Nibirumail Cookie banner

Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Fortè USI firmano accordo a tutela dell'occupazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Settembre 2021 15:43 Scritto da Sandro Giovedì 23 Settembre 2021 15:41

Fortè USI e altra O.S. firmano con i lavoratori il transito

con la società IGES srl di ROMA.

 

L’USI Sicilia assieme ai lavoratori dell’ormai ex rete della grande distribuzione FORTE’ ha firmato il transito verso la società IGES srl di Roma che poi provvederà, nel rispetto di quanto siglato oggi, a completare l’assunzione dei lavoratori interessati con le società che gestiranno i 12 punti vendita acquisiti.

Questa prima acquisizione ha interessato ben 52 lavoratori che dopo circa tre anni di crisi, lotte, illusioni infrante, e disperazione che ha portato parecchi di loro a dimettersi per poter percepire la Naspi ed avere di che sopravvivere, sono tornati a vivere ed a sentirsi nuovamente parti integranti di questa società che purtroppo ne aveva distrutto le speranze, mettendoli ai margini senza appello.

Fin dall’inizio della crisi, l’USI, ha lottato con tutti i lavoratori per difendere il sacrosanto diritto al lavoro e rappresentando la loro legittima protesta presso tutte le istituzioni che potevano intervenire in loro difesa.

Abbiamo dato vita a proteste presso le Prefetture, abbiamo organizzato sit-in presso i punti vendita, abbiamo coordinato cortei per le vie di Palermo e di Catania per far conoscere la tragedia che ha colpito questi lavoratori, siamo stati ricevuti dal Vicepresidente della Regione Siciliana On. Armao per chiedere solidarietà.

Abbiamo organizzato due scioperi davanti al Ministero dello Sviluppo Economico e siamo riusciti a far inserire la Meridi srl, titolare del marchio Fortè, nel fondo salva aziende.

Grazie alla tenacia dei lavoratori e dei rappresentanti di Usi e altra sigla sindacale, che in piena pandemia, senza soldi e senza alcuna speranza hanno percorso centinaia di chilometri per coinvolgere tutti i lavoratori Fortè, oggi già una parte dei lavoratori hanno ottenuto il loro nuovo lavoro.

Il Segretario dell’Usi Marco Vizzini e il segretario dell'altro O.S. augurano ai lavoratori ed alle loro famiglie che sono stati assunti, di poter riprendere con tranquillità e serenità il loro nuovo percorso di vita con la certezza che dopo tutto quanto subito oggi sono consapevoli che uniti, e con la loro forza e la loro tenacia, si vince.

riceviamo e pubblichiamo

 

Adeguamento allo Sciopero Generale dell'11.10.2021

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Settembre 2021 08:38 Scritto da Sandro Lunedì 20 Settembre 2021 08:03

U.S.I. - Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

Confederazione di sindacati nazionali e di federazioni locali intercategoriali Segreteria gen Naz.

Roma Largo G. Veratti 25, 00146 Fax 06/77201444 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Udine Via G. Marchetti 46 33100 tel/fax 0432/1503360 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Milano Via Ricciarelli 37 tel. 02/54107087 fax 02/54107095 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Roma, 15 Settembre 2021 pagina 1 totale

Alla Commissione di Garanzia (applicazione L. 146/90 e s.m.i.)

via fax 06 94539680 e Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – via e mail Pec

Al Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili via e mail Pec

Osservatorio sui conflitti sindacali via e mail

Al Ministero dello Sviluppo Economico via e mail Pec

Al Ministero dell’Economia e Finanze via e mail Pec

Al Ministero dell’Interno via e mail Pec

Al Ministero della Salute via e mail Pec

Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dip. Funzione Pubblica e mail

p.c. Presidente del Senato della Repubblica fax

p.c. Presidente della Camera dei Deputati fax

Presidenza del Consiglio dei Ministri via fax uff. coordinamento 06 67793543 e per e mail

OGGETTO: ADEGUAMENTO ED ESCLUSIONE da SCIOPERO GENERALE NAZIONALE INTERA GIORNATA PER IL GIORNO 11 OTTOBRE 2021, PROCLAMATO DA CONFEDERAZIONE SINDACALE USI fondata nel 1912 in data 14/8/2021, come da nota della CdG prot. 0010508/gen DEL 13 SETTEMBRE 2021, rif. Pos. 1037/21 Settore GEN., ai sensi dell’art. 13 comma 1, lett. D) L. 146/90 e modificazioni con Legge 83/2000, di tutti i settori (Regioni Autonomie Locali, Trasporto Pubblico Locale, Igiene Ambientale,Telecomunicazioni, Elettricità, Gas-Acqua, Energia e Petrolio, Funerario, Ministeri, Trasporto Marittimo, C.N. Vigili del Fuoco, Trasporto Aereo, Trasporto Ferroviario, Appalti Ferroviari, Carburanti, Taxi, Elicotteri, Metalmeccanici, NCC Noleggio con conducente), comunque indicati nella nota citata della CdG del 13/9/2021, in relazione ai decreti dei Presidenti delle Regioni Autonome Trentino – Alto Adige e Sardegna e dell’Assessore delle AA.LL. della Funzione Pubblica della Regione Sicilia (per i Comuni delle regioni citate per consultazioni elettorali nei giorni 10 e 11 ottobre 2021). Richiesta di chiusura e archiviazione del procedimento a carico di Usi fondata nel 1912, in base all’ipotesi di violazione citata, di cui alla L. 146/90 e 83/2000 e a seguito di presente atto di adeguamento, ottemperanza ed esclusione come richiesto.

