X IL 20 GIUGNO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

7 giugno 2017 a Roma

operatrici-operatori sociali in lotta

A CURA DEL RAGGRUPPAMENTO OP. SOCIALI IN LOTTA DI ROMA

(con Cobas, Cub, Usi, Usicons)

Si è svolta a Roma la riunione convocata dal raggruppamento “operatrici-operatori sociali in lotta” di Roma, per il 7 giugno 2017, presso i locali della Camera del Lavoro Autorganizzata Roma sud est di via Ostuni 9.

Riunione molto animata, partecipata di lavoratrici e lavoratori che hanno riempito la sala riunioni della struttura territoriale autorganizzata(ndr al 14° anno di attività) e provenienti da settori e cooperative-enti diversi, della variegata gamma dei servizi e attività esternalizzate per conto di pubbliche amministrazioni.

Sono state date notizie e informazioni sulla legge Minniti Orlando (legge 46 2017) e si è formalizzata da parte del raggruppamento, la campagna cittadina di sensibilizzazione e informazione, anche per quanto riguarda l’altro provvedimento relativo al decreto, convertito in legge anch’esso ad aprile del 2017, su decoro e sicurezza urbana”, anche con il collegamento con le attività e il lavoro svolto sui territori, nei quartieri popolari della città, di chi lavora nel terzo settore.

Si sono visti e discussi i vari aspetti della delibera di iniziativa consiliare e del regolamento, che sarà posto in votazione a fine giugno al Campidoglio dall’assemblea capitolina (iniziativa di consiglieri di maggioranza del M5S), per la figura dell’Aec (chi lavora nel settore dell’assistenza ad alunni-e delle scuole comunali e statali, con disabilità fisiche, sensoriali, disagi psichici), con la elaborazione di alcuni rilievi e proposte di integrazione al testo, dopo un intervento durato molti mesi da parte del raggruppamento cittadino e delle strutture sindacali che lo sostengono (Cub, Cobas, Usi), che saranno formalmente inoltrati nei prossimi giorni, secondo lo schema e modulistica richiesto da consiglieri e assessori che hanno fatto parte dei tavoli tecnici.

Si è fatta una verifica sui criteri e meccanismi da far introdurre in modo sistematico, da parte delle Pubbliche Amministrazioni (in primis Roma Capitale, ma anche Asl, Regione, Università, scuole…) per quanto riguarda appalti e bandi di gara, una questione che è costantemente tra le iniziative del raggruppamento, è stata nei vari interventi fatta una panoramica di cosa succede nei vari settori e servizi, anche di chi lavora in altri Comuni della città metropolitana, presenti alla riunione.

Sono stati visti alcuni aspetti relativi a singoli appalti (Case di Riposo, assistenza nelle scuole, servizi socio sanitari, anche per la richiesta di impiego di operatrici e operatori per la “somministrazione di farmaci” o di mansioni e rilevazioni richieste dal Comune delle attività svolte quotidianamente dal personale), le vicende su situazioni di personale impiegato con contratti a tempo determinato in servizi territoriali.

E’ stato discusso e aggiornato lo stato del rinnovo (che ancora non c’è) del CCNL Cooperative Sociali e dell’impatto negativo che tale fatto, si ripercuote nei cambi di appalto, nell’aumento di mansioni e carichi di lavoro richiesti dalle Pubbliche Amministrazioni, nella parte salariale rimasta alle tabelle del maggio 2013, di inquadramenti, livelli e profili professionali che non corrispondono più (l’articolo 47 del CCNL è del 1995…) alle reali esigenze e al tipo di lavoro e funzioni svolte da chi lavora nei servizi pubblici, strategici e rilevanti, esternalizzati a cooperative ed enti onlus.

Si è formalizzata la necessità di fare un percorso continuo e coordinato tra le varie situazioni, con la preparazione e messa in cantiere di presidio con “social corner” (microfono aperto e interventi), il 20 giugno 2017 (fascia oraria 12 – 15) all’Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e Sussidiarietà (l’Assessora ha anche la delega al settore educativo e scolastico, a proposito di Aec), a viale Manzoni 16, anche come contributo all’interno delle mobilitazioni nella “giornata mondiale del rifugiato”.

LE OPERATRICI E GLI OPERATORI,

X IL 20 GIUGNO DEVONO

COLLEGARSI AL COORDINAMENTO-RAGGRUPPAMENTO

AUTORGANIZZATO CITTADINO.