SCIOPERO 1° MARZO 2011

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

USI - UNIONE SINDACALE ITALIANA

Confederazione di sindacati nazionali autogestiti e di federazioni intercategoriali  - fedele ai principi dell'A.I.T.

LARGO VERATTI 25 00146 Roma Fax 06/77201444 Tel. 06/70451981 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 20135 - Milano Viale Isonzo 10 tel 02 54107087 fax 02 54107095e mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Udine Via Val d'Aupa 2 33100 TelFax 043 2050060 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Roma, 11 Febbraio 2011
Alla Commissione di Garanzia per l’applicazione della L. 146/90 e s.m.i. 06 94539680
Al Ministero del Lavoro e del Welfare Div. VII e VIII fax 06/46834023 - 4278 
Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Uff. Coordinamento fax 06 67796623
Alla Pres. del Cons. dei Ministri - Dipartimento F.P. fax 06/68997064 - 7205
Alla Associazioni datoriali interessate e società/aziende/enti/coop sociali – Legacoop, Legacoopsociali, Confcooperative e Federsolidarietà - Agci , Agci/Solidarietà, Federmeccanica - Confindustria , ConfApi, Coldiretti, C.I.A., CGIA, ANCE, ANIEM, Federculture, ConfCommercio, Confesercenti, Federchimica, Farmindustria, FISE/Multiservizi – loro sedi fax
Oggetto: proclamazione stato di agitazione nazionale e comunicazione di SCIOPERO INTERA GIORNATA PER IL 1° MARZO 2011, da parte dell’Unione Sindacale Italiana USI (fedele ai principi dell'AIT)

Settori interessati dall’astensione collettiva dal lavoro tutto il personale impiegato nelle Società, Aziende, Cooperative, Consorzi, Enti, a tempo indeterminato, determinato, con contratti atipici e precari dei settori metalmeccanico, dei settori delle attività industriali, del settore cooperativo, delle cooperative sociali ed enti del "terzo settore", dell'edilizia, del commercio, distribuzione e servizi (compreso pulimento, mense, facchinaggio, servizi socio assistenziali sanitari educativi), dei servizi turistici, del settore dei servizi sociali, culturali, beni culturali ricreativi e del tempo libero, delle attività agricole.  Motivazioni dello stato di agitazione e dello sciopero, la piena applicazione delle disposizioni a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, per un salario minimo intercategoriale non inferiore a euro 1300,00= netti mensili a prescindere dalla categoria di riferimento,  per la tutela delle fasce di precariato e la loro progressiva stabilizzazione, per rispetto pari opportunità nei posti di lavoro specie per lavoratrici e lavoratori immigrate-i,  per tutela diritti e libertà sindacali, per protesta su disposizioni del c.d. “collegato lavoro”,  per servizi di qualità offerti alla cittadinanza e potenziamento copertura economico finanziaria per servizi, stabilizzazione precari e salario accessorio, per contrasto ad accordi peggiorativi delle condizioni di salute, peggioramento ritmi di lavoro e di vita, come quelli nel gruppo Fiat, per abolizione e superamento leggi Bossi - Fini e disposizioni sul "pacchetto sicurezza", per chiusura dei C.I.E, per svincolo tra permesso di soggiorno e rapporto lavorativo per immigrati-e, per sanatoria generalizzata e diritto istruzione, tutela sanitaria e diritti sociali e di voto amministrativo per immigrati-e, contro ogni forma di razzismo, di intolleranza e per regole di convivenza civile stabilite da disposizioni internazionali, della U.E. e della Costituzione repubblicana tra cittadini italiani e cittadini non comunitari, per solidarietà internazionale tra lavoratori e lavoratrici di ogni paese. 

La Confederazione sindacale Unione Sindacale Italiana  in sigla USI, fedele ai principi dell'AIT, con la presente e per quanto indicato nell’oggetto proclama lo stato di agitazione nazionale e contestualmente, PROCLAMA SCIOPERO INTERA GIORNATA PER IL 1° MARZO 2011,  per tutto il personale impiegato nelle Società, Aziende, Cooperative, Consorzi   a tempo indeterminato, determinato, con contratti atipici e precari dei settori indicati e sulla piattaforma specificata nell’oggetto della presente.
Si fa presente il carattere prettamente "politico-sindacale" dell'azione di sciopero che si  è proclamata, per dare possibilità ai comitati e ai coordinamenti di immigrati-e, ai lavoratori e lavoratrici italiani e immigrati di poter partecipare alle manifestazioni indette per il 1° Marzo con la copertura di astensione collettiva dal lavoro.  Si precisa che la O .S. intende rispettare i servizi minimi ed essenziali. Per i contingenti di personale per i servizi essenziali, si invita a mandare fax  al recapito  06/77201444.
Si inviano i ns.  Distinti saluti.
Per la Confederazione sindacale USI - UNIONE SINDACALE ITALIANA fedele ai principi dell’A.I.T.
e per i sindacati nazionali Usi C.T.& S. Ait  (Commercio Turismo e Servizi), Usi Metalmeccanici e Industria Ait, Usi Agricoltura Ait, Usi Arti e Mestieri Vari Ait
Il Segretario Generale nazionale Confederale  p.t. - Roberto Martelli