Nibirumail Cookie banner

Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

CNT - AIT chiarimenti a CNT - CIT. Spagna

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Maggio 2023 13:58 Scritto da Sandro Giovedì 04 Maggio 2023 13:16

La CNT-AIT rivendica il suo Patrimonio storico e politico in spagna.


 

La CNT-AIT è un'unione anarco-sindacalista, conosciuta da molte persone in tutto il mondo. Purtroppo, ormai da diversi anni, è sotto attacco da parte di un'altra organizzazione, la Sezione spagnola del CIT, che rivendica anche il nome CNT.

Questi attacchi, di natura vendicativa, minacciano non solo la CNT-AIT, ma anche le tradizioni storiche dell'anarco-sindacalismo in Spagna. Vengono eseguiti attraverso l'apparato statalista e minacciano di incarcerare alcuni membri della CNT-AIT. Il loro obiettivo è ricevere denaro e proprietà dalla CNT-AIT per distruggere quell'organizzazione. ---- L'AIT ritiene che un attacco a uno qualsiasi dei nostri compagni sia un attacco a tutti noi, quindi ci uniamo per chiedere la fine di queste oltraggiose azioni legali.

Azioni legali e mancanza di etica

Queste richieste sono in stretta contraddizione con l'etica anarco-sindacalista in diversi modi:

1. Nelle cause, la sezione spagnola del CIT chiede ingenti somme di denaro per danni perché afferma che ci sono membri del CNT-AIT che li hanno criticati pubblicamente.

La libertà di critica è un diritto fondamentale di tutti i membri dei sindacati e di altre organizzazioni. Idealmente, questo dovrebbe essere fatto in modo da evitare calunnie e basarsi sul merito delle argomentazioni. Gli anarchici non risolvono tali questioni in tribunale chiedendo punizioni e danni alla proprietà, cercano solo di risolvere le cose in altri modi. Questa è un'idea fondamentale.

In confronto, sappiamo di molte dichiarazioni e articoli diffamatori fatti dalla sezione spagnola del CIT, dai suoi rappresentanti o da singoli membri, ma non sappiamo di alcun membro dell'AIT che abbia citato in giudizio queste persone. (D'altra parte, alcuni degli attacchi più feroci sono stati compiuti in forma anonima, a differenza dei sindacati imputati, che hanno concordato collettivamente le dichiarazioni e le hanno firmate.)

2. In alcuni casi, l'avvocato della sezione spagnola del CIT ha costruito casi che potrebbero portare le persone in prigione.

Gli anarchici semplicemente non credono nelle carceri di stato, specialmente per "crimini" come criticare qualcosa. Questi sono il metodo degli stati autoritari, non degli anarchici.

3. Le somme di denaro richieste a titolo di risarcimento farebbero fallire molte di queste organizzazioni e, insieme, potrebbero distruggere la CNT-AIT. (Ecco di cosa trattano queste cause.) Inoltre, in alcuni casi, i titolari di cariche di alcune delle entità registrate potrebbero essere personalmente responsabili per decine di migliaia di euro.

Si tratta di intimidire le persone al silenzio e alla paura, non di promuovere l'anarco-sindacalismo. Si tratta anche di porre fine a coloro che non assecondano il cambio di direzione del CIT. In caso di successo, creerebbe danni di movimento a lungo termine in molte zone della Spagna.

4. La sezione spagnola del CIT cerca di sfrattare molti sindacati da spazi che rivendicano "diritti di proprietà". La realtà è complicata poiché molti degli spazi esistono solo grazie agli sforzi dei membri del CNT-AIT per ottenerli e mantenerli per molti anni.

Le questioni di proprietà sono complicate, ma anche nei casi di divorzio i tribunali borghesi riconoscono la divisione dei beni. Alcuni sindacati CNT-AIT hanno registrato proprietà come proprietà della federazione, CNT-AIT. Quella era la loro organizzazione collettiva. Nessuno ha mai registrato la proprietà della CNT-CIT, ma quell'organizzazione la rivendica. Quando i compagni non hanno dato loro quello che chiedevano, i membri della Sezione spagnola del CIT sono persino ricorsi a violenze e rapine, come quella nella biblioteca di Cadice.

