Nibirumail Cookie banner

Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Congresso USI 2022

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Marzo 2022 15:13 Scritto da Sandro Venerdì 04 Marzo 2022 12:28

Segreteria collegiale

Unione Sindacale Italiana

fedele alla Associazione Internazionale dei Lavoratori

PALERMO

Dal 29 al 30 aprile

CONGRESSO CONFEDERALE

UNIONE SINDACALE ITALIANA

Il 29.04.2022 c/o ex Real Fonderia alla Cala, Piazza Fonderia

Il 30.04.2022 c/o Cantieri Culturali alla Zisa, via Paolo Gilli n° 4.

Il Primo Maggio partecipazione al corteo di Portella della Ginestra.

 

 

VENERDI’ 29 APRILE.

Alle 12.00 accoglienza e accreditamento delle federazioni territoriale, dei sindacati nazionali e delle varie realtà locali.

 

Risultano accreditate le federazioni di:

MILANO; BERGAMO; UDINE; SICILIA; SIRACUSA; TORINO; GENOVA; RIMINI; ROMA; FROSINONE; CUNEO.

 

ORE 14,30.

Nomina Presidenza e Verbalizzanti.

Ore 14,45.

Presentazione Congresso

Ore 15.00.

L’USI e il sindacalismo rivoluzionario – l’autorganizzazione e il modello delle CAMERE DEL LAVORO –

 

Gli interventi saranno contenuti nel tempo dei dieci minuti.

 

·         Relazione di RENATO GREGO Segretario generale confederale uscente;

·        Relazione del segretario generale del problema Cuneo;

·        Cuneo e il riconoscimento delle strutture nominate dalle segreterie nazionale di categoria e il contezioso c/o il Tribunale del Lavoro;

·        Seguiranno interventi dei compagni presenti.

ORE 20 Interruzione – CENA

 

SABATO 30 aprile

Ore 09,30. Giuseppe Mercurio, lavoratore ex Fortè attuale RSA intervento sulle lotte in Sicilia;

ore 10.00. L’USI: Ruolo sindacale dal territorio al nazionale, e prospettive socio/culturale:

·        Vizzini Rosario della Segreteria Regionale Sicilia lotte sindacali e sociali a difesa dell’occupazione e del territorio;

·        Serenetta Monti RSU e Vicesegreteria Nazionale USI - C.T. & S, su: ruolo e vertenze delle partecipate al comune di Roma

·        Salvatore Corso segreteria provinciale Siracusa, su: iniziative sul territorio;

·        Relazione della segreteria nazionale romana e RSU aziendale;

·        Saverio Russo Milano relazione elezioni RSU al comune;

Tutti gli interventi dovranno essere contenuti tassativamente in dieci minuti.

Ore 13.00. Pausa Pranzo

ORE 15,30

Per la Segreteria Collegiale.

Relazione di SANDRO BRUZZESE:

·        Il sindacalismo alternativo in Italia, in Europa;

·        la situazione italiana.

 

Ore 16,30. DIBATTITO.

ODG:

Conferma delle valutazioni accolte sottoscritte e votate al CND del 5 dicembre 2014 che si mette a conoscenza di tutti i presenti.

 

1        tutte le modifiche apportate allo statuto dopo il 1984 sono da ritenersi nulli.

2        Non sono previste figure di segreteria organizzativa.

3        Fine collaborazione con USI Nazionale – della struttura CONS.

4        Saranno riconosciute solo strutture nazionali, intercategoriali, provinciali di categoria con trattenuta della quota in busta paga e quelle realmente operativi, impegnati sul territorio e nei luoghi di lavoro.

5        Tutte le strutture sono invitate tassativamente all’invio annuale dei dati associativi alla Segreteria Nazionale.

 

Votazione degli organi nazionali.

1        presentazione delle candidature per la segreteria collegiale e per l’esecutivo nazionale che collaborerà con la segreteria collegiale e con le varie funzioni/compiti da svolgere (con una assegnazione nazionale dei responsabili territoriali.

 

ORE 22,30 chiusura dei lavori.

PS:

Il comitato logistica in Palermo.

Vogliate prendere contatti con Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

I compagni si prenderanno cura dell'accoglienza in aereoporto e dell'ospitalità c/o i B & B  già a nostra disposizione.

Segreteria collegiale

Unione Sindacale Italiana

fedele alla Associazione Internazionale dei Lavoratori

 

NO ALLA GUERRA! CONTRO OGNI IMPERIALISMO!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Marzo 2022 14:43 Scritto da Sandro Giovedì 03 Marzo 2022 17:12

NO AL MILITARISMO!

