Nibirumail Cookie banner

Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Parlamentari assenteisti:

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Giugno 2024 13:50 Scritto da Sandro Lunedì 17 Giugno 2024 13:26

Parlamentari assenteisti:

ecco come fanno a non andare in aula senza rimetterci un euro

Qualche volta in aula volano pugni e schiaffi. Più spesso è desolatamente vuota. Questa è l’immagine che il Parlamento offre ai cittadini italiani. Fra i due eccessi c’è, o ci dovrebbe essere, il lavoro di 400 deputati e 200 senatori, giustamente ben retribuito perché devono occuparsi esclusivamente dell’interesse del Paese e non essere corruttibili. Un parlamentare incassa ogni mese tra i 13 e i 15 mila euro. L’articolo 69 della Costituzione prevede che l’indennità sia stabilita per legge. Oggi la cifra si aggira intorno ai 5 mila euro netti. Il resto sono rimborsi per l’attività parlamentare, che vanno dalla diaria (3.500 euro) al rimborso spese (3690 euro per i deputati, 5.830 per i senatori) in parte da documentare e in parte forfettarie; dai 3323 a 3395 euro trimestrali per le spese di viaggio, ai 1200 euro l’anno per il telefono (solo i deputati).

I benefit

Si aggiunge il diritto a percepire la pensione dopo 5 anni di legislatura, al compimento dei 65 anni di età e benefit vari fra cui gli interessi sul conto corrente: il 5,44% per i deputati e dipendenti della Camera con il c/c presso Banca Intesa a Montecitorio, e il 3,50% per i senatori con il conto BNP Paribas. Un privilegio difficile da digerire per tutti i comuni mortali che sui depositi a vista ricevono fra lo 0,20 e lo 0,50%. Ma tant’è. L’articolo 67 della Costituzione ricorda che «ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato», il che significa che la partecipazione ai lavori di Camera e Senato non è un obbligo lavorativo, bensì una responsabilità dell’eletto verso il suo partito e verso chi lo ha nominato: a loro deve rispondere della sua attività parlamentare. E delle sue presenze e assenze.

Le regole

I regolamenti di Camera e Senato prevedono penalizzazioni in caso di assenza da sedute e Commissioni. In aula si contano solo le sedute in cui si vota e si deve essere presenti almeno al 30% delle votazioni giornaliere per evitare decurtazioni. Questo significa che nell’arco della giornata si possono saltare il 70% delle votazioni senza dare alcuna spiegazione. La presenza è certa perché il voto è elettronico. Lo stesso meccanismo vale per i lavori delle Commissioni (Giustizia, Affari Esteri, Giustizia, Difesa, Bilancio, ecc) dove la presenza del 30% è calcolata su base mensile, ma viene rilevata con il tesserino elettronico solo in ingresso e non in uscita. Inoltre, i resoconti dei lavori non sono così dettagliati e il voto è per alzata di mano. Sia in aula sia in Commissione, però, il parlamentare assente è considerato presente se giustificato. Le motivazioni ammesse: maternità obbligatoria, congedo di paternità, ricovero ospedaliero, malattia certificata, lutto per un congiunto (3 giorni), assistenza a un familiare invalido (3 giorni al mese). A validare le giustificazioni è il Collegio dei questori.

Chi controlla?

I membri del Governo in aula si vedono poco (sono una sessantina fra deputati e senatori), ma sono considerati in «missione» e, quindi, assenti giustificati. Però il ventaglio delle missioni è molto ampio: ognuna deve essere motivata e i parlamentari devono inviare al Servizio Assemblea dell’Aula i documenti sull’effettiva partecipazione. Ma queste informazioni non sono pubbliche e non è quindi possibile sapere se il tal giorno l’onorevole Tizio o Caio era effettivamente impegnato in missione. Nella categoria «missioni» rientrano gli incarichi affidati da Senato e Camera ai parlamentari per funzioni istituzionali, partecipazioni alle delegazioni delle assemblee internazionali o per i lavori nelle Commissioni. Spiega Luca Dal Poggetto, analista politico di Openpolis: «Nelle Commissioni c’è una grave carenza di trasparenza, i dati non sono tutti pubblici e non si possono verificare le presenze: da tempo chiediamo un intervento su questo, ma al momento l’argomento non è all’ordine del giorno». Nella pratica un parlamentare può non essere presente in aula e giustificato perché presente in Commissione, ma nella realtà stare da qualche altra parte a farsi gli affari suoi. Va precisato che anche il partito può giustificare i propri senatori e deputati. E lo fa molto spesso.