Gli anarchici dovrebbero avere un'altra idea sulla proprietà privata. Gli spazi appartengono alle persone che li hanno avviati e hanno lavorato per mantenerli e utilizzarli effettivamente. I membri della sezione spagnola di CIT hanno preso più decisioni per liquidare semplicemente i posti e ottenere denaro per loro. È un tentativo di distruggere i luoghi di incontro della CNT-AIT, alcuni dei quali addirittura precedenti all'esistenza della CNT, al fine di trarre profitto da tale organizzazione e indebolirla.

Gli attacchi contro la CNT-AIT sono vendicativi, da parte di un'organizzazione che, da un lato, sembra trattare la CNT-AIT come "concorrenza" ma, dall'altra, afferma che la CNT-AIT è insignificante.

Il solo fatto che esistano queste azioni legali è un'abominevole violazione dell'etica anarco-sindacalista. Non può essere tollerato da chi prende sul serio questa etica.

Segretario Generale dell'AIT

Ancora sugli attacchi contro la CNT-AIT ei principi dell'anarco-sindacalismo

Quando la sezione spagnola del CIT ha deciso di intentare più azioni legali contro il CNT-AIT alcuni anni fa, era molto importante il modo in cui l'hanno fatto.

Il segretario della CNT-CIT, Enrique Hoz, ha assunto un avvocato che ha intentato queste cause, senza il mandato dell'organizzazione per farlo.

 

  • Questo dice tutto sulla sezione spagnola del CIT.

 

Nell'anarco-sindacalismo, i segretari non sono obbligati a prendere alcuna decisione che si sentano da soli, specialmente una così controversa. Tali cose dovrebbero andare prima dell'adesione come prima proposta.

Coloro che sono nella CNT-AIT conoscono questo problema perché non molto tempo fa, molti di loro erano nella CNT-AIT insieme, prima che la sezione spagnola della CIT smettesse di essere la CNT-AIT. Questo era un grosso problema allora, come lo è oggi. Se non è visto come un problema da parte dei loro membri, mostra solo che non sono realmente interessati a mantenere una pratica anarco-sindacalista.

Le decisioni unilaterali dei membri esecutivi della CNT-AIT (quando era occupata dagli attuali membri della Sezione spagnola della CIT), sono state uno dei grandi problemi. Ad esempio, in relazione all'IWA. La CNT-AIT di quel tempo, essendo membro dell'IWA, era tenuta a pagare le quote, che era anche un requisito nello stesso Statuto della CNT-AIT. Gli Statuti stabiliscono istruzioni permanenti su diversi tipi di pagamenti che il Tesoriere dovrebbe effettuare dalle quote. Uno di questi era un'istruzione statutaria per pagare le quote all'IWA. Tuttavia il Tesoriere, non avendo mandato, decise qualche tempo prima del X Congresso di non pagarli. Questo è stato un altro esempio di come i dirigenti decidessero al di sopra dei capi dei membri cosa fare.

In questa situazione, almeno i membri sono stati informati di questa decisione esecutiva autoritaria e antistatutaria e hanno potuto protestare contro di essa e imporre finalmente il pagamento delle quote. Tuttavia, in seguito, è successa la stessa cosa. Solo che quella volta i membri non se ne accorsero subito perché il Tesoriere non fece nessun resoconto completo e per un po' di tempo non fece alcun resoconto. Come si è scoperto, queste mancate segnalazioni hanno coinciso con un periodo di appropriazione indebita da parte del Segretario Generale.

 

  • Questo tipo di incidenti mostra solo alcune delle pratiche autoritarie che hanno iniziato a prendere piede nella vecchia CNT-AIT, prima che si ristabilisse alcuni anni fa. Era un passo necessario per evitare una completa spirale discendente e per mantenere un'organizzazione anarco-sindacalista funzionante in Spagna.

 

Non è la prima volta che accade con quell'organizzazione. Essendo sia un'organizzazione di massa che un'organizzazione con alcune risorse, la CNT-AIT ha attratto in vari momenti della storia gruppi di persone senza scrupoli che cercavano di portarla in un'altra direzione. Dai treintisti di un tempo a coloro che durante il franchismo cercavano di cooperare con forze molto indesiderabili, a coloro che divennero più mainstream nella CGT. Ogni volta c'erano militanti della CNT-AIT che lottavano per mantenere la CNT-AIT sulla buona strada e fedele ai principi per i quali stava combattendo.