La Confederazione sindacale Usi Unione Sindacale Italiana, fondata nel 1912, adegua la proclamazione di sciopero, OTTEMPERANDO alla nota della Commissione di Garanzia per l’applicazione delle leggi 146 90 e 83 2000, nota CdG prot. prot. 0010508/gen DEL 13 SETTEMBRE 2021, rif. Pos. 1037/21 Settore GEN, ESCLUDENDO dallo sciopero del giorno 11/10/2021, tutti i settori (Regioni Autonomie Locali, Trasporto Pubblico Locale, Igiene Ambientale,Telecomunicazioni, Elettricità, Gas-Acqua, Energia e Petrolio, Funerario, Ministeri, Trasporto Marittimo, C.N. Vigili del Fuoco, Trasporto Aereo, Trasporto Ferroviario, Appalti Ferroviari, Carburanti, Taxi, Elicotteri, Metalmeccanici, NCC Noleggio con conducente), comunque indicati nella nota citata della CdG del 13/9/2021, in relazione ai decreti dei Presidenti delle Regioni Autonome Trentino – Alto Adige e Sardegna e dell’Assessore delle AA.LL. della Funzione Pubblica della Regione Sicilia (per i Comuni delle regioni citate per consultazioni elettorali nei giorni 10 e 11 ottobre 2021. Si invita la CdG a prendere atto di quanto indicato nella presente nota di adeguamento e ottemperanza ai sensi dell’art. 13 c. 1 lett. D) della Legge 146/90 e ss.mm.ii., a integrarla nelle esclusioni inserite nell’elenco scioperi e ad archiviare il procedimento, proprio perché data la natura “politico sindacale” dell’astensione collettiva dal lavoro del giorno 11/10/2021, non vi era alcuna volontà, avendo già operato la proclamazione dello sciopero in data 14 agosto 2021, non si sa se in data antecedente ai decreti citati per le Regioni a statuto speciale Trentino Alto Adige, Sardegna e Sicilia, per quanto riguarda l’ipotesi indicata di “rarefazione oggettiva”, da parte della struttura sindacale Usi, come soggetto proclamate né dei sindacati di categoria e comparto aderenti.

Si ringrazia per l’attenzione, si inviano distinti saluti.

La presente nota sarà trasmessa ai soggetti indicati dalla stessa CdG e citati nel presente atto, nei termini di legge previsti.

Per la segreteria collegiale generale naz. confederale di UNIONE SINDACALE ITALIANA USI fondata nel 1912

Prof. Giuseppe Martelli (responsabile organizzativo nazionale p.t.)

   

MALATESTA AL TEMPO DEL COVID-19

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Settembre 2021 11:38 Scritto da Sandro Venerdì 17 Settembre 2021 11:32

GRUPPO ANARCHICO CARLO CAFIERO BARI

ATTUALITÀ DI MALATESTA AL TEMPO DEL COVID-19

 

ANTIAUTORITARISMO E ANTICAPITALISMO, LIBERTÀ ED EMACIPAZIONE DALLA SCHIAVITÙ, COMUNISMO-ANARCHICO E AUTOGESTIONE SOCIALE - IN COSTRUZIONE ---- Medicina e anarchismo ---- (Pensiero e Volontà, 1° Marzo 1924)

Riceviamo degli inviti a far la propaganda a favore di questo o quel sistema curativo, fregiato degli aggettivi «razionale», «naturale», ecc., accompagnati da critiche, giuste o ingiuste, contro «la scienza ufficiale».

Noi non ne faremo nulla, perché non crediamo che l'essere anarchici dia a noi o ad altri il dono soprannaturale di sapere quello che non si è studiato.

Comprendiamo tutto il male che l'attuale organizzazione sociale, fondata sull'egoismo e sul contrasto degli interessi, fa allo sviluppo della scienza ed alla sincerità degli scienziati.

Sappiamo che molti medici, spinti dall'avidità e spesso forzati dal bisogno, prostituiscono quella che dovrebbe essere una delle più nobili missioni umane, e ne fanno un vile mercimonio. Ma tutto questo non ci impedisce di comprendere che la medicina è una scienza ed un'arte difficilissima che richiede lungo ed arduo tirocinio e non si apprende per intuizione - e per conto nostro, quando fosse il caso, preferiremmo ancora affidare la nostra salute ad un medico disonesto, piuttosto che ad un'onestissimo ignorante il quale credesse che il fegato si trova nella punta dei piedi.

Secondo noi hanno torto quei compagni che prendon partito per un dato sistema terapeutico solo perché l'inventore professa, più o meno sinceramente, idee anarchiche e si dà l'aria del ribelle e tuona contro «la scienza ufficiale». Noi, al contrario, ci mettiamo subito in guardia se vediamo che uno vuole avvalersi delle sue idee politiche per far accettare le sue idee scientifiche e ne fa una questione di partito.

Del resto, conosciamo qualcuno che, trovando comodo di guadagnarsi la vita facendo il medico senza esserlo, ha inventato un qualsiasi sistema di medicina «naturale» ed ha molto sbraitato contro i medici; ma poi, quando si è indotto a studiare ed ha potuto ottenere i diplomi, si è messo a fare il medico comegli altri.

Date: Fri, 17 Sep 2021 08:29:40

https://carlocafierobari.noblogs.org

   

Pagina 5 di 112