 

Assenti giustificati

I dati più completi sono quelli elaborati da Openpolis. Nonostante i lavori parlamentari si svolgano da martedì a giovedì (salve rare eccezioni) e nonostante le maglie larghe, nell’attuale legislatura l’assenza media è del 30,6% a Montecitorio e del 21,6% a Palazzo Madama. C’è il caso del deputato siciliano Antonino Minardo (transitato da Forza Italia, poi Lega e ora al Gruppo Misto): alla Camera ha partecipato a 47 votazioni (0,63%). Ma essendo Presidente della Commissione Difesa risulta in missione per la maggior parte del tempo, 7.419 volte, il che rende la sua percentuale di presenza altissima: 99,44%. Anche il deputato Giulio Tremonti (Fratelli d’Italia) è spessissimo in missione: 6.500 volte. Conta 266 votazioni in aula, pari al 3,54% del totale, ma la percentuale di presenza è del 90,12% giustificato dal fatto che è Presidente della Commissione Affari esteri, membro della commissione Finanze, e fa parte della Delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare della Nato. Il senatore Guido Castelli (Fdi) commissario alla ricostruzione aree colpite dal terremoto, ha una percentuale di presenza del 14,64%, ma alla fine risulta presente per l’86,69%. Il punto è: chi verifica l’effettiva partecipazione alle missioni? Dice Dal Poggetto: «il margine di discrezionalità è molto ampio e non è possibile sapere se alla fine si tratti di missioni camuffate o reali». C’è anche chi di incarichi non ne ha, come il senatore Claudio Borghi (Lega): presenza del 35,10%, con però un buon numero di congedi per cui è presente per l’87,57 %. Ci sono poi i leader di partito: Elly Schlein (Pd) e Giuseppe Conte (M5S) registrano rispettivamente il 24,2% e il 26,74% di presenze, mentre Matteo Renzi (Italia Viva) e Carlo Calenda (Azione) hanno il 53,59% e il 51,86%. Le assenze ovviamente giustificate.

 

Sul podio sale Antonio Angelucci, deputato della Lega: dall’inizio della XIX Legislatura, cioè dal 13 ottobre 2022, a fine maggio 2024 è stato presente a 13 votazioni in Aula su 7508, pari al 99,83% di assenze. È membro della Commissione Affari esteri e comunitari, ma non è stato mai in missione, eppure risulta giustificato per l’85,92% e pertanto non subirà alcuna decurtazione. Non ha fatto meglio nella legislazione precedente (2018-2022) da deputato di Forza Italia: 3,14% di presenze con 371 votazioni su 11.830. Peggiorata anche la «prestazione» della deputata di Forza Italia Marta Fascina, compagna di Silvio Berlusconi: in questa legislatura è risultata presente appena il 7,17% delle volte, con una percentuale di assenza del 92,83% delle votazioni. È segretaria della Commissione Difesa, ma non ha mai partecipato ad alcuna missione, però è stata «giustificata» l’80,26% delle volte.

Tutti salvi

Lo scorso aprile il deputato di Alleanza Verdi Sinistra Angelo Bonelli ha scritto ai presidenti di Senato e Camera Ignazio La Russa e Lorenzo Fontana per chiedere di intervenire contro l’assenteismo parlamentare con un tetto massimo alle assenze e prevedendo la decadenza dal mandato. Gli ha risposto solo Fontana ricordando le norme già in vigore sulla decurtazione e l’articolo 67 della Costituzione sull’assenza di vincolo di mandato. Le norme in vigore prevedono che per ogni giorno di assenza non giustificata vengano decurtati dai 3500 euro di diaria 206,58 euro per i deputati e 224,9 per i senatori a cui possono aggiungersi fino a 500 euro mensili in relazione alla percentuale di assenze da giunte e commissioni. A conti fatti però, fra presenze vere per cui basta il 30% e assenze giustificate, praticamente nessuno ci rimette un euroIl cittadino può ringraziare il partito che candida l’assenteista cronico, non vigila sulla sua effettiva partecipazione ai lavori parlamentari, e gli copre pure le spalle. Abdicando così alla sua funzione di garante verso l’elettore.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Ilaria Salis libera!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Giugno 2024 13:17 Scritto da Sandro Venerdì 14 Giugno 2024 13:14

Ilaria Salis è libera, via il braccialetto elettronico e fine dei domiciliari.

Ora può tornare in Italia e festeggiare i suoi 40 anni


Ilaria Salis è finalemente libera:

la polizia ungherese ha appena lasciato il suo domicilio a Budapest dopo averle tolto il braccialetto elettronico

e rilasciato un documento in ungherese.