All'interno della CNT-AIT dell'inizio del 21° secolo, varie mosse sono andate avanti per prendere il controllo dell'organizzazione. Diversi sindacati, inclini a cambiare l'orientamento e la pratica sia del CNT-AIT che dell'IWA in quelli più verticali, hanno iniziato ad agire in modo da sfidare diversi accordi confederali. Come i sindacati in Andalusia. È stato lì che la CNT-AIT ha dovuto svolgere indagini sulle affermazioni secondo cui alcuni sindacati stavano acquistando più francobolli membri di quanti ne avesse membri per gonfiare i loro voti e che alcuni membri erano anche in sindacati paralleli e stavano dirottando fondi in questi sindacati. Queste affermazioni sono state provate, tuttavia, si è scoperto che coloro che hanno agito in queste questioni per parlare di queste questioni, indagare su di esse e fermare queste pratiche sono stati poi capro espiatorio ed espulsi dalla CNT-AIT. Si verificarono una serie di espulsioni,

E così è successo che si sono verificate una serie di epurazioni e la Segreteria della CNT-AIT, stando dalla parte della fazione autoritaria, ha iniziato a tentare di sfrattare le persone dai loro locali. Va detto che ci sono molte situazioni diverse riguardo alle sedi CNT-AIT in Spagna; alcuni hanno registrato questi spazi ai loro enti locali, non all'Organizzazione Centrale, alcuni all'Organizzazione Centrale. Alcuni non esistevano nel passato storico e alcuni esistevano anche decenni prima della fondazione della CNT. Il fatto è che tutti questi locali sono stati mantenuti e utilizzati dalle persone che vi abitano, collettivi che ci mettono tempo, denaro ed energia.

I primi atti di violenza commessi dai membri del Segretariato sono stati a Cadice nel 2012. Si trattava di un paio di irruzioni nell'ufficio CNT-AIT a Cadice. Il sindacato di Cadice è stato determinante nel denunciare la frode commessa in Andalusia, ad esempio, come stavano comprando voti così coloro che erano implicati in questa frode hanno deciso che dovevano sbarazzarsene. Nonostante ciò, la CNT-AIT di Cadice ha continuato a operare, incontrando poco dopo un conflitto sindacale. Questa attività era ben nota a Cadice e la CNT-AIT Cadice ha agito per continuare l'attività anarco-sindacalista mentre i dirigenti della vecchia CNT-AIT cercavano di cancellarla dalla mappa. Il Segretario del Comitato Confederale ha scritto che si sarebbe impossessato di questo ufficio, che aveva cambiato le serrature e, se qualcuno avesse degli effetti personali all'interno, avrebbe dovuto fornire il proprio nome e le proprie generalità.

Dopo questo tentativo di sfrattare CNT-AIT Cadiz, che si è rivelato infruttuoso, i membri del Comitato Regionale dell'Andalusia sono apparsi sul posto di lavoro di un compagno e lo hanno minacciato con ogni sorta di cose. Successivamente, c'è stato un attacco fisico che è stato respinto da alcune persone del vicino che hanno visto cosa stava succedendo. Alla fine, il posto è stato derubato. Furono presi tutti i mobili dall'interno, bandiere, manifesti e libri. Va sottolineato che tutte queste cose sono state raccolte dai membri locali che hanno impiegato anni di sforzi collettivi per costruire lo spazio e la biblioteca. Anche la porta è stata distrutta, giusto per far dispetto a quelli di Cadice che hanno agito contro la corruzione nella loro regione.

Mentre ci sono stati altri incidenti e minacce di incidenti, ad esempio, contro il sindacato di Alcoy, forse i più noti sono stati il tentativo di irruzione negli uffici della Federazione locale CNT-AIT di Madrid qualche anno fa. Questa federazione, una delle più grandi della CNT-AIT, era stata per anni problematica per la fazione autoritaria e aveva tentato numerose volte di espellere alcuni dei suoi sindacati e persino l'intera federazione.

