Nibirumail Cookie banner

Comunicati Milano

Autorizzato alla Pubblicazione. Chiarimenti sulla Strage di Stato.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il segreto …di Paolo Cucchiarelli

LA “STRATEGIA DELLA CONFUSIONE”

http://www.facebook.com/notes/laboratorio-lapsus/la-strategia-della-confusione/10150214108043782

[…]La nostra impressione è che su fatti così importanti e decisivi per la storia d’Italia regni una grande confusione, non del tutto casuale: un meccanismo comunicativo che tende a mettere sullo stesso piano terrorismi di destra e di sinistra, in realtà nati da contesti storici diversi.

Attraverso una miscela di confusione e rimozione, le nuove generazioni identificano fatti, personaggi, nomi e organizzazioni lontani tra loro, sotto la generica definizione di “terrorismo” o “anni di piombo”.

Questa “strategia della confusione” è determinata da diversi fattori: la mancanza di ricerca storica all’interno delle università su quegli anni; la conseguente assenza di questi argomenti dalle scuole medie e superiori; la vulgata, volutamente superficiale, diffusa dai mezzi di comunicazione di massa.

Tutto viene relegato per sempre nell’oscurità dei “misteri d’Italia”, fatti troppo torbidi per essere compresi e analizzati a pieno: la memoria nazionale si vorrebbe aggregata intorno alla condivisa condanna degli anni ’70, cancellando colpe e ruoli di singoli e istituzioni.

All’interno di questa prospettiva crediamo che il concetto di memoria condivisa non sia un efficace strumento per superare tale “confusione”. Non può esistere condivisione e pacificazione su quegli anni di aspro conflitto. Un Paese che voglia fare davvero i conti col proprio passato, potrà farlo solo attraverso un profonda ricostruzione e divulgazione di fatti e responsabilità, perché conoscere quelle storie nel profondo, significa capire le ragioni dell’oggi. Solo in questo modo potremo saldare il doloroso debito con le vittime di quegli anni, tenere viva la loro memoria e comprendere il nostro presente.”

Il testo di Laboratorio-Lapsus qui sopra riportato sembra scritto apposta per illustrare il lavoro che stiamo portando avanti. Ormai da due anni, da quando è stato dato alle stampe dal Ponte alle Grazie il libro Il segreto di Piazza Fontana di Paolo Cucchiarelli, abbiamo iniziato ad analizzare e smantellare le manipolazioni e falsità di questo giornalista, presunto storico e novello inquisitore.

La prima cosa che balza agli occhi è che tutta la costruzione del suo libro revisionista è imperniata sui racconti fantasiosi di vari squallidi personaggi di estrema destra e dei servizi segreti. Cioè le stesse persone, gli stessi ambienti, che hanno costruito su noi anarchici la strage o che l’hanno coperta.

Se Cucchiarelli avesse scritto questo libro in buona fede, magari manipolato nelle sue convinzioni ma senza rendersene conto, allora ci saremmo aspettati che – come anche i giornalisti principianti sanno – almeno il principio base, deontologico di ogni giornalista, e cioè che una fonte, per essere valida, deve essere controllata e verificata, venisse applicato. Ma questo nel libro di Cucchiarelli non avviene mai, neppure quando una verifica sarebbe molto semplice da fare.

Il tentativo di riscrittura della storia messa in atto dal Cucchiarelli si basa essenzialmente sulla quantità di “documentazione” che butta alla rinfusa nel libro, per creare confusione e allo stesso tempo per dare l’impressione di aver svolto un grande lavoro di ricerca.

Interessante notare anche l’utilizzo disinvolto dei giornali dell’epoca – quelli delle primissime settimane dopo gli attentati, quelli del mostro Valpreda, degli anarco-fascisti bombaroli e assetati di sangue, - che il Cucchiarelli assume come fossero atti processuali, invece che indecenti falsità scritte da giornalisti imboccati dalle veline delle Questure. Oppure come, partendo da sue (?) ipotesi interpretative si assista, nel corso della lettura del libro, alla trasformazione di queste teorie in ..fatti accertarti!

segue ..........

 

IVRI. Disattende la L. 104.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Milano, 23 marzo 2011

Avv. Giuseppe Catapano
20129 Milano - Via B. Cellini n° 6.

Spettabile

LV.R.L S.p.A. Via Sapri, 26
20156 MILANO
E p. c.
Spettabile
Sindacato u.s.i. - c. t. & s.
Viale Isonzo, 10
20135 MILANO

CICCIARELLA PAOLO / I V.R.I. S,p,A.

La presente nell'interesse del sig. ………...........……….., Vostro dipendente con qualifica dì G.P.G., il quale pure sottoscrive ad ogni effetto di Legge e di contratto.

II sig. ………….., che fruisce dei benefici di cui all'art. 33 Legge 104/1992, lamenta che dallo scorso mese di gennaio 2011 è stato assegnato a servizi di piantonamento presso vari Clienti dell'Istituto, con continue modifiche di orari e di turnazione,

Inoltre, al lavoratore sono state di frequente consegnate le turnazioni mensili con l'indicazione “da collocare".

Leggi tutto: IVRI. Disattende la L. 104.

 

PAGAMENTO ARRETRATI E LIQUIDAZIONE GESTIONE C.I.S.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

PAGAMENTO ARRETRATI E LIQUIDAZIONE GESTIONE C.I.S.
il TFR non è  legato alle differenze retribuite.
Meriti e demeriti.

Quando pagheranno il nostro TFR chiedono le lavoratrici della ECODIMAR? Perché altre colleghe hanno già preso le liquidazioni dovute?

I fatti e qualche data:
·    Il 28 dicembre 2010 l’Unione Sindacale Italiana, bloccava il pagamento del debito che Sacra Famiglia aveva nei confronti di C.I.S. tutto ciò a tutela delle liquidazioni di tutte/i i dipendenti, contestualmente la CIS per incanto si eclissava.
·   I conteggi svolti da COBAS ed USI ultimava evidenziano delle differenze retributive. A prescindere dal tanto e dal poco, è comunque un diritto, per il lavoro svolto. avere  la retribuzione dovuta. Negarlo oggi non ci aiuta per il domani. 
·    la subentrante ECODIMAR e l’appaltante Sacra Famiglia si sono impegnati a saldare il dovuto il 21 marzo c.a.

Leggi tutto: PAGAMENTO ARRETRATI E LIQUIDAZIONE GESTIONE C.I.S.

   

Pagina 52 di 58