È quanto ha appreso l'ANSA. La richiesta di scarcerazione era stata depositata dal suo avvocato ungherese Gyorgy Magyar subito dopo la sua

elezione come eurodeputata con Alleanza Verdi-Sinistra e questa mattina, 14 giugno 2024, è stata scarcerata dalla detenzione domiciliare.

 

   

Germany,Stop all'autoritarismo!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Giugno 2024 12:57 Scritto da Sandro Martedì 11 Giugno 2024 12:50

 

Germany, Dresden, AND: Stop all'autoritarismo!

Per l'autorganizzazione e la solidarietà! (ca, de, en, pt, tr)[traduzione automatica]

 

Tutti guardano all'AfD come ai presunti nemici della democrazia. Ma non è solo l'AfD a minacciare la nostra libertà con le sue idee fasciste. Le idee autoritarie sono diffuse nella società e le misure autoritarie sono spesso utilizzate dai partiti politici. Alla gente piace credere in leader forti che risolvono i problemi sociali. Gli attori politici sono felici di accettarlo e cercano di risolvere le crisi sociali limitando la libertà.

Ma cosa significa esattamente?

L'autoritarismo è un atteggiamento antidemocratico e antipluralista e sostiene gerarchie chiare, subordinazione e obbedienza. Nell'attuale politica tedesca ciò significa concretamente: più sorveglianza, più controllo, più polizia, più Stato, più leadership! - Nessuna soluzione ai problemi sociali!

Negli ultimi anni, in quasi tutti gli Stati federali le leggi sulla polizia sono state inasprite, conferendole maggiori poteri. Attualmente in Sassonia è in corso un dibattito sulla riforma della legge sull'assemblea, che limita i nostri diritti in occasione di eventi pubblici come le manifestazioni. Con la modifica al §129, le persone che si difendono dalla politica attuale, come gli attivisti climatici e gli antifascisti, ora possono essere condannate senza prove concrete. È sufficiente appartenere a un gruppo creato dalle autorità inquirenti.

Autoritarismo e capitalismo vanno di pari passo e perseguono interessi simili. Durante l'ultima grande ondata di scioperi del sindacato dei macchinisti quest'anno, aziende, politici e media hanno discusso intensamente del divieto di sciopero. Mentre istituzioni come Frontex si pubblicizzano con bandiere arcobaleno e quindi si impegnano nel pinkwashing neoliberista, alle scuole sassoni viene consigliato di non usare un linguaggio sensibile al genere nelle scuole e le ONG sono addirittura vietate nelle linee guida sui finanziamenti. Non si tratta solo dell'asterisco, ma della questione di chi può far parte di questa società e chi no. Questi sono solo alcuni esempi di una lunga serie!

A ciò si contrappongono tradizioni, valori conservatori e nazionalismo.

Certamente rispetto ad altri posti nel mondo, viviamo in relativa libertà. Ti fa ancora più arrabbiare vedere l'ampia approvazione sociale per le idee autoritarie. Niente di imparato, né dalla storia né dal presente.

Dobbiamo difenderci da questi sviluppi! Serve tutto, ma non misure più autoritarie. I problemi sociali non si risolveranno tagliando i finanziamenti e criminalizzando la povertà, né i problemi migratori saranno risolti con deportazioni, muri più alti e carte di pagamento per i richiedenti asilo. Il cambiamento climatico, che certamente non sarà fermato dal "business as usual", sta esacerbando i problemi sociali e costringendo le persone ad abbandonare le proprie case. Il capitalismo funziona solo attraverso lo sfruttamento e l'oppressione delle persone.

Dobbiamo impegnarci a livello locale e globale, collettivamente e in solidarietà. Dobbiamo lottare contro l'isolamento delle persone nella vita di tutti i giorni e organizzarci nel quartiere, a scuola e al lavoro. Dobbiamo vivere alternative su piccola scala per poterle attuare su larga scala, senza aspettare lo Stato o i leader.

Con la campagna Stop Authoritarianism vogliamo problematizzare gli sviluppi autoritari e di destra nella nostra società nell'anno elettorale 2024, dall'AfD al centro della società.

Lottiamo per una società libera e mostriamo alternative e possibilità di auto-organizzazione.

Vogliamo essere coinvolti nel discorso politico con una campagna e azioni di informazione.

UNISCITI E PARTECIPARE!

Tue, 11 Jun 2024 08:20:17

   

Pagina 1 di 140