Diversi tentativi falliti di espellere la Federazione si sono imperniati su false accuse che qualcuno ha gridato a un'altra persona durante una manifestazione di essere un riformista. Quando il sindacato non ha espulso la persona ingiustamente accusata, i riformisti hanno cercato di espellere l'intero sindacato e quando la Federazione ha rifiutato di espellere il sindacato, hanno cercato di espellere l'intera Federazione (più di 500 persone).

Ecco come apparivano le purghe. Va notato che gli Statuti CNT hanno disposizioni che dicono che i membri espulsi non possono rientrare in un altro sindacato e i membri del sindacato espulso richiedono una decisione speciale durante la Plenaria che li espelle. Tuttavia, un certo numero di persone espulse è stato autorizzato a rientrare senza tali decisioni, in contrasto con gli Statuti.*

(* Una di queste persone era Miguel Perez, primo Segretario Internazionale del CIT.)

 

  • Infine, c'è stato un altro tentativo di espellere questa federazione dall'entità che ora si fa chiamare CNT-CIT. Va notato che ciò è avvenuto una settimana prima di un incontro nazionale per ratificare l'adesione al CNT-CIT. Questo fatto rappresentava la realtà di CNT-CIT a quel punto. I dirigenti hanno partecipato alle riunioni, hanno intrapreso azioni e decisioni e successivamente hanno chiesto ai membri di ratificare ciò che avevano fatto. Questo è stato un grande cambiamento dal prendere prima una decisione, poi affidare a un rappresentante eletto il compito di farlo. Tuttavia, con poche persone che la pensano allo stesso modo che controllano un gran numero di voti di membri passivi che si erano uniti al modello del sindacato di servizio, potevano aspettarsi che le decisioni fossero approvate.

 

Fatta eccezione per Federazioni come Madrid, la maggior parte dei cui sindacati aveva ancora una base attiva di membri impegnati in pratiche anarco-sindacaliste.

La Plenaria Regionale che si è svolta la settimana prima di questa ratifica, è stata una buona occasione per cercare di eliminare i dissidenti, ma prima che il voto fosse abbastanza discusso, un gruppo di persone guidato dal Segretario Regionale, è andato a portare lo sgombero nei locali della Federazione, dove due donne erano sole. Informando i compagni di quanto stava accadendo (mentre si doveva discutere di questa situazione), la gente è tornata per difendersi da questo sgombero esecutivo.

Tali erano le pratiche dell'attuale leadership della sezione spagnola del CIT nei confronti delle persone che sono membri del CNT-AIT.

Attualmente, l'avvocato della sezione spagnola del CIT fa denunce e denunce che possono portare alcune persone in carcere e cerca di ottenere circa un milione di euro di "danni" da CNT-AIT. Alcune persone in CNT-AIT, che sono funzionari legalmente registrati, devono affrontare una responsabilità personale di decine di migliaia di euro se il sindacato non ha quei soldi.

Tanto per promuovere l'anarco-sindacalismo in Spagna.

Anche altre organizzazioni nel mondo hanno avuto i loro turni ideologici scissioni e così via. In Francia ci sono 3 CNT - ognuno con la propria affiliazione o sigla finale e nessuno confonde CNT-AIT con CNT-SO e così via. Non c'è bisogno di tribunali e anche se alcuni possono essere critici nei confronti degli altri, non ci sono accuse che gli altri li stiano "danneggiando" e dovrebbero pagare loro un milione di euro.

Tuttavia, questo è solo il modo in cui alcune persone si qualificano per quello che sono.

Si adatta più agli ideali della meschina avidità che all'anarco-sindacalismo.

In occasione delle Giornate di Solidarietà con la CNT-AIT, proclamiamo che non dimenticheremo questa situazione e ciò che l'ha provocata.

Viva la CNT-AIT e l'anarco-sindacalismo!

Laure Akai

Segretario Generale, IWA

Membro dell'Unione ZSP di Varsavia

Date:  4 Maggio 2023 08:14

 

 

CGT, CNT e SO lanciano un appello pubblico all'unità di azione.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Scritto da Sandro Martedì 18 Aprile 2023 11:40

Spaine, Comunicato stampa:

CGT, CNT e SO lanciano un appello pubblico all'unità di azione.