NO ALLA GUERRA!

CONTRO OGNI IMPERIALISMO!

 

L’attacco della Russia in Ucraina imprime una svolta profonda nella guerra che dal 2014 colpisce il Paese, allargando il conflitto dalle regioni ad est dell’Ucraina e portando i combattimenti anche nelle regioni più occidentali, con il rischio di ulteriore allargamento del conflitto ad altri Stati europei.

È necessario per noi tutte/i prendere le distanze dalla propaganda militarista e guerrafondaia del governo Draghi e dei partiti che hanno votato la risoluzione dell’armamento al popolo ucraino.

La Guerra va condannata sempre, non vi sono nazioni buone o cattive.

Oggi come ieri, si combatte e si muore a difesa dei confini, gli uomini e le donne che vengono mandati a morire non difendono i propri interessi ma quelli della classe dominante.

Ricordiamo la cosiddetta “Euromaidan” del 2014, quando il Governo ucraino fu rovesciato da un movimento reazionario finanziato sostenuto dagli Usa e dall’Ue. Questo movimento nazionalista, in cui le milizie neonaziste di Pravyj Sektor hanno avuto il ruolo di squadroni della morte, autori di massacri indiscriminati come la strage nella Casa dei Sindacati ad Odessa.

L’Occidente che inneggia ai diritti nazionali dell’Ucraina, esponendo vessilli e bandiere degli ucraini quale facile propaganda, scordandosi i diritti dell’Irlanda, della Palestina, del Kurdistan, e dei popoli oppressi dell’Africa e del Sud America, sacrificati all’altare del profitto.

Il prezzo più alto di questa follia umana del potere e del profitto ricadrà pesantemente e in modo irreversibile sulla pelle dei lavoratori in Russia come in Ucraina, impoverendo i loro salari, il loro potere d’acquisto non meno della loro libertà.

L’economia globale non escluderà nessuno dalle difficoltà economiche che ogni proletario sarà costretto a subire. Esultano invece i produttori di farmaci e tutto ciò che è legato alla all’economia del dolore, come i venditori di armi, i venditori di cemento, ferro, di prodotti di prima necessità per i larghi e lauti profitti che la guerra si appresta a regalargli.

Lottare contro la guerra; Lottare contro i confini; Lottare per un salario dignitoso per tutte/i i proletari del mondo; Lottare contro il militarismo e la guerra.

Sosteniamo la pace e la cooperazione tra popoli.

Unione Sindacale Italiana

03.03.2022

   

Adesione allo Sciopero Generale. 8 marzo 2022

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Giovedì 03 Marzo 2022 12:17 Scritto da Sandro Giovedì 03 Marzo 2022 12:15

Milano 03.03.3022

OGGETTO: Adesione allo Sciopero Generale Nazionale per l’intera giornata PER IL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO, PER IL GIORNO 8 MARZO 2022.

Motivi dell’adesione allo sciopero:

L’Unione Sindacale Italiana aderisce allo sciopero nazionale indetto dal sindacalismo di base.

Noi donne non più l’anello debole del mercato del lavoro, dal COVID alla Guerra Tutto ricade su di NOI!

Negli Ospedale nelle case di cura nella grande distribuzione nelle famiglie, nel sociale, nelle scuole, nel pubblico impego, abbiamo dato tutta, senza chiedere in cambio nulla.

La violenza di genere è atto disumano contro di NOI tutte ovunque esso risiede e chiunque è il soggetto che lo metta in pratica sia esso il singolo o il potere politico economico.

Prendiamoci:

In ogni luogo di lavoro sicurezza salute e dignità;

Lavoro uguale a salario uguale;

Lotta a ogni forma di discriminazione di genere;

L’8 marzo è il momento per rivendicare come DONNE una società diversa senza la scure dei licenziamenti sia per noi che per tutte/i Lavoratrici e Lavoratori.

L’8 marzo dobbiamo gridare forte che a tutti spetta una vita migliore e migliore condizioni di vita.

L’età pensionabile a 55 anni.

La nostra attività domestica deve essere conteggiata al pari di ogni attività lavorativa.

 

NO AL PATRIARCATO!

NO ALLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE!

TUTTE ASSIEME E NON UNA DI MENO1

NO ALLA GUERRA

 

Vengono accettate le limitazioni di legge e dei CCNL sullo sciopero nei servizi minimi essenziali esentati le zono da calamità naturali le zono da consultazioni elettorali.

Distinti saluti

 

Per la segreteria generale nazionale confederale

UNIONE SINDACALE ITALIANA USI

Bruzzese Sandro

   

Pagina 6 di 119