Nibirumail Cookie banner

I Lavoratori del Teatro del Lido.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Cosa succederà ai lavoratori del Teatro Lido

… e in altri settori.


Care/i colleghe/i, il 15 novembre u.s. si è tenuto il tavolo RSU alla presenza del dr. Tagliacozzo. Il primo punto all'ordine del giorno ha riguardato la sottoscrizione di un accordo per poter consentire "l'affitto di ramo d'azienda" che salvaguardasse i nostri 3 colleghi che lavorano da sempre al Teatro del Lido. Come sapete la gestione del Teatro del Lido non è più di Zètema, a seguito della delibera 126/2016 ma è passata a Teatro di Roma (fino alla fine del 2019). Pur essendo uno strumento mai utilizzato in azienda e nonostante le perplessità di tutte le OO.SS, c'è stata collaborazione da parte di tutti per individuare tutte le tutele.

In particolare sono state recepite da parte dell'azienda le integrazioni proposte dal servizio legale dell'USI che riguardavano , soprattutto, l'inserimento dell'articolo 2112 c.c. e il dettaglio riguardante le tutele degli emolumenti tutti, TFR compreso.

Per quanto riguarda la scadenza del 31/12 dei servizi del MACRO, l'azienda ha spiegato che, per l'area di custodia verrà avviato un reperimento (verso il 21 novembre) che servirà a coprire le seguenti postazioni: 1 Ara Pacis, 1 Bilotti, 4 Capitolini, 2 Braschi, 2 San Pancrazio.

Ho personalmente chiesto se si possano accogliere in questo passaggio precedenti richieste mosse dai lavoratori di trasferimento. L'Azienda, nella persona della dr.ssa Rubino, ha detto che valuteranno tutto: sarà l'occasione per cercare di accontentare i desiderata.

Riguardo i 3 coordinatori del MACRO, l'azienda ha espresso la necessità di ricollocarli, perchè considerati "esubero" nell'area di coordinamento. Pertanto è intenzione dell'Azienda coprire alcune postazioni vacanti (la cui mappatura è in corso) legate ad amministrativi sede Benigni e sedi esterne, facendo un reperimento tra i coordinatori tutti. Su sollecito della CGIL e della UIL, però, è stata rilevata l'esigenza di un altro coordinatore jolly.

In qualità di RSU/USI, io ho sottolineato alcune discrepanze sui siti chiusi di lunedi, dove in alcuni più piccoli c'è il coordinatore Jolly (Trastevere) ed in altri, più grandi (Braschi), no. Per il settore biglietteria, l'azienda voleva promuovere un automatismo mandando i colleghi a rafforzare il gruppo di jolly ma è stata ribadita da parte di tutte le sigle la necessità di promuovere un approfondimento generale in tutto il settore della biglietteria. I 4 impiegati attualmente al MACRO, essendo amministrativi, verranno riassegnati, con lo stesso criterio ribadito dalle OO.SS. di promozione di un reperimento generale, riguardante postazioni che saranno individuate dalla
Sovraintendenza.

In merito l'ampliamento orario temporaneo che era stato concesso ad alcuni custodi fino al 31/12, come previsto, verrà interrotto. Fermo restando che tutte le sigle hanno ribadito la necessità di aumentare il numero dei full time, si ripartirà dalla graduatoria in essere. Aggiungo che, sul tema biglietterie, ho personalmente ribadito la necessità di porre attenzione alla formazione delle sostituzioni che vengono mandate poichè spesso ci sono errori che devono essere sanati dai nostri titolari. Supportata dalla CGIL che ha ribadito che la formazione viene fatta fare, addirittura, dai nostri colleghi e non esistono sessioni specifiche. Per Informagiovani, la buona notizia è che la sede di Pelanda resta confermata. Per quanto sta accadendo in merito gli appuntamenti con le scuole medie, io ho tenuto a sottolineare la scorrettezza del Dipartimento che, in virtù di un potenziamento dell'azione su altra fascia d'età (decisa unilateralmente) ha dato un'indicazione senza reale formalizzazione che ha messo in difficoltà i lavoratori tutti che hanno rapporti diretti con gli insegnanti. C'è stata da parte dell'Azienda la disponibiltà a verificare nuove modalità comunicative per mettere al corrente l'utenza di variazioni così impattanti che salvaguardino la professionalità degli operatori attualmente parecchio a disagio nel dover annullare appuntamenti già fissati senza motivazioni ufficiali.

Attendiamo il prossimo tavolo per riprendere un lavoro organico su tutte le tematiche rimaste in sospeso (dal contratto di servizio delle biblioteche, al 64 ter o ai buoni pasto.)

Buonlavoro a tutte/i.

Serenetta Monti (RSU/USI)