°°°°°°°°°°°°°°

Il 10 aprile le tre principali organizzazioni anarco-sindacaliste del nostro Paese hanno presentato in conferenza stampa una dichiarazione a favore dell'unità e dell'unità di azione.

CGT, CNT e Solidaridad Obrera presentano un accordo per l'unità di azione delle tre organizzazioni. Un passo storico per l'anarco-sindacalismo. ---- Lunedì scorso, 10 aprile, presso la sede della Fondazione Anselmo Lorenzo a Madrid, le tre forze anarco-sindacaliste del nostro Paese hanno presentato congiuntamente un documento condiviso che chiede la confluenza e l'unità di azione del sindacalismo combattivo. ---- Trent'anni dopo la divisione dell'anarco-sindacalismo storico, le tre principali organizzazioni dello Stato spagnolo, la Confederazione Generale del Lavoro (CGT), la Confederazione Nazionale del Lavoro (CNT) e la Confederazione Solidarietà dei Lavoratori hanno presentato una documento congiunto intitolato Alla classe operaia. Per la mobilitazione e la confluenza.

Maribel Ramírez, Segretario dell'Azione Sindacale della CGT, Antonio Díaz, Segretario Generale della CNT e José Luis Carretero, Segretario Generale di Solidaridad Obrera, sono intervenuti alla presentazione del documento all'opinione pubblica. L'atto si è tenuto presso la sede della storica Fondazione Anselmo Lorenzo, legata al CNT, depositario del principale archivio del movimento libertario nel nostro Paese.

In un clima di cameratismo e di buone intenzioni, i tre portavoce hanno espresso il significato dell'accordo raggiunto. Antonio Díaz della CNT ha espresso che la confluenza ha l'obiettivo di "fomentare la lotta della classe operaia". Da parte sua, Maribel Ramírez della CGT ha espresso che "è responsabilità di tutti cominciare a unirsi e portare avanti una lotta comune contro le aggressioni che stanno avvenendo da parte del capitale e dello Stato". In questo senso, José Luis Carretero di Solidaridad Obrera ha espresso che l'unità di azione proposta dal documento arriva quando ci troviamo a un "crocevia storico" e ha aggiunto che le tre organizzazioni condividono un "passato comune" e che ciò che si sta proporre è "un accordo presente, per costruire un futuro".

Dopo i complimenti condivisi e le dichiarazioni di intenti, l'atto ha sviluppato i punti citati nel comunicato, a cominciare dalla rivendicazione di pensioni pubbliche dignitose. Antonio Díaz ha espresso che dobbiamo "promuovere l'idea che quelli di noi che devono lottare per le pensioni sono i lavoratori", e non solo i pensionati. Maribel Ramírez ha aggiunto che è necessario cercare di coinvolgere i giovani in questa lotta, e José Luis Carretero ha dato come esempio di lotta ciò che sta accadendo in questo momento in Francia con le lotte per l'età pensionabile. Proseguendo con lo sviluppo della lettera, si è parlato anche di lotta sindacale contro il gap salariale, rivendicazione del femminismo e difesa dei servizi pubblici.

I tre rappresentanti anarco-sindacali hanno anche condiviso l'idea del sindacato come "nuove istituzioni comuni", nelle parole di José Luis Carretero, che rappresentano una classe operaia eterogenea, con "molteplicità di soggetti", che ha a che fare con i lavoratori delle aziende strategiche, ma anche delle piccole imprese, dei lavori precari e delle lavoratrici autonome. Dal tavolo sono emerse anche "differenze organizzative" tra le tre forze sindacali, ma come ha espresso Maribel Ramírez "sono unite dallo stesso scopo" per aggiungere scherzosamente che era necessario ringraziare "il capitale e lo Stato" per aver favorito con la sua azione contro gli interessi della classe operaia "a far sedere le tre organizzazioni allo stesso tavolo".

Le tre organizzazioni anarco-sindacali hanno anche espresso la loro preoccupazione per la guerra in Ucraina, di cui hanno dichiarato che la principale vittima è la classe operaia. Antonio Díaz ha ricordato a questo proposito che "contro la guerra" è un segno distintivo dell'anarco-sindacalismo.

