ha confermato la volontà di procedere verso la riacquisizione in totale controllo pubblico della Società.

I lavoratori e le lavoratrici della Roma Multiservizi, non possono aspettare ancora.

Ci sono affidamenti in scadenza a breve termine, che espongono al rischio del licenziamento almeno 70 dipendenti. Il sindacato aut organizzato USI, i Comitati dei lavoratori e delle lavoratrici che si sono formati, hanno richiesto incontri con l'assessore Colomban sin dal suo insediamento, ma finora nessun appuntamento formale è stato dato. Nel frattempo, l'alternativa “offerta” dall’Azienda al personale collocato negli appalti “in scadenza”, è un utilizzo, di dipendenti che si sono sempre occupati del settore del verde, ad essere spostati all'interno di scuole con attività da ausiliari, senza alcun percorso formativo e addestramento (come è obbligatorio per legge sulla salute e sicurezza). NO! Non c'è tempo e queste soluzioni sono sempre “in emergenza”. L'USI non ha ritirato lo stato di agitazione locale e le mobilitazioni. Il 3 novembre 2016, ci si troverà costretti a rilanciarlo!

Per convincere la Giunta Capitolina guidata dalla Sindaca Raggi, che non basta più la “buona volontà” e le “buone intenzioni”, MA UN PRECISO INDIRIZZO E ORIENTAMENTO POLITICO AMMINISTRATIVO E... OCCORRONO AZIONI CONCRETE!

LA GIUNTA RAGGI DEVE, in sostanza:

SOSPENDERE IN AUTOTUTELA LA GARA DEL GLOBAL SERVICE!

RIAPPROPRIARSI DELLE QUOTE AMA IN MULTISERVIZI!

ACQUISTARE IL 49% DELLE QUOTE ATTUALMENTE POSSEDUTE DA MANUTENCOOP e da LA VENETA!

PREDISPORRE IL CONTRATTO DI SERVIZIO, CON INDIRIZZI PUNTUALI CHE COINVOLGANO TUTTI I LAVORATORI E LE LAVORATRICI IN FORZA ALL'AZIENDA, IN SERVIZI ESSENZIALI PER QUESTA CITTA'!

PER QUESTI MOTIVI SAREMO in presidio IN PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO IL 3 NOVEMBRE DALLE 15 ALLE 19

E' CONVOCATA ANCHE LA CONFERENZA STAMPA, IN CUI PRESENTEREMO IL CRONOPROGRAMMA CONSEGNATO A TUTTA LA MAGGIORANZA CAPITOLINA!

USI Unione Sindacale Italiana, Rete delle Municipalizzate, Comitato Lavoratori e Lavoratrici Multiservizi in Lotta, Associazione Utenti e Consumatori USICONS.

Usi Intercategoriale e Usi C.T.& S. Largo Giuseppe Veratti 25 00146 Roma

(punto infolavoro/diritti per consulenze gratuite e informazioni: LUNEDI’ ore 17.30 – 19.30)

fax 06 77201444 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

sito nazionale ufficiale www.unionesindacaleitaliana.eu

Fotinproplargoveratti2500146romaott2016

 

OPERATRICI E OPERATORI SOCIALI IN LOTTA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

RIUNIONE DEL RAGGRUPPAMENTO

OPERATRICI E OPERATORI SOCIALI IN LOTTA DI ROMA, IL 24 OTTOBRE
(lunedì) 2016 DALLE ORE 20 IN POI, a VIALE MANZONI 55 c/o sede Cobas


- prosecuzione delle cose da fare in città nei vari settori e servizi, sia a livello municipale che a livello cittadino (incontri, tavoli, consulte...);
- stato dei servizi e delle condizioni di lavoro  dopo i primi 3 mesi della giunta raggi:
- consolidamento percorso AEC, gruppo di lavoro su proposta nostra di MANSIONARIO 8ds (dopo la prima riunione del 19 ottobre a via ostuni 9, camera del lavoro autorganizzata roma sud est) e diffusione della petizione popolare elaborata, per la raccolta di firme;
- valutazione seminario del 15 ottobre su salute e sicurezza fatta il 15 ottobre a via ponzio cominio 56 presso sede Cub e prosecuzione messa in cantiere prossime iniziative: -

PROSSIME INIZIATIVE DI SENSIBILIZZAZIONE E MOBILITAZIONE A ROMA



L'AUTORGANIZZAZIONE E' UNA PRATICA, ADESSO VA PRATICA IN MODO DIFFUSO E CAPILLARE, dai posti di lavoro ai territori dove lavoraimo o abitiamo

SOSTENETE E PARTECIPATE AL PERCORSO DEL RAGGRUPPAMENTO OP. SOCIALI IN LOTTA, CHE DAL 2010 TIENE IL CAMPO A ROMA e in vista della ricostituzione del percorso collettivo, intercategoriale, solidale di ---ROMA BENE COMUNE 2... 

IL 4 DICEMBRE...

VOTA NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE VOLUTO DA RENZI

DAGLI INTERESSI ECONOMICO FINANZIARI "FORTI",

E INTERNAZIONALE.

.
Usi  ROMA

Roberto Martelli

raggruppamento op. sociali in lotta di Roma
(con il sostegno di Cobas, Cub, Usi, Usicons, A.L.A.)

   

Pagina 10 di 43