Nibirumail Cookie banner

Istituto S. Famiglia. Stato d'agitazione.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Comunicato sindacale e stato d’agitazione.

Martedì 05 Aprile 2011

All’Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone (Milano) dalle ore 12.00/13.00, le lavoratrici e i lavoratori, hanno occupato pacificamente gli uffici della Direzione Aziendale.

Le RSA dell’USI e dei COBAS in rappresentanza dei 70 lavoratori, sono stati ricevuti dal rappresentante dell’Istituto, al quale hanno legittimamente rivendicato l’ambiguo ritardo del dovuto.

Le Lavoratrici e i Lavoratori della CIS, attendono da circa quattro mesi il saldo del proprio TFR maturato dalla Società CIS, società in subappalto c/o l’Istituto Sacra Famiglia la quale, è stata allontana dalla Committente per inadempienze contrattuali.

 

La maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori, sono associati all’Unione Sindacale Italiana, nel settore Commercio Turismo & servizi e per i COBAS nel settore del privato.

 

L’Unione su mandato dei lavoratori, ha bloccato a seguito dell’allontanamento della CIS il residuo che la stessa vantava dalla committente, le spettanze della subappaltante sono state congelate nelle casse dell’Istituto.

Non è chiaro, se per intervento esterno o interno (cassa o politica di bassa lega), i lavoratori che hanno reclamato differenze retributive per pagamenti non applicati in modo corretto, hanno subito un ritardo di circa due mesi rispetto ad altri lavoratori che hanno accettato che le loro spettanze sono state retribuite in modo corretto dalla Società uscente.

Per l’USI e il COBAS, ai lavoratori alle dipendenze della CIS, le percentuali contrattuali non sono state applicate correttamente. Tutto ciò ha reso difficile la conclusione e la ricomposizione delle spettanze ai lavoratori “indispettendo” soggetti che male hanno interpretato la loro funzione, nel sociale.

Nella giornata di oggi, i lavoratori hanno voluto dare un segnale tangibile della loro determinazione alla Committente, se l'8 aprile, dovesse accadere uno scivolamento del pagamento, le società interessate, troverà i lavoratori arrabbiati, esasperati e il sindacato USI e COBAS a sostegno della loro rivendicazione.

La segreteria

USI – C.T. & S

Milano 05.04.11

Oggi 8 aprile 2011. Si è chiusa la vertenza aperta dei circa 70  lavoratori e la società uscente. I lavoratori, hanno percepito il TFR e il residuo di parte delle differenze retrbutive.