Nibirumail Cookie banner

Casa delle Donne Via Lucio Sestio 10.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Casa delle Donne Via Lucio Sestio 10.

Solidarietà da Unione Sindacale Italiana USI fondata nel 1912 e da Associazione USICONS, con richiesta di sospensione procedura annunciata, di distacco delle utenze e di sgombero dello spazio, nel prossimo mese di settembre 2019.

Intervento e richiesta informazioni su stato e grado del procedimento amministrativo attivato, anche ai sensi della legge 241/90, per tutela “interessi collettivi diffusi”

Gentili Rappresentanti delle Istituzioni di Rom Capitale e della Regione Lazio, vista la carenza e il sovraccarico nel sistema dell'accoglienza dedicata alle donne che escono da situazioni di violenza e vista l'importanza della presenza sul territorio di presidi sociali e culturali contro la violenza di genere, la scrivente Unione Sindacale Italiana Usi, nonché l’Associazione di difesa utenti e consumatori in sigla Usicons, valutano come inopportuna e inammissibile, la minaccia di chiusura della Casa delle donne Lucha y Siesta, un'esperienza tra quelle importanti e indispensabili, per la città di Roma.

Pertanto si richiede, un immediato intervento che blocchi e sospenda, la procedura di sgombero e di distacco delle utenze per l'immobile di Via Lucio Sestio 10, dando indicazione anche all’ATAC, per quanto riguarda la destinazione d’uso dell’immobile in questione e la valutazione dell’intervento sociale svolto in questi anni a via Lucio Sestio 10, di sospendere gli atti esecutivi.

Si tratta di un questione che si è avuto modo di affrontare, tra le altre, anche nell’incontro svolto l’8 marzo u.s., con esponenti istituzionali di Roma Capitale (Assessora con delega alle pari opportunità e politiche di genere), in tema di pari opportunità e di contrasto alle discriminazioni e violenze alle donne, comprese le donne lavoratrici.

È importante continuare a sostenere tutte le donne che si trovano in difficoltà. Si attende un risconto e l’auspicio che chi rappresenta gli interessi della cittadinanza e gli interessi pubblici, dia risposte concrete e non deluda le aspettative di una parte rilevante della comunità cittadina, che sostiene l’appello lanciato dalle donne dello spazio associativo “Lucha Y Siesta”.

Distinti saluti e si attende riscontro, anche ai sensi della L. 241/90, come intervento e richiesta informazioni a tutela dei c.d. “interessi collettivi diffusi”, in ordine alle motivazioni di tale procedura attivata, che non corrispondono a quei criteri di trasparenza, efficacia, efficienza, economicità e valutazione costi-benefici, che hanno portato alla dichiarata attivazione di misure di blocco imminente delle utente e del rilascio dello spazio di via Lucio Sestio 10, per l’attività di preminente e rilevante impatto sociale, alla e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per la segreteria confederale intercategoriale locale e a nome e per conto delle rappresentanze sindacali di posto di lavoro presenti nella città di Roma di USI

Inoltra Roberto Martelli

Per Associazione Usicons – il presidente p.t. Giuseppe Martelli