Identità, nazionalismo e xenofobia a Freedom

Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Marzo 2022 14:30 Scritto da Sandro Lunedì 14 Marzo 2022 14:22

Stampa

Identità, nazionalismo e xenofobia a Freedom

From: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Subject: (it) UK. ACG: Identità, nazionalismo e xenofobia a Freedom 14 Mar 2022 08:02:30

Non possiamo lasciare senza commento i recenti commenti in Freedom.

Il primo pezzo, "Fuck Leftist Westplaining" dell'editore di Freedom, Zosia Brom (4 marzo), conteneva molte cose su cui non eravamo d'accordo politicamente e intellettualmente.

Anche se abbiamo tutta la simpatia per da dove proveniva emotivamente, sfortunatamente, qualsiasi punto che doveva essere affrontato è stato soffocato perché era stato così pesantemente inquadrato nella politica dell'identità

Tuttavia, quando questo è stato aggravato dall'effettivo nazionalismo e xenofobia del pezzo, Mille bandiere rosse di Darya Rustamova (7 marzo), non è stato più possibile stendere un velo educato sulla questione.

Abbiamo a lungo avvertito che il pericolo della politica dell'identità era che stava conducendo gli incauti nel territorio di destra. E ora abbiamo prove nella sezione commenti di Freedom.

L'ACG ha condannato Putin e la sua invasione dell'Ucraina.

Lo abbiamo fatto dal punto di vista della classe.

Freedom, d'altra parte, ha pubblicato il sentimento "è davvero comprensibile che molte persone odino la Russia ei russi e qualsiasi cosa abbia a che fare con la Russia, e più potere per loro".

Ripetiamolo: più potere alle persone che odiano i russi.

Non è pensabile che Freedom pubblichi quel sentimento.

L'articolo proclama che "non è anti-sinistra essere russofobi". Non sappiamo se è anti-sinistra, ma è xenofobo e non è anarchico. Così come affermare che "il nazionalismo o il patriottismo (o comunque ci sentiamo più a nostro agio nel definirlo in inglese) possono essere responsabili e importanti per le persone che sono minacciate dall'invasione imperialista".

Non possiamo essere d'accordo sul fatto che il nazionalismo sia "importante" in queste o in qualsiasi circostanza. Il nazionalismo non è né necessario né auspicabile per condannare l'invasione, per opporsi all'invasione, né per sostenere coloro che soffrono a causa dell'invasione. Non è una parte desiderabile della solidarietà verso coloro che si trovano in Ucraina, né è una condizione auspicabile per la loro autodifesa.

È sempre stata la posizione degli anarchici in queste circostanze enfatizzare, promuovere e sostenere l'autoliberazione della classe operaia. Che Freedom ora promuova attivamente il nazionalismo, la xenofobia e l'odio per una nazionalità a causa delle azioni del loro governo è incredibile, inaccettabile e, si spera, un'aberrazione passeggera in un momento di stress.

https://www.anarchistcommunism.org/2022/03/07/identity-nationalism-and-xenophobia-at-freedom/