José Luis Carretero ha evidenziato come proprio la guerra riduca le libertà pubbliche, produca derive autoritarie e rafforzi leggi come la legge bavaglio che nel nostro Paese ha portato "in carcere chi scrive un tweet". In questo senso, il rappresentante di Solidaridad Obrera ha indicato che i sindacati presenti dovrebbero essere "scudi a difesa dei diritti conquistati".

Proprio da questa logica di confluenza, sostegno reciproco e solidarietà di classe, durante tutto l'evento è stata molto presente la situazione delle compagne della CNT rappresaglia nella Svizzera di Gijón. Maribel Ramírez lo ha espresso con chiarezza e forza: "Se toccano uno di noi, ci toccano tutti". L'atto si è chiuso con diversi interventi del pubblico che si è congratulato per l'accordo e che lo ha incoraggiato ad essere solo un primo passo per iniziative comuni che vadano di pari passo non solo con la lotta sindacale ma anche con l'incontro sociale nelle città , quartieri e città. Precisamente, per Miguel Fadrique, segretario generale della CGT, "l'esercizio di responsabilità che le tre organizzazioni stanno portando avanti deve andare oltre una dichiarazione e una conferenza stampa. Quella responsabilità deve portarci a costruire una seria alternativa sindacale e sociale, uno spazio che lavora insieme giorno per giorno e in cui si vede riflessa la maggioranza della classe operaia. Sopra la sigla c'è la difesa di diritti del lavoro e sociali sempre più deteriorati; e di fronte a ciò, solo l'unità della classe operaia potrà capovolgere questa situazione".

https://rojoynegro.info/articulo/cgt-cnt-y-solidaridad-obrera-presentan-un-acuerdo-para-la-unidad-de-accion-de-las-tres-organizaciones-un-paso-historico-para-el-anarcosindicalismo/

   

Verso l'8 Marzo. Sciopero Generale.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Maggio 2023 10:06 Scritto da Sandro Lunedì 06 Febbraio 2017 10:18

U.S.I. - Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

Confederazione di sindacati nazionali e di federazioni locali intercategoriali Segreteria gen Naz.

Largo Veratti 25, 00146 Roma Fax 06/77201444 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Udine Via G. Marchetti 46 33100 tel. 0432 1503360 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Milano Via Ricciarelli 37 tel. 02/54107087 fax 02/54107095 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Roma, 15 Gennaio 2017

Al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – fax 06 48161441 - 4821207

Al Min. del Lavoro e delle Pol. Sociali - Alla Direzione generale della tutela delle condizioni di lavoro Via Fornovo 8 Roma fax 06 46834884-86 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Al MIUR – Ministero Istruzione Università e Ricerca Viale Trastevere 76/a – ROMA

Ufficio Rel. sindacali fax 06 58492230-3893 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Coord. Amm.vo

Piazza Colonna n° 370 Palazzo Chigi - 00187 Roma

fax 06 67793543 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Al Dipartimento Funzione Pubblica fax 06 68997188 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Alla Commissione di Garanzia (applicazione L. 146/90 e s.m.i.) fax 06 94539680

E mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Alle Amm.ni pubbliche/Associazioni datoriali/enti/aziende/cooperative soggette a L. 146/90 smi

A Poste Italiane Spa RR.UU./Relazioni sindacali fax 06 59587979 c.a. Daniele G. Nardone

 

OGGETTO: COMUNICAZIONE E PROCLAMAZIONE DI SCIOPERO GENERALE NAZIONALE INTERA GIORNATA PER TUTTO IL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO, CON CONTRATTI PRECARI E ATIPICI, PER TUTTI I COMPARTI, AREE PUBBLICHE (Compresa SCUOLA) E LE CATEGORIE DEL LAVORO PRIVATO E COOPERATIVO, PER IL GIORNO 8 MARZO 2017, come COPERTURA SINDACALE DI SCIOPERO, IN ESECUZIONE DECISIONE ASSEMBLEA NAZIONALE DONNE E ASSOCIAZIONI DEL 27 NOVEMBRE 2016.

