Nibirumail Cookie banner

Sede Udine più Altre sezioni.

33100 Udine.

Via Via Marchetti 46

Tel/Fax 0432 150 33 60

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

"Lotta di Classe"

www.lottadiclasse.info

(in fase di nuova elaborazione)

CHIUDIAMO LE SEDI FASCISTE!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

-Denunciamo il clima d’intimidazione.

 

La Rete Antifascista e Antirazzista Friulana, nel denunciare le ennesime minacce contro  lavoratori, rappresentanti  sindacali e cittadini antifascisti, ribadisce il proprio impegno nel contrastare il razzismo e nazionalismo.

Rammentiamo che la pericolosità criminale delle Organizzazioni  neofasciste presenti a Udine è abbondantemente dimostrata dai  media e dal lungo elenco di aggressioni squadriste.

Invitiamo le Istituzioni locali a prendere atto della natura fascista di certe Associazioni sul territorio cittadino.

Nel  frattempo, noi, rimaniamo Antifascisti e prendiamo  distanza Totale e Inconciliabile con le scritte sessiste, che hanno seguito le minacce: NON CI RICONOSCIAMO  ASSOLUTAMENTE IN QUEL  LINGUAGGIO.

 

CHIUDIAMO LE SEDI FASCISTE!

R.A.A.F.

Sottoscrivono:

Unione Sindacale Italiana;

Partito Rifondazione Comunista;

Nuova Autonomia Udinese;

USB-scuola Udine;

Partito Comunisti Italiani;

Gruppo Acquisto Popolare;

Marxisti Nord-Est;

Associazione NeoAteneo;

Circolo  Arci Cas*Aupa e Circolo Arci Balalaika.

 

Collettivo operatori sociali - Napoli

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Napoli, 3 luglio 2013

Il Collettivo operatori sociali non condivide i contenuti del Comunicato stampa firmato da Federazione ARCA, Federazione SAM e Federsolidarietà, sulla vertenza di case famiglia e progetti socio-educativi con il Comune di Napoli.

Comunicato da cui il Collettivo si dissocia per averne appreso i contenuti solo dopo la sua diffusione.

Il Collettivo operatori sociali ritiene inaccettabile che si possa ringraziare un'amministrazione comunale che costringe gli operatori sociali a 23 giorni di presidio 24 ore su 24, allo sciopero della fame, all'occupazione di luoghi istituzionali, per vedersi riconosciuta, per ora solo nelle promesse, una piccola parte di ciò che gli spetta di diritto (5 bimestri su 19 per le case famiglia).

Il Collettivo denuncia inoltre lo scandalo dei finanziamenti 328/00 annualità 2009 (70% del finanziamento) e 2011 (50% del finanziamento) e 285/97 annualità 2012, giunti nelle casse del Comune di Napoli tra la fine del 2011 e gennaio del 2013 e illegalmente detenuti dallo stesso Comune che non li paga accampando scuse circa la difficoltà nella compilazione di atti di liquidazione e mandati di pagamento.

Ricordiamo che questi soldi non appartengono al Comune di Napoli, ma ai lavoratori che aspettano da decine di mesi di essere retribuiti.

Se il presidio ieri sera è stato tolto è perché la nostra vertenza è in una fase interlocutoria, comunque invitiamo tutti a mantenere alto il livello di
guardia e a non deporre le armi della mobilitazione, dato che poco ci è stato promesso e, per ora, nulla di quanto ci spetta ci è stato dato.

Collettivo operatori sociali - Napoli

Napoli 03.07.2013

 

 

Rimini. Marinai d'italia.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Comunicato

Come forse saprete la cooperativa dei marinai di salvataggio e dei servizi di pulizia Nettuno chiude i battenti dopo 25 anni messa KO da cartelle equitalia causate  dal ragioniere che invece di pagare iva e contributi si intascava i soldi.

Purtroppo alla sottrazione di denaro da parte del ragioniere si sono aggiunti illeciti (scoperti da poco) di amministratori che d’accordo con il ragioniere si caricavano ore fin a arrivare ai sei mesi e andavano poi in disoccupazione ordinaria . La cooperativa quindi non puo che chiudere dato anche il ladrocinio interno perpetuato all'insaputa dei lavoratori/amministratori presenti nel cda. Non possiamo piu andare avanti con queste miserie umane .

Vi scrivo perchè  quindici lavoratori sono sulla strada se non troviamo una forma  (cooperativa, associazione ditta con partita iva) per concorrere all’appalto del servizio.

Avete esperienza di situazioni simili, o di realtà organizzate per difendere il posto di lavoro concorrendo a gare di appalto? Quale forma è stata in caso scelta e con quali spese?

Avete conoscenza di statuti di fondazione che garantiscono la autoorganizzazione dal basso? Ne stiamo formalizzando uno ma se ci sono esperienze e documenti con cui confrontarre sarebbe piu che utile. Per esempio coincidenza della assemblea dei lavoratori con il cda per cui la amministrazione rispecchia i lavoratori e non è una gestrice del lavoro di altri.

Assemblee periodiche (oltre quella annuli di legge) che vidimino attivita incarichi e risultati oltre che il bilancio

Buonagiornata

Stefano Lucchi

Usi marinai di salvataggio

Rimini 11.02.13

 

   

Pellegrini. Verbale d'incontro.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

VERBALE DI ACCORDO

In data 23 gennaio 2013 presso la sede Pellegrini S.p.A. in Milano

si sono incontrati

Pellegrini SpA (di seguito Pellegrini), rappresentata dai Dott. Pedrazzini, Dott. Di Marco V., Sig. Caporale S.,

e

Sindacato USI A.i.t. – rappresentata dal sig. Bruzzese S., sig.ra Del Gobbo A.,

per confrontarsi sulla situazione dell’appalto presso l’impianto Ospedale San Raffaele di Milano (di seguito Committente) a seguito del rinnovo contrattuale con modificazione dei termini di appalto e di servizio comunicataci dalla Committente.

Premesso che

- A far data dal 1° ottobre 2012 la Committente ha rinnovato a Pellegrini S.p.A. il contratto di appalto del servizio di pulizia e sanificazione con sensibili modificazioni del capitolato di appalto sia nella misura, con una riduzione di ca. il 35%, che nell’organizzazione dello stesso.

Leggi tutto: Pellegrini. Verbale d'incontro.

 

Aderire all'Unione Sindacale Italiana

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Comunicato alle lavoratrici e ai Lavoratori.

L’Unione Sindacale Italiana, storica Organizzazione Sindacale nata nel 1912 dalla scissione dalla CGL conseguente all’adesione alla guerra e all’invasione Italiana in terra d’Africa e ancora oggi nel suo statuto è forte la sua posizione antimilitarista e contraria ad ogni guerra.

In seguito la CGL divenne l’attuale CGIL.

L’Unione Sindacale Italiana, fu soppressa con R.D. nel 1922, dal Fascismo per volere di

Benito Mussolini.

 

Dopo la caduta del fascismo, un gruppo di compagni tentò tra mille difficoltà la ricostruzione dell’Unione Sindacale Italiana.

Leggi tutto: Aderire all'Unione Sindacale Italiana

   

Pagina 7 di 13