Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Verso l'8 MARZO 2017.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Scritto da Sandro Martedì 07 Marzo 2017 12:06

 

Verso l'8 MARZO 2017.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Marzo 2017 10:31 Scritto da Sandro Martedì 07 Marzo 2017 10:29

Bergamo e provincia

Otto Marzo, sciopero per le donne: ecco trasporti e servizi a rischio

Uno sciopero nel nome delle donne. E' quello proclamato per l'8 marzo da una serie di sigle che potranno rallentare (o sopprimere) alcuni servizi, a cominciare dai trasporti, ma anche quelli sanitari.

 

Uno sciopero nel nome delle donne. E’ quello proclamato per l’8 marzo da una serie di sigle che potranno rallentare (o sopprimere) alcuni servizi, a cominciare dai trasporti, ma anche quelli sanitari.

L’astensione dal lavoro è stata annunciata dai sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc e Cgil (anche se non tutte le sigle aderiscono in tutte le aziende e le città) in concomitanza con la Giornata internazionale della donna e avrà una durata di 24 ore. Non riguarderà solo l’Italia, s’inserisce nello sciopero del “Movimento Internazionale delle Donne” (in Italia dal movimento “Non una di meno”) per protestare contro la violenza di genere.

Ecco le segnalazioni arrivate.

OSPEDALE PAPA GIOVANNI DI BERGAMO

L’ASST Papa Giovanni XXIII, in vista dello sciopero generale indetto da SLAI Cobas per il Sindacato di Classe, Cobas, USB, SIAL-Cobas, USI-AIT, SGB, ADL Cobas, USI e CUB Sanità per l’intera giornata dell’8 marzo, assicura agli utenti l’erogazione delle cure e dei servizi essenziali, ma segnala il rischio di possibili disagi e rallentamenti nelle prestazioni.

TRENORD

Trenord informa che Cub Trasporti, Sgb Sindacato Generale di Base e Usb – Lavoro Privato hanno proclamato uno sciopero da mezzanotte alle 21 di mercoledì 8 marzo. Pertanto il servizio Regionale, Suburbano, Aeroportuale, così come la lunga percorrenza di Trenord, potrebbero subire ritardi, variazioni e/o cancellazioni. Saranno rispettate le fasce orarie di garanzia [6-9 e 18-21): viaggeranno i treni inseriti nella lista dei «Servizi Minimi Garantiti», quelli la cui partenza da orario ufficiale è prevista dopo le ore 06 e l’arrivo a destinazione finale entro le 9 e la cui partenza da orario ufficiale è prevista dopo le 18. Eventuali ripercussioni sulla circolazione saranno possibili anche dopo la conclusione dello sciopero.

TRENITALIA E ITALO

Trenitalia ha comunicato che lo sciopero inizierà a mezzanotte di martedì 7 marzo e si concluderà alle 21 dell’8 marzo. Trenitalia ha comunicato che potranno esserci cancellazioni e ritardi su tutte le linee, mentre sarà garantito il servizio delle Frecce.

Per quanto riguarda Italo, sul sito Internet è stata pubblicata la lista dei treni garantiti. A Milano, invece, Atm prevede disagi dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. Per ora nessuna comunicazione da Atb e Sab.

AEROPORTI

Lo sciopero generale coinvolgerà anche i trasporti aerei dalla mezzanotte di martedì 7 marzo alle 23.59 di mercoledì. Il consiglio è quello di rivolgersi alla compagnia aerea con la quale si è prenotato il volo, o consultare i loro siti internet.

 

   

Verso l'8 MARZO 2017.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Marzo 2017 15:10 Scritto da Sandro Martedì 07 Marzo 2017 10:10

UN 8 MARZO DI SCIOPERO E DI LOTTA DI CLASSE

Non è che l’inizio!

In Italia e in altri Paesi del mondo, l’8 marzo è un giorno di sciopero generale. Numerose sigle sindacali di base e conflittuali hanno risposto positivamente all’appello del movimento di donne Non una di meno proclamando una giornata di sciopero per dire:

NO alla violenza maschilista e NO ai femminicidi.

Le Donne in Lotta e il Fronte di Lotta No Austerity hanno fin da subito sostenuto e rilanciato la campagna: questo 8 marzo è per noi una giornata di SCIOPERO GENERALE UNITARIO non solo contro la violenza maschilista, ma anche contro gli attacchi del governo e dei padroni.

Il Fronte operaio è ampio in sciopero per l’8 marzo. Scioperano dalla mezzanotte alle ore 21 le FERROVIERE e i FERROVIERI dei sindacati di base e, insieme con loro, le lavoratrici e i lavoratori degli APPALTI DI PULIZIA E DECORO dal sud al centro al noprd. Scioperano 24 ore le lavoratrici e i lavoratori di ALITALIA e di tutto il comparto aereo, aeroportuale e indotto (il presidio all’aereoporto di Fiumicino  si unirà al corteo romano di Non una di meno).

In molte città si ferma 24 ore il TRASPORTO URBANO.

Scioperano 8 ore le operaie e gli operai di importanti fabbriche: dalla PIRELLI di Milano (Bicocca e Bollate) alla SEVEL (FCA) di Atessa, dalla TEKFOR di Pinerolo allo stabilimento FCA (EX FIAT) di Cassino.

Scendono in sciopero per l’intera giornata anche le lavoratrici e i lavoratori di ROMA MULTISERVIZI, le lavoratrici e i lavoratori della SANITA’ e della SCUOLA. Sono in sciopero e in presidio le lavoratrici dell’AUCHAN di Torino che stanno subendo pesanti ritorsioni sul luogo di lavoro con trasferimenti punitivi (a Milano le Donne in Lotta e il Fronte di Lotta No Austerity organizzeranno un presidio in loro solidarietà davanti all’Auchan di Vimodrone).

L’8 marzo le Donne in Lotta e il Fronte di Lotta No Austerity sono in sciopero e scendono piazza al fianco dei movimenti delle donne per respingere la violenza maschilista. Pensiamo che questa giornata di sciopero possa e debba diventare per rafforzare l’unità delle lotte e rilanciare la mobilitazione contro gli attacchi del governo e dei padroni.


Per l’altra metà del mondo:

NON E’ CHE L’INIZIO!

 

Donne in Lotta No Austerity

Fronte di Lotta No Austerity

www.frontedilottanoausterity.org

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

   

Pagina 6 di 71