La Confederazione sindacale Unione Sindacale Italiana in sigla USI, comunica la PROCLAMAZIONE DI SCIOPERO GENERALE NAZIONALE INTERA GIORNATA PER TUTTO IL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO, CON CONTRATTI PRECARI E ATIPICI, PER TUTTI I COMPARTI, AREE PUBBLICHE E LE CATEGORIE DEL LAVORO PRIVATO E COOPERATIVO, PER IL GIORNO 8 MARZO 2017, come COPERTURA SINDACALE DI SCIOPERO, IN ESECUZIONE DI DECISIONE ASSEMBLEA NAZIONALE DONNE E ASSOCIAZIONI DEL 27 NOVEMBRE 2016, CONTRO LE VIOLENZE SULLE DONNE E LE DISCRIMINAZIONI SUL LAVORO E NELLA SOCIETA’, per permettere manifestazioni locali e nazionali del GIORNO 8 MARZO 2017

Motivi dell’agitazione sindacale e dello sciopero: CONTRO IL “FEMMINICIDIO” E LE VIOLENZE FISICHE, PSICOLOGICHE, MORALI CONTRO LE DONNE E LE LAVORATRICI, CONTRO LE DISCRIMINAZIONI E LE PENALIZZAZIONI SUI POSTI DI LAVORO AI DANNI DELLE LAVORATRICI, PER LA PIENA ED EFFICACE TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO, PER IL SALARIO-REDDITO MINIMO INTERCATEGORIALE NON INFERIORE A 1300 EURO NETTI MENSILI, PER LA PARITA’ DI SALARIO A PARITA’ DI LAVORO E LA RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO, CONTRO GLI EFFETTI DELLA PRECARIETA’ LAVORATIVA, PER LA STABILIZZAZIONE DI PRECARI E PRECARIE, PER L’ABBASSAMENTO DELL’ETA’ PENSIONABILE PER LE DONNE COME “RICONOSCIMENTO” DEL LAVORO SALARIATO E DEL LAVORO FAMILIARE, PER I DIRITTI SOCIALI E DI CITTADINANZA, PER UGUALI DIRITTI PER LAVORATRICI E LAVORATORI IMMIGRATE-I, PER LA CESSAZIONE E IL DIVIETO DI INDAGINI SULLA CONDIZIONE MATRIMONIALE, DI MATERNITA’, DI ORIENTAMENTO SESSUALE, SU ASSUNZIONI O LICENZIAMENTI DI DONNE E LAVORATRICI, CONTRO UTILIZZO PRATICHE DI SUBORDINAZIONE DEL LAVORO IN CASO DI MATERNITA’ O MATRIMONIO, PER LA SOCIALIZZAZIONE-GRATUITA’ DEI SERVIZI DOMESTICI E SOCIALI ESSENZIALI (asili nido, servizi sanitari e assistenziali ad anziani, figli, persone con disabilità), per la legittimazione nei processi per “femminicidi”, molestie, stupri e discriminazioni anche nei luoghi di lavoro, di COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DI ASSOCIAZIONI OD ORGANIZZAZIONI DI DONNE, PER IL PATROCINIO GRATUITO PER LE DONNE OFFESE DA VIOLENZE E DISCRIMINAZIONI, PER UNA CULTURA CHE NELLA SCUOLA, NELLE UNIVERSITA’ E NEI SERVIZI EDUCATIVI, BANDISCA TESTI E PRATICHE DI CONTENUTO SESSISTA.

La Confederazione sindacale nazionale USI, ACCETTA LE LIMITAZIONI IMPOSTE DALLE LEGGI E DAI CONTRATTI DI LAVORO SULLO SCIOPERO NEI SERVIZI MINIMI ESSENZIALI. SONO ESENTATE LE ZONE COLPITE DA CALAMITA’ NATURALI, O CON CONSULTAZIONI ELETTORALI, SI ASSICURANO I SERVIZI MINIMI ESSENZIALI E QUELLI OBBLIGATORI.

Saranno comunicate le adesioni di sindacati di categoria e comparto e articolazioni sciopero. Distinti saluti

Per la segreteria generale nazionale confederale

UNIONE SINDACALE ITALIANA USI

- Roberto Martelli

   

Pagina 11 di 139