Nibirumail Cookie banner

MUSEI, ULTIMA FRONTIERA!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

MUSEI, ULTIMA FRONTIERA!

Nel marasma generale di questi giorni, in cui si sono susseguiti decreti e ordinanze inerenti il coronavirus, il 2/3 scorso si è tenuto anche il tavolo RSU. SCONFORTANTE! Durante un’emergenza come questa, abbiamo dovuto recepire come buona notizia la fornitura degli igienizzanti per il personale che lavora con il pubblico (e neanche tutti perchè, ad oggi, ai colleghi delle biblioteche non è stato fatto pervenire nulla, per questo motivo ho dovuto sollecitare l’Azienda). Il tavolo è stato sconfortante perché buona parte del tempo è stata impegnata dalla presentazione di una “scheda di valutazione” da parte della dr.ssa Rubino, su cui tutta la RSU  e le OO.SS. presenti hanno espresso parere critico, avendo l’azienda gestito, in maniera del tutto unilaterale, la stesura della stessa ed avendoci già speso sopra risorse economiche per fare formazione ai nostri dirigenti che, pensate un po’, non erano “abituati a valutare e ad essere valutati”. Viste queste affermazioni, ho, quindi, chiesto provocatoriamente il rimborso delle decurtazioni dei premi di produzione degli anni precedenti, ma, ahimè… “scurdamm’ce ‘o passat”…

In merito i disciplinari legati direttamente al contratto di servizio, siamo stati messi al corrente che sarebbero stati firmati quasi tutti (mancano quelli dei dipartimenti Sport e Scuola) ed ovviamente non ci sono stati consegnati quelli firmati.

Rinnovo contratto di servizio biblioteche, a breve, ma del relativo disciplinare e della sua approvazione non si sa niente.

Fori: allo stato attuale, l’organizzazione del lavoro non soddisfa nessuna delle OO.SS. ed anche io come RSU/USI sono intervenuta a riguardo, sostenendo la richiesta di ri organizzare il servizio, eliminando le postazioni fisse e predisponendo una sorta di ronda che, periodicamente, faccia il giro dell’area ed in caso di intemperie non rimanga esposta ma abbia un luogo dove ripararsi. E’ stato chiesto, inoltre, da tutti che vengano messi a disposizione locali idonei (spogliatoio), in sito, onde evitare di dover arrivare ai Mercati di Traiano per cambiarsi o fare pausa.

Coronavirus e misure precauzionali? Quali? Per ora l’inoltro del decalogo del Ministero della Salute e  la consegna dell’igienizzante per le mani. Alle mie pressanti richieste di mettere in sicurezza, in primis, i colleghi immunodepressi, con patologie pregresse (e questo lo chiedevo prima del decreto emanato il 4 marzo, in cui è raccomandato!) evitando, per esempio di mettere colleghi custodi in quelle postazioni a diretto contatto con il pubblico (ingressi, controllo biglietti ed altre) ho ricevuto  solamente sguardi interrogativi. Gli stessi sguardi che ho ricevuto quando ho chiesto di contingentare ingressi, soprattutto per quei siti (quindi non solo museali) le cui dimensioni rischiano sovraffollamenti anche con poche persone.

Mentre per la richiesta di utilizzo dello smart working, il dr. Tagliacozzo in persona ha risposto che “l’Azienda non è pronta”, “manca l’infrastruttura”. Ciononostante, poiché, proprio il 4 marzo, è stato promulgato altro decreto del ministro della Pubblica Amministrazione con cui si invitano le amministrazioni pubbliche a favorirne l’utilizzo anche per quei lavoratori che mettessero a disposizione risorse informatiche proprie, io ho riscritto al dr. Tagliacozzo, dicendo che tale decreto andava incontro anche alle carenze della nostra azienda. Carenze su cui dovremo tornare a discutere, però … visto che si aspetta ancora il monitoraggio di quei settori dove si sarebbe dovuto ragionare per l’applicazione dello smart working … dal 2018.

Spero che il buonsenso ed il decreto varato ieri, portino l’Azienda a prendere le opportune misure precauzionali, concordandole con il medico competente, unica figura a dover conoscere lo stato di salute dei dipendenti. Io non smetterò di pretenderle per tutti … visto che siamo rimasti aperti solo noi (cinema e teatri sono stati chiusi) …

Musei, ultima frontiera!

Serenetta Monti (RSU/USI Zètema)